Posts Tagged ‘Sto male’

GRAZIE ALLA VITA (O.Ferrari)

5 ottobre 2007

frozen-tears.jpg

Andando a Lourdes

rimasi paralizzato

cadendo nella fontana

porca puttana.

Andando a Medjugorie

persi tutti i miei cari

morirono avvelenati

cevapcici avariati.

Santa Maria Goretti, San Pasquale, San Gennaro, San Vitale

Santa Lucia, Santa Rita,

grazie alla vita

che mi ha dato danto

…scusa se ho pianto

 

per ascoltare il brano vai sull´immagine

ECCOLO, IL MEME

20 agosto 2007

raccolta-fichi.jpg

Ormai l´hanno fatto quasi tutti, il MEME di ferragosto, che poi sarebbe una normalissima catena internettesca dove devi elencare un numero da 5 a 10 di cose che ti danno fastidio. Ho provato ad evitarla, magari anche inconsapevolmente, ma il pensiero di quest´obbligo morale verso la Guressa (mi ha nominato) mi scuote l´anima, non mi fa dormire, mi rende meno rilassante persino l´evacuazione mattutina, insomma mi da fastidio. E una, anzi due perchè metto in conto anche il fastidio che mi sale quando non si chiamano le cose col proprio nome (MEME sta per catena come afroamericano a negro e operatore ecologico a spazzino).

Mi reputo una persona abbastanza tollerante, sia nei confronti degli altri che (sopratutto) di me stesso, per cui non sono molte le cose che mi urtano, e dover per forza pensare proprio a queste mi da fastidio. E tre.

In questo periodo sto raccogliendo fichi. Fichi di colore blu scuro, dolcissimi ed inconsueti, almeno dalle mie parti dove tutti hanno quelli verdi (buoni anche quelli, per carità, ma quelli della foto sono un´altra cosa).

 Le foglie e i rami del del fico al contatto con la pelle provocano una sensazione di prurito per niente gradevole, la resina lattea che producono ti si incolla su tutta la peluria disponibile (che nel mio caso è parecchia), e anche questo non è piacevolissimo. Se poi fa caldo e ti capita di doverti detergere il sudore la sensazione di fastidio aumenta ulteriormente, specialmente se magari hai la barba d´un paio di giorni. Aggiungendo anche che i miei alberi di fico sono abbastanza alti (abito al secondo piano e il più grande sta già superando il tetto), e che quindi devo usare delle scale da incastrare bene tra i rami, che sono molto elastici ma quando si rompono lo fanno senza preavviso, si intuisce che il livello di attenzione deve sempre essere al massimo.

Prurito, bruciore, braccia, mani e pelurie appiccicose, ogni tanto qualche goccia di latte urticante che mi cade nel collo e non mi posso neanche distrarre, concedetemi che questa valga almeno come due.

…e adesso devo passare la catena, e lo faccio chiamando in causa chi ne ha voglia, con un occhio particolare  agli inlinkabili, quelli il cui nick compare in nero nei commenti

UPDEIT: aggiungo altre cose che mi danno fastidio

6. La sabbia nei preservativi

7. la senape nel caffè

8. quelli che dicono di non saper mentire

ESTATE

15 giugno 2007

Si può ripostare un post? no che non si potrebbe, ma…

Estate. Donne facili, dissolute

d´estate, si suda forte e viene sete

Estate, pianti senza ragione

e state dietro che vi conviene

Estate. Gelati, soldi a palate

Estate, cremine e succhi di carote

Estate, cuori pieni ferite

e state sopra se ci riuscite

Il cielo d´estate, limpido, a volte terso

sempre così uguale ma sempre così diverso

Estate, cielo limpido, cielo scuro

Estate, cielo unto, cielo duro

cielo durissimo, cielo marmoreo, cielo satanico, cielo sulfureo

cielo vulcanico cielo rugoso, cielo senza limiti, cielo peloso

cielo grigio su, cielo grigio giù, cielo sopra Berlino

rosso, giallo verde…

cielo grigio su, cielo grigio giù, cielo sopra Berlino

piccolino

così piccolino, fa tenerezza, quasi pena

 

clicca sull´immagine o qui per ascoltare il brano