Posts Tagged ‘último colpo del tonno’

MERLI MORTI, I MIEI CACHI NON SONO STATI

5 gennaio 2011

A dire il vero, un merlo morto l’ho trovato pure io, stecchito e congelato sulle piastre di waschbeton dove d’estate si monta la piscinetta , proprio sotto le scale a pioli appena unte con l’olio cotto. E la settimana scorsa la Iso ha riferito di un pesce spiaggiato sulla riva erbosa del fosso, bello rigido anche lui. Niente a che vedere coi grandi numeri dell’Arkansas dove le vittime, tra pesci tamburo e merli dalle ali rosse si contano a migliaia, e infatti al momento non mi sovvien alcuna voglia di mettermi a suonare il banjo. Comunque sia, colpa mia non è.

Ogni tanto è anche giusto che uno di questi uccellacci malefici ci rimetta la scorza, mai provato pena per loro quando li ho visti tirare gli ultimi tra le fauci dei gatti, anche quelle del Merdòn. A vederli zompettare in giro così sfacciatamenti opulenti, il sapere che su di loro pende una spada di Damocle rincuora, quasi vien da trasporre tutto al genere umano, anche se non ci sono gatti in grado di far fuori gli arroganti e i disonesti.

Ma l’essere avvelenati no, quello non se lo meritano neanche i merli, è un gesto troppo subdolo e vile. Eppure, un paio di mesi fa ho subito un sequestro di sei kili di cachi dall’autorità sanitaria provinciale. A me sembrava impossibile, ma avevano ricevuto segnalazioni secondo le quali il 70% dei cachi controllati risultavano positivi ad un pesticida usato appunto contro i volatili. In realtà i kili dovrebbero essere stati otto, ma ho rinunciato alla quantità campione che avrei dovuto conservare per le controanalisi.

Se cliccate sulla foto, vedete tutto meglio. Ah, dimenticavo: Oskar con la kappa pure questi….

Annunci

GRILLO, MA CHE COMBINI?

12 novembre 2008

grillo1

da Repubblica.it   Cassazione, non ci sono le firme. Saltano i referendum di Grillo

È un po’ che non vi parlo di Claudio, il mio amico/concorrente/socio col quale ho coltivato il bar quest’anno, e già che lo faccio ne approfitto per benedirlo. È stato per merito suo che non sono andato al V-Day2 di Beppe Grillo il 25 Aprile, dove avrei senz’altro firmato i referendum che proponeva, quelli per l’abolizione dei finanziamenti alla stampa e dell’ordine dei giornalisti, e quello contro la legge Gasparri dulla TV. Vista la fine che han fatto quelle firme, un bel pomeriggio a potare i meli di Claudio è stato assai più  proficuo.

Dopo aver letto che le firme non bastano perchè alcune centinaia di migliaia di esse non risultano regolari, e pensare che magari in mezzo a quelle potrebbe esserci anche la mia, ad aver detto di no a Claudio mi sentirei veramente una merda.  E facile che non sono neanche l’unico, chissà quanta gente quel giorno aveva programmi più interessanti.

Certo che forse, prima di raccogliere scarrettate di firme per un referendum, almeno un’occhiata alla legge che lo regola il Grillo poteva anche dargliela, giusto per non far firmare la gente a vanvera. Insomma, il succo è che i referendum di Grillo non si fanno, e magari il primo ad esserne contento è proprio lui, meno rogne e può anche fare la vittima del sistema

ALTRO CHE OBAMA, QUI CI SONO DIVINA E DELLAI

4 novembre 2008

Sono giorni di svolta storica questi, quasi tutto il mondo ha l’occhio puntato verso le cabine elettorali americane, che in un solo giorno possono cambiare il corso della storia (è già successo nel 2000, Al Gore non sarebbe mai andato in giro con quel cane). Quelli che vogliono il cambiamento tifano per Obama e quelli che vogliono andare avanti così parteggiano per Mc Cain. E molto probabilmente, nonostante la gufata di Vox, vincerà Obama e anche Mc Cain trarrà buoni ma ingannevoli auspici dalla sconfitta, considerando che ai presidenti col Mc davanti, la statistica conferisce il 100% di probabilità d’essere uccisi da Leon Czolgosz,

Obama o Mc Cain insomma, quasi tutto il mondo aspetta il verdetto consapevole, che in ogni caso la propria vita ne verrà influenzata. Sappiamo tutti che vincerà Obama, ma ci appassioniamo comunque.

Il resto del mondo siamo qua, in Sudtirolo. Qui di Obama o Mc Cain frega niente a nessuno, per la SVP quello che conta è come andrà a finire a Trento tra Divina e Dellai,  a seconda della vittoria dell’uno o dell’altro farà la giunta con PDL o col PD (questione di opportunità politica, dichiarano). Apparentemente la SVP sembra messa malissimo, uscita malconcia dalle elezioni e perdippiù costretta a dipendere dai trentini, in realtà essa è al massimo del potere. Spiegare il perchè sarebbe troppo lungo e renderebbe più noioso questo post, che già di suo non è un granchè

MATERASSABILE, MA SENZA LA MINERALE

25 maggio 2008

Da quando la Wood mi ha definito “un bell´uomo materassabile” la mia vita non è più la stessa, ogni volta che esco e parlo con una donna un dubbio subdolo m´assale, sarò materassabile anche per questa? O magari addirittura materassabilissimo, anche se in questo caso il superlativo non aggiunge niente, anzi quasi quasi toglie qualcosa.

Il problema è che finora non ho chiesto a nessuna come la pensasse sull´argomento, anche perchè non sono certo domande che si fanno mentre stai sorseggiando una mezza minerale, ci si fa una pessima figura e magari incoraggi anche risposte negative. Da domani comunque si cambia, finisce il ramadam analcoolico e con una birretta in mano si può anche rischiare la domandaccia. È tutta teoria ma è importante anche quella.

La quaresima personale non me la sono certo imposta per un piacere ascetico, ma è un necessario accorgimento per presentarmi alla visita per la patente con un sangue puro e scevro da tracce alcooliche come quello di un neonato. Domani andrò a fare le analisi e i risultati, dopo quindici giorni di astinenza dalla birretta quotidiana, commuoveranno i giudici della commissione patenti, almeno si spera.

Lo 0,79 promille col quale l´anno scorso fui sorpreso alla guida della mia Fiat Palio Weekend (controllo campione, nè incidenti nè altre infrazioni, sfrecciavo a 50 all´ora tendendo normalmente la destra) mi impone di ripresentarmi alla visita per ottenere il prolungamento della validità della mia patente, l´anno scorso me la diedero per un anno, dal momento che ero recidivo (ho nel curriculum anche uno 0,78 nel 2005).

Oltre a questo, ho anche dovuto frequentare un corso di riabilitazione alla guida tenutosi l´anno scorso in quattro sabati pomeriggio agostani, ed ottenere il relativo attestato di frequenza, una condanna penale con ammenda di 400 euro in sostituzione di 5 giorni d´arresto, il ritiro della patente per 15 giorni e 10 punti. Niente da dire, tutto giusto, anzi mi è andata anche di lusso perchè le nuove norme sono molto più severe. E i 15 giorni di astinenza servono a dimostrare che non sono un alcolista, anche se adesso una birretta me la berrei volentieri.

Sarà per domani, e per quando esco adesso ho Gino, il mio etilometro personale

ALEMANNO, CHE BRUTTA VOCE

24 aprile 2008

Sto diventando un grande chitarrista di destra, intesa come mano. Mi capita ogni tanto di cannare un accordo, ma il tocco e la pennata sono magici, anche se solo per me. Torno adesso da una serata di prove in acustico coi Nuovi Tori, acustico nel senso che mancava Sandro il batterista e quindi potevo ballare come i topi quando manca l gatto. Abbiamo provato dei pezzi in cui c´erano dei dubbi e rispolverato degli inediti che abbiamo deciso di proporre. Mentre scrivo, ho la TV accesa su Porta a Porta, per cui se mi scappa una stronzata, tenete almeno in considerazione la possibilità che ni sia scappata per un inconscio tentativo di emulazione.

I Nuovi Tori hanno scoperto la mia abilità chitarristica e questo finalmente chiude la mia giornata, una di quelle dove volevo fare un sacco di cose e sono riuscito a farne solo la metà. Solo un cosa prima di chiudere, ma non pare anche a voi che Alemanno abbia una voce che è incompatibile con la carica di Sindaco di Roma, una delle grandi capitali europee? questo mi è venuto in mente ieri ascoltando la TV mentre facevo la doccia, in tutta onestà devo dire che una voce così brutta (stridula e monocromatica allo stesso tempo),  l´avevo sentita solo da un giornalista (credo si chiami Giordano). Chiaro che uno non lo si vota per la voce, ma davvero è un particolare così trascurabile?

PETO D´ARTISTA, CHE CONTEST!

12 gennaio 2008

manifestopeto.jpg

Non mi sono mai piaciuti i contest e non ho mai amato gli artisti, sopratutto chi tale si autodefinisce. Non capisco cosa, oltre all´amicizia con gli autori di questo contest (i Maghi Scalzi), mi spinga a dedicargli un post e magari a parteciparvi. Un sospetto ce l´ho, specialmente se mi vado a rileggere questo, ma per fortuna è solo un sospetto

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO

31 dicembre 2007

tonno2.jpg

Uscita senza pretese, è stato qualche giorno fa. Vado a vedermi un concerto dei miei amici Eugenie e a fine serata non so perchè ne per come, ma mi ritrovo con una chitarra in mano seduto sul palco con la gente rimasta davanti. Come chitarrista non sono mai stato un granchè, la suono da 25 anni e sono fermo al sesto mese, ma è quasi meglio così, qualcuno rideva anche per quello.

Attacco a snocciolare qualche pezzo dei miei e subito si crea una bella atmosfera, vado avanti una mezzoretta, la gente si diverte e io pure. Tutto questo senza neanche un microfono, impegno tecnico zero, niente da caricare o montare. Mi autoauguro che il nuovo anno mi porti ancora momenti come questo, magari nei posti da dove mi state leggendo.

Vi faccio gli auguri postando il testo di una canzone a cui ancora non ho messo una melodia che mi convinca, ne ho una provvisoria che, come spesso mi accade, lo resterà per parecchio

tonno.jpg

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO

E così, mi vuoi lasciare, senza neanche darmi il tempo di potermi almeno un po’ preparare.

Com´è triste uscire di scena, e com´è umile dover rinunciare ad un´ultima cena

e arrivare a imprecare contro la sorte, con la voce che sempre più forte assomiglia a quella di un bestione ferito

 che si avventa su tutto ciò che sia in movimento, aggredisce la sua ombra,

cerca di strapparla, portarla con sè nella tomba.

Poi svanisce la tensione dai nervi, e sale cinico il canto dei corvi.

Il momento è solenne e l´orchestra in silenzio sottolinea il supplizio,

nonostante sia freddo nessuno tossisce, qui bigogna piazzarci un bel colpo ad effetto:

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, QUELLO DA CUI LUI NON SI RIPRENDE PIÙ

Il tonno è un animale poco considerato, per alcuni è degno solo di stare inscatolato

ma nell´ultimo colpo che il tonno dà, c´è una suprema dignità…

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, QUELLO DA CUI LUI NON SI RIPRENDE PIÙ

Arpionato sulla schiena dalla fiocina del pescatore il povero tonno no, non lo sa che sta per crepare

caricato a forza sulla barca da agili e fragili braccia umane, solamente adesso realizza di essere prossimo alla fine

e si dibatte, e si contorce e si ribella, anche se sa che non serve a niente, poi s´acquieta sembra andato finalmente

ma lui sta solo preparando un´uscita di scena decente, l´ultimo colpo del tonno, l´unico davvero importante

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, QUELLO DA CUI LUI NON SI RIPRENDE PIÙ

E come me, che tra un po’ ti dovrò salutare, e vedrò questa storia d´amore miseramente finire

un´ultima soddisfazione ti prego non mi negare, l´ultimo colpo del tonno lasciami almeno provare a tirare

L´ULTIMO COLPO DEL TONNO, NON È COME IL CANTO DEL CIGNO MA TI GIURO SICURAMENTE A ME VIENE MEGLIO