Archive for giugno 2010

COLPA DEL CUOCO

24 giugno 2010

Fa bene la Iso a nascondermi la Nutella, visto che brutti effetti che fa?

IL PARTITO PER TUTTI NON LAVORA INVANO

15 giugno 2010

un kilo in più non lo si nota con gli occhi, ma un kilo in meno a sentirlo con le mani è terribile“. Con queste aspre, ma certamente sensate parole, esordiva Fernando Couto nella sua più celebre raccolta della cui, per meaculpameaculpameagrandissimaculpa non ricordo assolutamente il titolo ma, ma niente (queste ultime tre parole sono una citazione da “l’amico della mia amica”, di Eric Rohmer).

Detto questo per non dire altro, altro non resta che dire dell’ultima serra, quella montata quest’anno. Come molti di voi non sanno, il Partito per Tutti, tra le sue molteplici sfaccettature, correnti interne e dissidenze varie, ritrova la sua unità al momento del montaggio del telo sulle serre, che siano le mie è solo un fatto congiunturale facilmente eludibile da chiunque.

Il telo lo abbiamo montato un paio di mesi fa, ma la notizia può tranquillamente considerarsi nuova, un semplice effetto preposto della legge bavaglio.  Che poi non ho capito tutto questo accanimento verso una legge che ci avrebbe risparmiato decine di puntate di Porta a Porta dedicate ad Annamaria Franzoni, alla quale indubbiamente la Iso assomiglia.

Il Partito per Tutti non lavora invano, e anche se al montaggio del telo hanno partecipato anche grillini in pectore, conclamati ed in via di ingrillinamento, la serra sta dando i suoi frutti. Dopo un primo raccolto di rapanelli, in essa camèpeggiano le biete da taglio e la cicoria zuccherina di Trieste, le melanzane e i peperoni. Ma sopratutto, ci sono tre file di fagiolini Neckarkoenigin (e qui scusate, ma uno dei prossimi acquisti dev’essere per forza una tastiera tedesca), di cui al momento solo una è in produzione, ma quando lo saranno tutte e tre ne verranno giù a carriole

GIUSTO PER RICOMINCIARE

3 giugno 2010

A me la nazionale di Lippi non piace per niente, ma tanto non è neanche di questo che volevo scrivere, e quindi la cosa ai fini di una semplicefugacefatua lettura è totalmente ininfluente, al pari della presunta sordità della celeberrima lumaca di Stielike la quale, anche se avesse udito avvicinarsi la suola, mai avrebbe potuto allontanersi tanto velocemente da evitare lo stritolamento (la e al posto della a non è un errore ortografico, ma l’indicazione che finora tutto andava letto in chiave sacchiana). 

Qui tutto a posto, manca solo una nuova piscinetta gonfiabile per sostituire quella ormai consunta, un grill in muratura e una nuova macchina fotografica. Quella vecchia è perfettamente funzionante, ma col nuovo compiuter proprio non ci azzecca, nonostante siano della stessa marca non sono disponibili i draiver per Uindovs sette. Pazienza, intanto il primogenito se l’è autoereditata, e poi domani è il compleanno della Iso. Invece del classico collier di diamanti…