ANCHE QUESTA È FATTA

Sedici file da 150 metri e una pianta (erano meli, ma chiamarli alberi è troppo) ogni metro. Fanno 2400 piante a cui togliere paletto, legaccio e gancio a mano. Per tagliare i rami secondari ad altezza uomo, una ventina di colpi col forbicione pneumatico ci vogliono tutti, e sono 48 mila tagli. Poi bisogna sdraiare le piante e per la parte alta altrettanti colpi non bastano neanche,  a ocio facciamo centomila sforbiciate e  morta lì. Arrivi all’ultimo e ci scappa la foto.

Dopo aver tolto ed arrotolato due chilometri e mezzo di fil di ferro, rimangono i tronchi degli alberi, i pali di cemento e le ancore lungo le testate e anche qualcuna in mezzo alla fila. Per i tronchi presto fatto, tre tagli di motosega a pezzo e con 7200 ce la si cava, li si carica  e una quindicina di carri si riempie come niente. La quarantina abbondante di ancore non sembravano un grosso problema, non pensavamo che fossero sotto di un metro e con la pachera del mio amico muratore italocalabrese  non vengono su, bisogna usare il muletto del trattore.

I pali di cemento, 31 per fila più altri sparsi in giro, saranno stati almeno 450. È mio personale motivo d’orgoglio essere riuscito ad estrarli tutti con la pachera  senza aver fatto del male a nessuno, ricevendo anche dei complimenti che secondo me erano la reincarnazione degli scongiuri. Sembra fatta, ma ci sono ancora le zocche (le radici e la parte emersa del tronco fino a 30 cm., che quasi sempre presenta il gnoccone dell’innesto).

A cavare una zocca son buoni tutti, il problema è che per farlo bene devi lasciarle il minino di radicette e di terra attaccato, anche per non rompere eccessivamente i coglioni a chi le deve caricarle sul carro, e sopratutto  tenendo conto del fatto che quel qualcuno è più che probabile sia te medesmo.  Estraendole e roteandole, all’ultima zocca mi sono quasi rammaricato che nessuno mi abbia chiesto di accendere un cerino con la benna della pachera, forse ci sarei anche riuscito. Quando l’ultima zocca è sul carro il lavoro è finito.

D’altronde, il contratto verbale parlava chiaro:  al bar,voi piantate le patate e quello che volete nel pezzo di terreno vuoto e in cambio mi liberate quello occupato dai pomari entro fine novembre.. Legna, pali, e tutto quel che trovate in giro sono vostri e vi faccio piantare le patate anche l’anno prossimo. 

Avreste solo dovuto vedere la faccia di Claudio, il  mio socioconcorrente , quando a due giorni dall’inizio lavori mi ha visto con la mano ingessata

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

35 Risposte to “ANCHE QUESTA È FATTA”

  1. Marin Faliero Says:

    Finalmente qualcuno si degna di fare un post interessante. Mancano solo gli odori e gli echi delle bestemmie

  2. Mario Crosta Says:

    Chapeau bas! Queste sono autentiche sfide che quando si vincono riempiono di senso la vita e danno da pensare. Che tipo di patate pianterete e come le coltiverete?

  3. nadiaflavio Says:

    Ed io che pensavo che passassi le giornate a studiare “assoli strepitosi alla chitarra”.
    Complimenti per tutto…anche per l’Italocalabrese!

  4. Ministro della Vendetta Says:

    Segretario, tu mi stupisci sempre più. Non sapevo come misurare il valore di un uomo, ma forse ora un’idea la ho.
    Bella la foto di Claudio, ma non capisco perchè abbia un megafono attorno al collo e soprattutto non conosco quello in piedi in primo piano!!!!

  5. Antonio Vergara Says:

    sei un grande oscar🙂

  6. reditugo Says:

    E pensa che c’è gente che invece ogni giorno va a lavorare…

  7. Bakunin Says:

    Dì la verità…state facendo la seconda pista di atterraggio dell’aereoporto di S.Giacomo, e per paura dei verdi la camuffate da campo di patate!

  8. Intenso73 Says:

    Quel che m’è venuto da pensare leggendo è: avete dato i numeri. L’importante è darli bene, come pare sia accaduto🙂 Sulle patate suggerisco quelle piccine da fare al forno con dello spezzatino.

  9. Kili Says:

    ma allora quest’anno un pezzetto d’orto me lo puoi affittare senza dover aspettare che qualche vecchietto tiri le cuoia….🙂

  10. WOOD Says:

    OSCAR, QUANDO PUBBLICHI IMMAGINI RACCAPRICCIANTI NON PASSO …SAPPILOO!

  11. WOOD Says:

    Oscar quando pubblichi immagini raccapriccianti io sto a casina mia….
    comunque sei bellissimo con i “pumin” ( a proposito di mele) bianchi e rossi come si dice in piemontese! cia

  12. mangrovie Says:

    Con i pali di cemento, adeguatamente posti uno sopra l’altro, propongo di costurire una casupola stile “Blockhütte”. Potresti poi usufruirne come sala prove oppure subaffittarla alle zocche della zona…

  13. Oscar Ferrari Says:

    MANGROVIE: la casupola ce l’ho già, forse quest’nverno avanzerà del tempo per sistemarla…
    WOOD: grazie, sopratutto per non aver rovato raccapricciante anche questa…
    KILI: tranquilla, che ne ho visto oggi uno che tossiva in modo preoccupante…
    INTENSO: non c’è problema. le patate piccole sono gli scarti di quelle grandi
    BAKUNIN: ci hai beccati (lavoriamo in incognito per la Ryan Air)
    REDITUGO: quando ci mettiamo d’accordo per lo spaccar zocche?
    ANTONIO: è solo fisioterapia
    MINISTRO: poverina la Miley, è stata sterilizzata
    FLAVIO: col forbicione pneumatico si acquista sensibilità nelle mani proprie e nelle orecchie altrui
    MARIO: più o meno le stesse di quest’anno, Spunta, Cicero, Primura, Kenebec e Cindy
    MARIN: …e i rumori del compressore e delle motoseghe

  14. enrico r. Says:

    e a vederti in foto sembri fresco come una rosa appena germogliata.
    Complimenti davvero per il lavoro

  15. duhangst Says:

    Porca miserai un lavorone!

  16. wood Says:

    Oscar, in questa foto sembri molto dimagrito…ma la ISO ti nutre a sufficenza??

  17. Iso Says:

    Tranquilla wood,
    tira dentro la panza, poi tira su la mano e si mette in punta dei piedi vicino a Claudio!

    Cosí sembra un povero dimagrito, che lavora come un musso anche con la mano “tutoriata”.

    Sembrano gli eroi della pubblicitá dell’amaro Montenegro!

    Dai, sono stati bravi (anche la Miley) e per la legna siamo a posto per almeno tre anni😉 !

    • Ministro della Vendetta Says:

      “Sembrano gli eroi della pubblicitá dell’amaro Montenegro!”
      Iso, vorrei averla scritta io, ma tu evidentemente sei migliore di me. Se vuoi, mi dimetto e ti lascio la poltrona di ministro: te la meriti! Great Iso!

      • Iso Says:

        Grazie “M.d.V.”, accetto volentieri, che cosa devo fare?
        Hai degli elenchi di chi devo vendicarmi, o posso subito usare i miei?🙂

      • Ministro della Vendetta Says:

        Beh, i tuoi avrebbero probabilmente diritto di precedenza: poi, come Ministra, dovresti pensare anche al bene pubblico e esercitare il tuo mandato a 360°!
        Ne parliamo alla prima riunione di partito (che vuol dire che una sera, prina di Natale, passo a trovarvi!)

    • reditugo Says:

      Ocio che la prossima è parcheggiarti l’idrovolante nella piscina

      • mangrovie Says:

        Insomma, come femmina in periodo post-femminista non posso che appoggiare l’apertura verso le donne del PPT, anche se a dirla tutta le quote rosa mi sembrano un pò controproducenti: saranno gli ormoni sempre i subbuglio, saranno le frustrazioni represse, probabilmente sarà tutto quel testosterone che le circonda, ma le nostre rappresentanti politiche fanno un sacco di cazzate, vedi Gelmini a livello nazionale, Pasquali a livello locale…Iso, qualunque decisione tu prenda puoi solo fare meglio! Forza e corraggio!

  18. Presidente di Bananas Republik Says:

    ………. e io che ho fatto un casino per montare la porta basculante del gatto……!!

  19. Camminando Scalzi Says:

    Grande idea……complimenti…….qui nel nostro piccolo analizziamo l’inferno causato dal petrolio in Congo: http://www.CamminandoScalzi.it

  20. lucap Says:

    bravo bravo! che lavorone! ciao

  21. Intenso73 Says:

    Argh, spero le patate piccole siano definibili scarti delle grandi in senso buono😀 Ma in generale i ‘tartufi’ li trovo assai buoni al forno anche con la buccia, magari varia la qualità da usare.

  22. il Gambero Rotto Says:

    Bravi, anche se col napalm si sarebbe risparmiato un sacco di tempo.

  23. cinciamogia Says:

    Che forza della natura! Si capisce perchè sei così in forma.

  24. Chit Says:

    Io ho dato tutto quel che avevo come energie per fare la cuccia ‘invernale’ per la gatta, devo solo più colelgarle l’idromassaggio e piastrellare il solarium…

  25. Oscar Ferrari Says:

    CHIT: spero che almeno il digitale terrestre glielo abbi montato
    CINCIAMOGIA: chi, io o quell’altro?
    GAMBERO: peò ci avremmo rimesso la legna
    INTENSO: ovvio, è che se ne vendono molte meno
    LUCAP: e adesso ci prepariamo per costruire una nuova serra
    PRESIDENTE: ma un teleztrasporto in stile Star Trek non era meglio?
    ISO: sono solo malignità, intanto ho portato in giro il cane megafonato
    WOOD: certamente si, ma mi ha di nuovo nascosto la Nutella
    DUHANGST: per fortuna`siamo riusciti a finirlo in tempo, anche grazie al tempo
    ENRICO: era la felicità dell’ultimo albero

  26. aghost Says:

    poveri pomari😦 siete peggio dei nonesi…

  27. alianorah Says:

    E sei persino riuscire a sorridere…

  28. IL CANE STA BENE, GRAZIE « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] dedurne che Miley sia l’esemplare meno riuscito della cucciolata e sono quasi sicuro che Claudio il socioconcorrente non mi avrebbe mai fatto questo, anche se in verità devo dire che la scelta reciproca tra Miley e […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: