NON TUTTI I MEMORIAL PORTANO SFIGA

Lungi da me il luddismo, ma a me un po’ dispiace che i nuovi televisori li fanno piatti. Suonava poetico sintonizzare il tubo catodico sul canale austriaco. Il plasma lo associo troppo alle trasfusioni e alla respirazione difficoltosa. Ma niente muore per sempre, è tornato il vinile, tornerà anche il non digitale.

Ignorate pure il presente paragrafo, ma per me quando in un posto che si chiama Camera, sei costretto a chiedere la fiducia a uno che si chiama Bocchino, tanto lontano non vai. Meglio il classico bagno tanto caro alla sinistra preveltroniana. Dell’altra, ancora nulla si sa.

Insomma, mi fanno il Memorial, ma non è tutto loro quello che luccica. Sto imparando a suonare meglio la chitarra. Dopo cinque lustri abbondanti passati a galleggiare tra il terzo e il quarto mese di impraticatura col sopracitato strumento, nelle ultime due settimane sono quasi arrivato al terzo anno. E tutto ciò è senz’altro positivo, un Memorial preso col giusto piglio non deve per forza portar sfiga

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

18 Risposte to “NON TUTTI I MEMORIAL PORTANO SFIGA”

  1. Mattia Says:

    Io una toccatina se fossi in te me la darei..poi vedi tu..

  2. professor Muschio Says:

    Ma un memorial in vita è come leggere un coccodrillo sbagliato sul giornale?

  3. mangrovie Says:

    Quella foto mi pare un pò ritoccata…ho una tua foto con bermuda ed anguria e la pancia più che un sixpack pare l’ortaggio in primo piano. (a proposito potrei mettere su una bancharella all’uscita del memorial!) Che tu abbia imparato a suonare la chitarra mi da fiducia: vuoi mai che finalmente imparerò a suonare la fisarmonica?

    • reditugo Says:

      Sei sulla buona strada per cogliere il carattere introspettivo dell’immagine. Il sixpack che esteriormente, nella realtà, non sarà così evidente, dentro ci sta tutto.

  4. nadiaflavio Says:

    Se impari bene passami il metodo.
    Sai, io ho imparicchiato da solo a quattordici anni a pari passo con l’autoerotismo e non ho progredito di molto, con la chitarra intendo!!!

  5. alianorah Says:

    Io una grattatina al posto tuo me la darei.

  6. alianorah Says:

    Ecco, ho detto la stessa cosa di Mattia ma me ne sono accorta dopo. Viva l’originalità.

  7. yomo Says:

    ricordati di portare le pillole per la pressione e i cachi per il premio nik lauria alla carriera!

  8. Dona Says:

    Ma flavio… dicesti che era stato un successo, l’altra sera, … con la chitarra!!!
    Pardon Oscar per la divagazione
    Dona

  9. Oscar Ferrari Says:

    DONA: ma divaghiamo pure, anzi trivaghiamo, meglio abbondare…
    YOMO: allo yogurt ci pensi tu?
    ALIANORAH: lo farei, ma ho paura di rovinarmi le unghie…
    FLAVIO: basta evitare i maggiori, le terzine, le diminuite e concentrarsi sulle quarte…
    REDITUGO: tutto il resto è di protezione
    MANGROVIE: lo confesso, è ritoccata. Quello che ho in mano non è uno zucchino…
    PROFESSORE: se vieni al mio memorial, ricambierò volentieri…
    MATTIA: se non vieni al mio memorial, per ritorsione neanch’io verrò al tuo

  10. nadiaflavio Says:

    Oscar, grazie del consiglio ma , credimi, non ci sono problemi: i maggiori non mi piacciono, cosi’ come i caporali.
    Di ragazze che giocano al calcio non ne conosco quindi anche per le terzine e’ OK.
    Le nane (diminuite) non mi vanno e quindi mi concentro solo sulle quarte abbondanti purche’ non siliconate!!
    Ah, scusa ma forse tu parlavi della chitarra?
    Dona…e’ stato un successone, dico cosi’ per modestia!!!

  11. negroski Says:

    era un bravo ragasso…

  12. incredula Says:

    Oscar devo proprio dirtelo: bello bello l’inno alla Gelmini! Ma ti riesce sempre così bene??? 🙂

  13. Oscar Ferrari Says:

    INCREDULA: era la prima volta, prima il pezzo si chiamava Lady Diana…
    NEGROSKI: però mi è venuto il raffreddore
    FLAVIO: non dimenticare le terze e le quinte, sono la base di ogni accordo…

  14. La Guressa Says:

    …ma…le corna te le ha messe la Iso?…🙂

  15. Artemisia65 Says:

    auguroni Oscar, passate serene feste
    bacioni alla Iso

  16. Mr. Tambourine Says:

    In un certo senso, è il futuro.

  17. Oscar Ferrari Says:

    MR.TAMBOURINE: il problema è che è proprio in quel senso lì…
    ARTEMISIA: è che son feste di merda, ogni anno capitano sempre quando fa troppo freddo per lavorare
    GURESSA: l’importante è che non lo sappia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: