CHE REFERENDUM DI MERDA SON QUESTI?

merda

Fratelli e sorelle, sto malissimo. C’è il referendum e son giorni che mi arrovello sul che fare, se andare o non andare, votare si o votare no e si o no a tutti e tre oppure no? Roba da perderci la testa e magari anche un po’ di virilità, se vogliamo dare il giusto credito ad uno dei principali postulati che Ruud Krol espresse in lingua partenopea, quello che recita “‘o cazz nun vuole pensieri“.

Ma alla fine una soluzione si trova sempre, basta scomporre il problema. Ad esempio, la scheda riguardante il Senato che me la danno a fare, dal momento che nella mia regione (il Trentino Alto Adige) si vota coi collegi uninominali dove chi prende un voto in più becca non il 55%, bensì il 100% (uno su uno)? che diritto ho io di decidere come devono votare gli altri? scarabocchione

Resta quello della Camera. e sinceramente a me che il premio di maggioranza sia attribuito alla lista o alla coalizione di liste che ottiene più voti frega pochissimo, in un sistema proporzionale il premio di maggioranza è una ciofeca in se stesso, così come lo sono gli sbarramenti, perchè mai quattro persone e un’unghia hanno diritto ad essere rappresentate e tre persone e mezzo no? scarabocchione

Resta anche quello delle candidature multiple, e qui votare si o no non porta ad alcun risultato pratico, alla fine gli eletti saranno sempre e comunque stabiliti dai partiti, voti di preferenza non ce ne sono. Mi sfugge solo il senso della posizione di Di Pietro, che prima ha raccolto le firme e poi va a votare no, sarà un gesto alla Voltaire o la consapevolezza che lui comunque al 4% ci arriva?

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

44 Risposte to “CHE REFERENDUM DI MERDA SON QUESTI?”

  1. vince Says:

    Quella su Di Pietro non la sapevo: ha raccolto le firme per questo referendum?
    Bella merda, quella nella foto: l’hai fatta tu?

  2. Intenso73 Says:

    Una delle domande possibili da fare a Of Peter, si, come varie domande ci sarebbero da fare a tanti potenti italici.
    Io andrò a votare no, tanto il quorum non si raggiunge e mi piace lasciare su carta la mia volontà.
    Un po come il testamento biologico.

  3. francesca Says:

    Esplicativo, molto…
    …nelle immagini e nei contenuti!!!😉

  4. duhangst Says:

    Tu sei molto più avanti di me..
    Io ancora devo capirci qualche cosa su questo calderone.

  5. belphagor Says:

    Più chiaro di così!

  6. Oscar Ferrari Says:

    BELPHAGOR: speriamo non si muore…
    DUHANGST: quello delle candidature multiple è un insulto all’intelligenza, dovrebbero essere gli elettori stessi a non votarle. Eppure son passate appena due settimane da quando milioni di persone hanno scritto il nome di Berlusconi sulla scheda elettorale europea. In questo contesto, è un referendum che si propone di vietare la stupidità
    FRANCESCA: quando ci vuole, ci vuole
    INTENSO: la questione del quorum è di lana caprina, abbiamo visto fallire referendum molto più importanti
    VINCE: e quella che da noi il quesito sul Senato è inapplicabile, ti par poco?

  7. Artemisia65 Says:

    uhm
    quel cesso ha bisogno di un po’ di wc net disincrostante
    oppure di acido muriatico🙂

  8. enzopenzo Says:

    Per le candidature multiple penso che serva perché certi nomi di grido (sic), come Berlusconi e Di Pietro, non approfittino del loro nome per raggranellare qualche voto in più. E che , sopratutto, non possano ulteriormente controllare i votati scegliendo in quale collegio farsi eleggere (escludendo o meno possibili parlamentari in base alla loro fedeltà, ormai, più che canina).
    Andrò a votare, probabilmente sì su tutte e tre. Per le prime due perché penso che sia meglio peggiorare ulteriormente la situazione (della serie meglio una fine spaventosa che uno spavento senza fine). La terza beccherà sicuramente il mio sì in quanto elimina (solo) uno di quei comportamenti irrispettosi nei confronti degli elettori.
    Mi viene, però, spontaneo chiedere: e se si tirassero su le firme per eliminare tutte le leggi elettorali spuntate dopo il ’93 non si tornerebbe indietro al caro vecchio e migliore proporzionale? Io sottoscriverei subito, mi offro a fare il volontario, andrei anche a volantinare a Villa Certosa…
    Un ultimo punto. Se guardare le mie feci mi tranquillizza, se sono di buona qualità (BSS 3 o 4), vedere quelle altrui, anche se sane, mi schifa – ho dovuto scrollare la foto fuori dallo schermo per poter leggere il post.

  9. vince Says:

    Enzopenzo, secondo me ti sbagli. La merda non è niente male, è il contesto che colpisce. Abituati forse da sempre a vederle abbandonate nei luoghi più diversi, ma solitamente dopo una più o mena lunga esposizione agli elementi e quindi solitamente secche, non ci facciamo caso più di tanto a quelle merde mentre ci colpisce particolarmente questa merda perchè essa è “a bagno Maria”. Quindi siamo schifati per via del liquido nel quale ella galleggia.
    Era questo che volevo sapere, da Oscar: e soprattutto, individuato l’autore, volevo sapere se il bagno era proprio quello di Maria.
    E poi, Enzopenzo, la merda altrui non fa male agli altri, anzi. Ricordo che Mozart era coprofilo, e guarda un pò che ha prodotto per il bene dell’umanità!

  10. enzopenzo Says:

    Io sono un grande estimatore della merda. Il mio stesso lavoro, quando va bene, fa cagare (faccio il cuoco, finché faccio cagare e non sboccare tutto bene). Senza la merda (non la mia) che fine farebbero i miei pomodori? Devo ammettere che il problema si pone con quella di questo post: puzzava tremendamente, ho dovuto aprire le finestre e accendere un bastoncino d’incenso (adesso sembra come se che qualcuno avesse cagato in una piantagione di vaniglia…)

  11. wood Says:

    come per Bakunin non passero’ piu’ di qua finche’ non togli la foto..

  12. reditugo Says:

    Se pensassimo di essere soggetti ad un regime antidemocratico, e questi tre referendum fossero il massimo che l’opposizione a questo regime riesce a produrre, ci sarebbe poco da stare allegri. Certo che in materia di legge elettorale, dare la possibilità di scelta ai cittadini, anche con dei quesiti più chiari o per assurdo con un referendum propositivo, la vedrei dura in ogni caso. Sono convinto che alla fine a decidere sarebbe il voto di gente che ha le idee poco o per niente chiare in materia. Per questo proporrei un test di ammissione al voto con eventuali corsi intensivi di aggiornamento. Poi, detto tra noi, anche se tiravi l’acqua prima di fare la foto, questo referendum restava di merda lo stesso.

  13. barbie Says:

    beh…ci vogliono stomaci forti per creare certi risultati!!!🙂

  14. paola Says:

    io voto si al quesito verde. in quanto alla tua riproduzione fotografica, hai infranto uno degli ultimi tabù su quella umana, che fino ad ora erano tollerati solo nell’arte. bravo oscar! sia tua o meno.
    anche se non riesco proprio più a guardarla…mamma mia che schifo!

  15. JOe Says:

    ..bella la foto…se l’hai fatta te potresti anche vincere qualche contest😛

  16. Oscar Ferrari Says:

    PAOLA: non è mia, ma ne faccio di molto simili
    BARBIE: eh si, merda sana in corpore sano…
    REDITUGO: è più o meno la riforma eletorale del PPT, sulla scheda vengono proposti tre quiz sul modello patente, con due risposte sbagliate il voto viene considerato nullo
    WOOD: ma non ci sono animali morti…
    ENZOPENZO: non dirmi che già giravano mosche vicino al pc…per quel che riguarda i referendum, prova ad immaginare che vincano i si e che si facciano subito le elezioni. Che cambierebbe?
    VINCE: Insisto, perchè a noi, nel Trentino Alto Adige, ci danno la scheda per il Senato? noi votiamo con l’uninominale, quindi in teoria non dovremmo essere interpellati
    JOE: non è mia, nè la merda nè la foto, ma potrei rimediare alla svelta…
    ARTEMISIA: tutta roba che inquina
    A TUTTI: tolgo la merda un paio d’ore, giusto perchè me lo ha chiesto la Iso…

    • reditugo Says:

      Propongo un emendamento: con 2 errori voto annullato, e via 2 punti; alla quinta votazione annullata (-10 punti) ritiro del certificato elettorale. E per sicurezza, anche della patente. Si può mica lasciar circolare uno che, per dire, non distingue la destra dalla sinistra.

  17. zecche Says:

    ciao oscaraccio, mi mandi una mail con i testi delle tue canzoni?

  18. Fanky Says:

    Col referendum si passa dal porcellum al porcellum geneticamente modificato.
    Oscar, sei contrario agli OGM?

  19. Iso Says:

    TOGLI S U B I T O QUELLA FOTO !!!

  20. vince Says:

    Oscar, tu mi vuoi portare su terreni a te più consoni ma a me estranei. Schede del Senato, della Camera: francamente a me non importa una minchia di sta roba, non ci capisco nulla sui sistemi elettorali e sui loro meccanismi, non interessandomi per niente la cosa. Da sempre, poi, antimaggioritario ma soprattutto ANTISEGNANO (cioè, qualunque cosa faccia quel sardo figlio di presidente invischiato in storie eversive io non la degno di attenzione), cosa vuoi che me ne fotta a me dei meccanismi elettorali.

    Piuttosto la mia funzione qui, ora, sarebbe quella di sostenere la linea coprofila, anche fosse solo per amor di bastiancontrarietà: quella foto farà sì schifo, ma la merda è bella, molto bella! Ti pregherei quindi di lasciarla troneggiare dov’è: banco di prova per uomini, e donne, con i coglioni!

  21. vince Says:

    ec: “cosa vuoi che me ne fotta a me dei meccanismi elettorali”, volevo dire “cosa vuoi che me ne fotta a me dei referendum”.

  22. Referendum « Sentieri Interrotti / Holzwege Says:

    […] e dunque venga abrogato: senza referendum). Sul COME votare regna però la massima incertezza (non farti impressionare dalla foto e leggi). Io farò così (senza starmi troppo a dilungare sulle motivazioni, che sarebbe alquanto penoso). […]

  23. vince Says:

    Il dilemma del voto al referendum, eh già. L’altra sera mia madre (73) mi chiede per cosa si vota domenica. Io, disinformato al massimo, le rispondo che è un referendum che riguarda la legge elettorale, e lei mi evita di darle altre informazioni che non saprei darle, dicendo. “Ah, roba loro. Allora io non ci vado.” ROBA LORO, capito? Il mio amore filiale è schizzato alle stelle: in una frase ha riassunto tutto.

  24. gadilu Says:

    Caro Vince, dopo aver tributato a tua madre (e per la proprietà transitiva delle madri anche alla mia: non avrebbe reagito in modo diverso) quanto le spetta, non varrebbe invece la pena cominciare a martellare (madri e padri e nonni e zie) con dei concetti appena diversi? Intendo: una legge elettorale non è roba LORO. È roba soprattutto nostra, visto che è in base a questa o quella legge che poi NOI eleggiamo LORO. Lo so, sono considerazioni scontate. Ma a quanto pare non fanno più presa (e non raggiungono il quorum). Così ci fottiamo da soli e LORO ci godono come bestie.

    • reditugo Says:

      Forse è vero che per andare avanti ogni tanto bisognerebbe tornare indietro. Ammiro gli iraniani, che per chiedere conto del loro voto scendono in piazza rischiando la vita. Noi del voto, quale che sia, possiamo fottercene, siamo avanti noi. Qui c’è già la democrazia…
      Poi però, continuando a parlare seriamente, bisogna dire che ci sono dei temi, come questo della legge elettorale, dove chiamare i cittadini ad esprimere un giudizio, suona un po’ come una presa per il culo. E lo dimostra il fatto che il voto della madre di Vince, della tua e della mia, che probabilmente, in materia non ci capiscono un tubo, vale quanto il tuo che magari conosci a memoria tutti i sistemi elettorali del mondo e sai valutare al volo gli effetti di qualsiasi modifica tecnica possa venire introdotta o abrogata.

  25. Bakunin Says:

    certo che bisogna avere un metabolismo molto particolare per sfornare tali cilindri fecali…

  26. vince Says:

    Gadilu, come faccio a martellare mia madre con dei concetti diversi, se sono completamente d’accordo con lei? Roba loro anche per me. Probabilmente voi vi sentite partecipi, anzi meglio, democraticamente partecipi.
    Io, come dicevo ad Oscar, preferisco parlare di merda, e condividere lo stupore di Bakunin: come si dice da qualche parte, riferendosi più all’odore che alla forma, ma cosa avrà mangiato, l’artistico autore di quel ben di Dio, di questi reali cilindri fecali? Topi morti o scarpe da ginnastica?

  27. Artemisia65 Says:

    allora aceto bollente🙂

  28. Padre Mariano Says:

    la foto è veramente schifosa,la Iso ha sempre ragione . Esponila poche ore al giorno, giusto il tempo di soddisfare i piaceri di Vince.
    La storia del Senato, non mi è chiara,….ma non si vota con l’uninominale anche altrove?
    Se fossi una persona seria, mi metterei in fila con enzopenzo,la sua analisi è di gran lunga la più logica.Purtroppo o per fortuna, sono uno del PPT e la voglia e la tendenza è quella di sbracare . Sono convinto che questo paese nasconde qualcosa di molto peloso (non mi si venga a dire che questo è il potere),dove ogni questione è alimentata da confusione e da un rumore di fondo che pare(?) studiato per non farci capire un cazzo e per non cambiare una fava

  29. gadilu Says:

    Vince, è roba loro, ma a loro il voto glielo do io, glielo dai tu, glielo dà mia madre, glielo dà tua madre, e la mi’ sorella, il mi’ cugino, lo zio di mio cognato, l’amica della fruttivendola della mi’ nonna, il padrone del cane della vicina di casa della sorella del cugino della mi’ cognata e così via… Siamo un po’ tutti noi che gli diamo il voto. A loro. Occuparsi di merda è sicuramente bellissimo e io ti invidio. Ma non c’è solo merda, a questo mondo. Pensaci.

  30. Bakunin Says:

    Ecco, lo sapevo! È colpa della fruttivendola della tu’ nonna se siamo messi così… Io la sostiturei con Oscar!

  31. Oscar Ferrari Says:

    BAKUNIN: anche l’alimentazione influisce, per fare un capolavoro del genere dicuramente i pipistrelli fritti non aiutano
    GADILU: c’é da mettere in conto anche che molto spesso ì referendum vengono interpretati dalla classe politica a loro immagine e somiglianza. Se ti ricordi, il referendum di Mario Segni che chiedeva di togliere la soglia del 65% per l’elezione del Senato (che era a sistema maggioritario della Costituente), venne usato dalla DC di allora per instaurare il maggioritario pure alla Camera. Altri referendum, come quello sul finanziamento pubblico dei partiti, vennero semplicemente ignorati. Uno dei pochi dove la volontà degli elettori venne effettivamente rispettata (e lo è tuttora) fu quello dove venne stabilito che la pubblicità nei film non dava fastidio. Con un elettorato del genere, dove vuoi andare?
    VINCE: così ad occhio, direi fibre e carboidrati, forse un risottino coi fiori di zucca
    PADRE MARIANO: no, nelle regioni a statuto ordinario al Senato si vota col proporzionale con sbarramento su base regionale all’8%
    REDITUGO: qui ci vuole proprio la riforma elettorale del PPT
    ARTEMISIA: purchè scaldato con fonti rinnovabili
    FANKY: non sono pregiudizionalmente contrario a niente
    ZECCHE: ok, dammi solo il tempo di farlo

  32. vince Says:

    Gadilu, sai che non ci avevo mai pensato?

  33. gadilu Says:

    Vince, la tua irononia è travolgente. Peccato che non serva a nulla.

  34. gadilu Says:

    Oscar, sai benissimo che io non sia esattamente quel che si dice un ottimista. Alternative?

  35. vince Says:

    Più o meno come la tua serietà.

  36. gadilu Says:

    Ho capito, Vince. Cercherò di adottare il tuo punto di vista: facciamoci i cazzi nostri e parliamo di merda, diciamo che è tutto una merda. È un ottimo punto di vista, devo dire. Grazie.

  37. vince Says:

    Ah Gadilu, e lassà perdè.

  38. mangrovie Says:

    Che…c’era un referendum? Ecco, lo sapevo, non mi invitate mai!

  39. haveadream Says:

    …ma le 5.000 foto di Zappadu a Villa Certosa non erano state tutte sequestrate?
    Oscar, mi dici allora come hai fatto ad impossessarti del primo piano della piscina e dei suoi occupanti?
    :))

    ciao
    Salvatore

  40. ARCO Says:

    OOOO FAI VERAMENTE SCHIFO PUR DI APPARIRE SI E’ DISPOSTI A TUTTO E………. CAZZO COME UN UOMO PUO’ CADERE IN BASSO

  41. teresa Says:

    bhe io sono brutta è la merda mi assomiglia molto poi io me la mangerei tutta la merda voi siete tanti pezzi di merda voi siete pazzi

    saluti
    taresa a vip lecca merda

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: