RIFLESSIONI SUL VOTO

mazza3

Una sconfitta particolarmente cocente è uno dei momenti nei quali non vorresti mai essere un segretario di partito, ma non per questo mi sottrarrò dall’ammetterla in modo sommesso ma virile, prendendo spento dalla celeberrima massima di Tomáš Skuhravý, “perso per perso, meglio perverso”.

I numeri sono impietosi, nella provincia di Bolzano solo il 28% degli aventi diritto ha seguito le  indicazioni di voto del Partito per Tutti, non recandosi alle urne per le elezioni europee ed implicitamente approvando la nostra linea politica propugnante l’annessione alla Svizzera, che dell’Unione Europea membro non è. Il restante 72% invece non ha colto la  carica innovativa della nostra proposta, che dopo decenni di stantii dibattiti rappresenta la soluzione definitiva e materassabile dell’annosa questione sudtirolese. Non l’ha colta ed è andata a votare per un’istituzione  che per forza di cose si dovrebbe abbandonare.

Noi non faremo come gli altri, che anche di fronte ad una debacle cercano sempre di far apparire il bicchiere mezzo pieno. Potremmo dire che in fin dei conti il 28% non è un pessimo risultato per un’idea politica con solo pochi mesi di vita, specialmente se raffrontato con quello che di solito ottengono quelli che da cinquant’anni si battono per il ritorno all’Austria (questa volta non si sono presentati, ma di solito oltre al 10% non vanno mai). Potremmo dare la colpa alla scarsa visibilità mediatica, al tempo piovoso, alla mancata cessione di Ibrahimovic al Servette o alla base che non ha capito. Potremmo anche dire che in fondo, rispetto allo 0,5% delle comunali di Bolzano, “abbiamo tenuto“.

Ma noi non faremo niente di tutto questo, noi ammettiamo la sconfitta e, se proprio una scusa dobbiamo trovare, la cercheremo al nostro interno. Corre infatti voce (ma è solo un “si mormora”), che Correntone Rossi, il lider maximo dell’opposizione interna al Partito per Tutti, abbia espresso pubblicamente la sua volontà di recarsi alle urne ed abbia addirittura fatto proselitismo, minando in questo modo l’unità d’intenti del PPT.

Di fronte a cotanta fronda, il Partito per Tutti assume nei confronti di Correntone Rossi l’unica posizione possibile: lo perdona

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

22 Risposte to “RIFLESSIONI SUL VOTO”

  1. Oscar Ferrari Says:

    Per adesso mi limito ad ammettere la cocente confitta subita dal Partito per Tutti. Vado a cogliere verdura e poi vedrò di analizzare i motivi di questa inopinata battuta d’arresto.

  2. IL LAICISTA Says:

    Aspetto allora. Ma trattasi di un Partito “Unto del Signore”, di un Partito di Dio che paga gli errori di tutti?
    Beh, dovremmo riflettere tutti su questa triste ma edificante circostanza.

  3. vince Says:

    Come dicevo su FB, uno degli elementi che sicuramente hanno influito su quella che tu definisci prosaicamente “cocente sconfitta” è stata la poca esposizione mediatica. Dopo aver protestato con il garante, sarà necessario riflettere e maturare una nuova strategia nel campo comunicativo per il futuro del PPT. Ad esempio, non ci si potrà più permettere di rifiutare gli inviti a “Matrix” perchè non c’è più Mentana, oppure snobbare “L’Infedele” perchè condotto da un ebreo comunista, o “Porta a Porta” perchè a Vespa gli puzza un pò l’alito per via del leccaculismo che lo affligge da decenni. Quindi un pò più di disponibilità, Oscar.
    Inoltre spero che anche per il PPT non ci si debba scontrare con il “giovanilismo” che pare debba essere la caratteristica dei vecchi partiti da oggi in poi. Cioè, basta che uno abbia una giovane faccia da culo anche se inserito nell’organigramma di un vecchio partito, che ecco che pare la salvezza per l’umanità. E’ da ribadire che, a differenza degli altri partiti, il PPT è un PARTITO NUOVO, e quindi non ha bisogno di mettere come paravento bambocci sorridenti per farei n modo che i vecchi senatori continuino a fare i comodi loro e dei loro amici furbetti. E anche se si dovesse parlare di giovanilismo all’interno del PPT, faccio notare che il nostro segretario è un “eterno giovinotto”, un sempreverde direi.
    Quindi, escludendo questo, ci sarà da analizzare bene le ragioni della sconfitta: potrebbe essere un problema di alleanze, alleanze che il nostro elettorato non ha capito.
    Oppure la decisa presa di posizione filosofica a favore della scuola tedesca rappresentata da Stielike.
    Insomma, prevedo riunioni interessanti, pesanti e piene di offese reciproche e di turpiloquio. Ma un’analisi seria deve essere fatta!

  4. pietro Says:

    per le prosime elezioni, perchè non adottare una strategia alla paolini: Andare dove ci sono telecamere dei tg, posizionarsi dietro il giornalista di turno e fare qualsiasi gestaccio. E’ una campagna che spiazza e pone il partito al centro dell’attenzione.

  5. reditugo Says:

    Battuta d’arresto? Io vedo piuttosto un attestarsi sulle posizioni delle precedenti consultazioni elettorali europee. Se poi ti fai carico del malcontento degli astenuti, sommi i voti dei partiti che non hanno superato lo sbarramento, leggi in chiave filo PPT il risultato antieuropeista della Lega, aggiungi una congrua percentuale di consensi, venuti a mancare a causa del deplorevole invito al “voto utile” perpetrato dai partiti maggiori, converrai che i motivi di soddisfazione per il risultato ottenuto, quand’anche solo potenziale, sono di notevole portata.

  6. testa bislacca Says:

    E dire che ci stavo credendo…🙂

  7. bakunin Says:

    Tsk, tsk, come al solito siete scarsi…qui abbiamo raggiunto la maggioranza assoluta con il 57%.
    http://www.sueddeutsche.de/politik/783/471324/text/

  8. Fanky Says:

    Certo che se Ibra fosse andato a Ginevra a giocare nel Sevette l’impatto sull’elettorato sarebbe stato notevole, concentrando l’attenzione dell’opinione pubblica sulla Confederazione Elvetica. Ma anche il blocco della cessione dell’intero pacchetto azionario della Toyota alla “Nuova Tornitura Meccanica NTM di Inghisati Flaminio & Figli S.n.c.” può aver avuto il suo effetto.

  9. La Mente Persa Says:

    Meglio la raccolta delle verdure. Hai notato come crescono bene i cavoli? Se li ascolti bene nelle giornate di vento potrai sentire che pronunciano la parola “papi”.

    Gli astenuti al voto risultano fortemente esacerbati dal livello attuale dei politicanti.

    Ora vado, ho una questione importante da definire: eliminare la trinità dai miei geni😉
    Ciao Oscar
    Gio

  10. melania Says:

    Non ti buttare giù, Oscar… io comunque credo in te… come dire, mi hai convinto…

  11. mangrovie Says:

    In fondo l’orto è la metafora della realtà politica: tra un cavolo NERO ed una rapa ROSSA che scegli?
    Grüezi und Pfiati!

  12. Oscar Ferrari Says:

    MANGROVIE: mica solo della politica, girano di quei cetrioloni verdi…
    MELANIA: allora sbarcheremo in Sardegna, farremmo il Partitto per Tutti…
    MENTE PERSA: basta che non trovi dei bambini sotto i cavoli
    FANKY: eh, ma Ibra è un’altra cosa, ha vinto 5 scudetti in quattro anni
    BAKUNIN: ovvio che siete più avanti, ma quando mai troverete un giovanottone palestrato che chiama “mami” la Angela Merkel?
    BISLACCA: ma guarda che è tutto vero…
    REDITUGO: non arrampichiamoci sulle ortiche, i tempi non sono ancora maturi
    PIETRO: ma noi lo faremo alla radio…
    VINCE: in fondo è già cosa positiva non aver ancora trovato Correntone Rossi nell’orto degli ulivi col cappio al collo…
    LAICISTI: per essere unti, lo siamo. Ma non è stato il Signore

  13. Padre Mariano Says:

    ….non mi pare il caso di cospargermi il capo di cenere,
    ….mi limito a prepararmi un piatto dai sapori contrastanti,…un po …come mischiare : la bruciante sconfitta, il superiore “me ne frego” e la speranza in giorni migliori.
    ALLEGO LA RICETTA:
    Far rosolare in olio d’oliva le cipolline novelle. Quando assumono un po’ di colore aggiungere mezzo bicchiere d’aceto e un bicchiere di latte fresco.
    Aggiungere sale e far cuocere fino a quando il latte si trasforma in grumi e le cipolle sono tenere al tatto della forchetta.

  14. enzopenzo Says:

    Temo che quel 28% del non voto debba essere spartito tra PpT e PMLI:

    14% è comunque un risultato discreto su cui fondare una nuova fase.

  15. Daniele Verzetti, Rockpoeta Says:

    Skuhravy for president!!!! LOL!!!🙂 (da genoano bella citazione)

    Sulle elezioni beh si é già detto tutto. Senza un’opposizione seria non si può sperare di cambiare le cose.

  16. La Già Guressa Says:

    scusa Oscar, ho votato Giacinto…
    Per sabato: torta allo yogurt che non solo cammina, ma fa anche il karaoke. La Mangerai!🙂

  17. Oscar Ferrari Says:

    GURESSA: giusto, un premio alla carriera se lo meritava…
    DANIELE: anche Eloi scriveva dei saggi molto interessanti…
    ENZO: facciamo che noi ci prendiamo gli astenuti del Sudtirolo e loro tutti gli altri?
    PADRE MARIANO: cipolle novelle o borrettane?

  18. IL METALLARO Says:

    Alle prossime amministrative mi candierò anche io.
    Sarò il rappresentante della corrente dei Giovani del Partito per Tutti in contrapposizione all’ establiscment delle gerarchie fossilizzate anzi “calcificate” ( visto i filosofi citati ) del partito che dispoticamente spadroneggiano sugli ormai desueti mezzi di informazione, tipo i blog, di cui dispongono.
    Io mi presenterò rivolgendomi a livello telepatico alla mente dei cittadini e soprattutto come uomo sandwich esponendo cartelli recanti messaggi elettorali subliminali.
    l’ establiscment non si rivoluziona confrontandosi sul suo campo (nemmeno entro la sua serra) ci vuole una rivoluzione di linguaggio!
    Io sento finalmente di poter parlare alla pancia del paese…..prooot.

  19. vince Says:

    Bel dilemma: l’innovazione colica del programma del giovane Metallaro o la lenta, sinuosa, fastidiosa collaudata linea del segretario giovinotto Ferrari. Il pericolo di scissione è forte. Non vorrei che l’arditismo del Metallaro portasse un RISCHIO-UNITA’ all’interno del PPT. Richiamo perciò i compagni del PPT all’esempio dato dal leader del CR (correntone Rossi), il quale da tempo lavora per una svolta all’interno del partito ma MAI si sognerebbe rischiose fughe in avanti che potrebbero portare alla disunità della nostra CASA POLITICA. Che l’esempio della sinistra comunista non venga mai dimenticato: la DISUNITA’ NON PAGA! Sarebbe un peccato gettare alle ortiche un 28% di consensi così faticosamente guadagnato, in favore delle forze reazionarie e conservatrici che da sempre ci avversano.

  20. Oscar Ferrari Says:

    VINCE: bisogna anche prendere esempio dalla storia ed evitare l’errore che fecero Berlinguer e Zaccagnini, una federazione giovanile del PPT potrebbe portarci alla rovina in breve tempo se da essa emergessero gli Uòlter e i Franceschini del lucchetto aperto
    METALLARO: approvo senza condizioni la tua iniziativa, ma mi raccomando: evita le parole Africa-ma anche-pacatamente, portano sfiga

  21. gumora71 Says:

    ….la Val Sarentino diventerà la nuova Abano Terme….

  22. JOe Says:

    ..non dare l’appoggio al partito per tutti…è giustificato se ero impossibilitata a farlo stando su una spiaggia e mangiando greek salad…😛

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: