Posts Tagged ‘giornali finanziati dallo stato’

TUTTO È CONFUTABILE

26 febbraio 2010

Repubblica.it 26 febbraio a un quarto all’una

Mills, la Cassazione ha deciso
“Il reato c’è, ma è prescritto”
    allora arrestate il medico

G8, la lettera sigillata sugli appalti
“Ecco chi si aggiudicherà i lavori”
   sigillata perchè?

 Gheddafi: jihad contro la Svizzera “No al referendum sui minareti”   ma come, era a fine Novembre e lo hai saputo solo ora?

Bridge, no ai Mondiali: “Mi sento tradito” altro che mi sento”…

La ricerca: “Fumare riduce l’intelligenza”  sarà anche vero, ma allora come mai ci sono in giro sempre meno fumatori e sempre più stupidi?

Celentano interviene ad “Annozero”  “Dopo il principe, Sanremo può chiudere”   Anche Annozero dopo Celentano

Andrei anche avanti, ma è un casino col copiaincolla e son quasi pronti gli spaghetti. Tutto è confutabile, tranne il fatto che qualcuno dalle mie parti scarica nel pluviale cose che andrebbero altrove

OBAMA, CUARTACLASSE E LA LIBERTÀ DI STAMPA

5 ottobre 2009

sala_stampa

Fratello Obama, se hai bisogno di un portavoce te lo faccio io. Sarà anche perchè a me il Dalai Lama sta sui coglioni da tempo, però fai bene a non riceverlo. È che non devi perderti in spiegazioni assurde, tipo quella che non vuoi irritare il governo cinese o che. non credi tanto a questo tipo di incontri. Così te la giri contro, è normale che qualcuno protesti. Devi semplicemente dire ” Eccheccazzo, sono Obama, uno che è partito dal niente e col lavoro e la forza di volontà sono arrivato alla Casa Bianca. Mi arriva questo Dalai Lama, la cui autorità su uno stato che non esiste (sorry, sul mappamondo non c’è), afferma di averla ricevuta tramite reincarnazione, se devo ascoltare tutti quelli così non la finisco più”

Tutto questo era un’introduzione per parlare della libertà di stampa, ma anche questa è un’ introduzione.  Con i giornali finanziati dallo stato, un ordine professionale inabrogabile (aveva fatto finta di provarci Beppe Grillo, ma era solo fumo negli occhi), un sindacato unico che in Italia se lo permettono in pochi tra i quali la Confindustria, non  è che per caso i giornalisti farebbero bene a guardare anche in casa loro? E poi c’erano anche in bella mostra le bandiere del PD, che con le sue assenze ha di fatto fatto passare le scudo fiscale, ottima compagnia davvero.

La doppia introduzione serviva solo per annunciarvi che riprende cuartaclasse su Radio tandem di Bolzano, il programma di chi ha perso il treno da me condotto in compagnia dell’ineffabile Cabassa e dalla dolce Stefanella. Un progranna di vero giornalismo militante che vi dà le notizie che il circuito informativo del regime vi…vi… occulta. Quest’anno andiamo in onda il martedì adalle 21 alle 22.30