Posts Tagged ‘Oskar Ferrari’

OSKAR KHUELLO FERO

13 febbraio 2008

leeoskarnaturalblues.jpg

Qui da noi in Südtirol, delle elezioni ce ne frega pochissimo, è dura dirla ma chiunque vinca, per noi è lo stesso. Ho buone ragioni per pensare che questo mio blog sia molto più frequentato fuori dai confini sudtirolesi (che spesso sono molto più mentali che orografici) che dalle mie parti, e allora qualche volta mi diverto a “spiegare” il Sudtirolo agli altri italiani, che ne hanno un´immagine molto spesso da cartolina, tutta mercatini e piste da sci.

Da noi le elezioni si potrebbe anche fare a meno di farle, in fin dei conti sono tempo e soldi buttati via, tanto che a parte un´eccezione (quella canonica che conferma la regola, a Bolzano una volta hanno eletto il sindaco sbagliato per sette voti, ma hanno subito rimediato), le elezioni sono sempre andate come dovevano andare. Casomai dove si decide qualcosa è nei caucus della SVP, il partito votato dal 90% dei tre quarti degli elettori.

Non si sa ne perchè ne percome, ma qui si al Senato si vota ancora coi collegi uninominali, col Mattarellum insomma, il Sudtirolo è diviso in 3 collegi, vince chi prende più voti. Nei collegi di Merano e Bressanone non c´è trippa per gatti, il senatore è talmente SVP che addirittura nella prima repubblica ci fu l´unico caso di elezioni suppletive al Senato ( era morto l´unico senatore che aveva preso più del 65% necessario per non essere eletto coi resti come tutti gli altri). Nel collegio di Bolzano invece, in teoria la cosa sarebbe più equilibrata, ma anche qui la SVP ha fatto bottino pieno.

C´è da riconoscere che quelli della SVP sono dei grandi, nel 2001 fecero uno scambio alla pari con l´Ulivo,  seggio al Senato per Oskar Peterlini (SVP), seggio alla Camera per Gianclaudio Bressa ( bellunese Ulivo, a Bolzano nessuno sapeva chi fosse). Nel 2006 alla Camera andarono per conto loro (col proporzionale) ma al Senato riconfermarono Peterlini con i voti del centrosinistra. Adesso puntano a ricandidare Peterlini punto e basta, e alla fine ce la faranno, tranquilli tutti.

Qualcuno del PD ha proposto che al posto di Peterlini fosse candidato un loro esponente di lingua italiana, giusto per rendersi presentabili al loro elettorato. A loro voglio tendere la mia generosa mano, candidate me, ho tutte le carte in regola. Non so perfettamente il tedesco, ma nel dialetto sudtirolese me la cavo alla grande, l´unico ostacolo potrebbe essere rappresentato dal mio Oscar senza kappa (anche se metà della posta che mi arriva è indirizzata Oskar Ferrari). Ma tranquilli che faccio solo due anni e mezzo, giusto per prendere la pensione, e poi potete di nuovo mandarci Oskar khuello fero 

SE PROPRIO VI PIACE, CHIAMATEMI OSKAR

5 settembre 2007

oscar9c2b01pm9.jpg  

Scusate se insisto ma anche oggi, 15 persone (odio il termine visitatori, così come odio la parola “consumatori”,  sembra che si riferisca a gente inutile, che serve solo a consumare risorse senza produrre alcunchè di positivo), sono capitati su questo blog cercando di Oskar Ferrari.

Oskar Ferrari  su internet non esiste, e forse neanche nella realtà, perchè volete per forza che sia io? Se penso a lui me lo immagino così:

Capelli biondicci corti davanti e lunghi dietro, come questo qui, Oskar Ferrari guida una Golf con lo spoiler, tiene la coda di volpe attaccata allo specchietto e ha tutti i CD degli ABBA e dei Kastelruther Spatzen. Oskar Ferrari parte facendo fischiare le gomme, va alla festa campestre a mangiare il pollo e beve birra fino a che le esce dalle orecchie. Ed è meglio che mi fermi qui, prima di trovare qualche somiglianza imbarazzante.

Ormai ci sto facendo il callo, ma ho paura che prima o poi anch´io mi convincerò di essere lui, di essere Oskar Ferrari. Avrei anche il vantaggio di essere univoco, ma dovrei rinunciare al piacere di essere confuso con un fotografo d´architettura, un deejay, un tanghero, e un contrammiraglio della marina argentina.

E poi,  ve lo immaginate il supertelegattone, che appoggiato all´antenna centrale vi dice “ se vi piace, chiamatemi Oskar” ?????