GIUSTA O SBAGLIATA, L’IMPORTANTE È FARLA

canottiera-arancione

A fare le cose giuste a volta si sbaglia, è normale. E, come postula Stielike nella sua “Interessenza dell’illogicità“,  pubblicata postuma prima ancora ch’egli nascesse,  ogni tanto conviene farne una sbagliata,  magari ti sbagli proprio quella volta lì ed allora diventa giusta, è solo questione d’osmosi.

Detto questo, la cosa giusta sarebbe aggiornarvi sul cortile, dove ormai gli pseudocubetti fanno generosa mostra di sè, e addirittura si potrebbe ipotizzarne la trasformazione in piazza, con tanto di targa col nome del personaggio ad esso dedicata (a me piacerebbe Piazza Luther Blissett, ma in presenza di un’idea migliore sarei disposto anche a cambiare idea).  Per chi avesse la pazienza di vedersi le foto, notate l’evoluzione della mini-rotonda del fico.

Giusto sarebbe anche tener fede alle promesse, in questo post vi avevo mostrato come può essere brutta una serra quando è allo stato di preparazione, di quanto poco poetica sia un’ immagine dove  i protagonisti sono piastroni cementosi, teli pacciamanti e teli protettivi. E invece adesso il tripudio di fiori previsto si è quasi realizzato,  e per almeno una terzina di settimane non potrà altro che migliorare. Ed è arrivata pure la canottiera arancione, anche se sotto le mentite (e, a mio parere riduttive) forme di una polo.

La cosa sbagliata che volevo fare la faccio nel prossimo post, se intanto volete portarvi avanti col lavoro, preparate una vostra foto di come siete adesso dove vi piacete tanto

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

49 Risposte to “GIUSTA O SBAGLIATA, L’IMPORTANTE È FARLA”

  1. reditugo Says:

    Ti manca solo di mettere i freccioni bianco-azzurri per evitare di prenderla contromano (la rotatoria del fico intendo)

  2. vince Says:

    Intitolarla a Luther Blisset onorerebbe il ricordo del grande attaccante rosso-nero (più nero che rosso), oltre che sottolineare il situazionismo insito in ogni tua azione più o meno provocatoria, sia essa artistica o politica (che poi è la stessa cosa, ovviamente). All’inaugurazione non dovrai mancare di invitarmi, e la cosa potrebbe essere ufficiale con tanto di targa e scoprimento di questa da parte del sindaco, sindaco rappresentato dal nostro ex candidato.
    Anche se, onestamente, intitolarla alla Gnocca non sarebbe male: la rivoluzionaria idea di trasformare Piazza della Vittoria in Piazza della Gnocca, che tu avveniristicamente avevi avuto per chiudere le mille polemiche su Piazza della Vittoria vs Piazza della Pace, e morta per la (diciamocelo) provincialità mentale di alcuni aderenti al PPT, potrebbe così risorgere e l’idea del PPT trovare finalmente completamento.
    Quindi a te la difficile scelta: non vorrei essere nei tuoi panni decidendo cosa non-scegliere. Io ci perderei il sonno, ti giuro.
    Qualunque cosa tu decida, sappi che hai la mia incondizionata solidarietà. La tua fortuna, d’altra parte per questo tipo di cose, è di avere un sindaco a portata di mano.
    Fammi sapere.

  3. belphagor Says:

    Il bucolico Oscar!!!!🙂

  4. duhangst Says:

    E’ vero è proprio bella ora la serra

  5. wood Says:

    COSA CI FA UN CARCIOFO TRA GLI ZUCCHINI??

  6. Oscar Ferrari Says:

    WOOD: sempre di fiori si tratta…
    DUHANGST: la foto è di qualche giorno fa, adesso è ancora migliorata, specialmente senza me dentro
    BELPHAGOR: anche alco
    VINCE: ci sarebbe anche Stielike, uno di cui tenere conto. Mi sa che qui ci scatta un sondaggio, prova a sondare l’opposizione interna del PPT, che se aspettiamo Correntone Rossi fanno in tempo a marcire i cubetti

  7. wood Says:

    Oscar, ti ho spedito il mio indirizzo di casa nella posta di FB, non trovavo la tua mail qua sopra!
    A parte gli scherzi è una serra rigogliossima devi andarne fiero e ancora di piu’ se non gli spari robe strane ! Appena ho visto la foto ho sentito sulle mani e brarccia le spinette che ricoprono le foglie della pianta..io ODIOOO raccogliere gli zucchini!
    ti devo mandare uil link di una roba interessante riguarda la coltura in verticale di insalata e altri ortaggi, la fanno 2 ragazzi delle mie parti

    http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/costume/articolo/news/nellorto-da-balconelinsalata-cresce-sui-muri/

  8. Iso Says:

    Visto che ho lottato per vent’anni per avere un cortile decente, penso che dovrebbe essere nominato “Piazza-ISO-Platz” é piú che giusto!!!

  9. Bakunin Says:

    Per la piazza, forse va bene anche “Mark Wayne Hateley”.
    Il cortile è venuto bene…ma cosa c’era prima?
    @Iso: rinuncia al nome e mettici una bella panchina personale…

  10. Tisbe Says:

    bella immagine…

  11. nadiaflavio Says:

    Quella maglietta ti dona parecchio…sembri Rudy Kroll ai mondiali del 74!!!!

  12. wood Says:

    Ho visto solo ora le foto del cortiletto e non posso che complimentarmi !
    spettacoloso! prima di continuare a scrivere questo post avrei piacere di conoscere il nome di quel bel gattone rosso tenero tenero che compare nelle foto su flick.

    Iso..le piazze si intitolano solo ai defunti, lassa perde! a questo punto direi che PALIO PLATZ sarebbe perfetta🙂
    foto? devo inviare una foto di me?? subbittoo

  13. incredula Says:

    Bella la piazza, bella la maglietta, bello Oscar, belli i fiori. Tutto bello in questa giornata di sole.

  14. Iso Says:

    My new Guru-girl,

    Wood, quell bel gattone tenero, tenero é una belva e si chiama Tussi (che vuol dire “gatta morta”) é rossa (che dice giá tutto) ed ha 7 anni.

    E adesso Wood ti dichiaro ufficialmente “la mia gura preferita”, grande l’idea, unica…piazza-“Splendida Fiat Palio Weekend” -Platz! 😉
    Grazie mi inchino davanti a te!

    • reditugo Says:

      Ascolta Iso, se la piazza del Palio è piazza del campo, la piazza della Palio dovrebbe essere piazza della campa. Ma siccome è sopra la panca che la capra campa, come suggerisce Bakunin, puoi metterci una panchina e chiamarla appunto piazza della panca. O della capra… vedi tu. (tanto sei tu a decidere, no?!)

  15. Oscar Ferrari Says:

    ISO: la Wood come gura è una sicurezza, sei in una botte di ferro
    INCREDULA: bella anche la Fiat Palio Weekend, allora…
    WOOD: visto che bel lavoretto quello del tubo goccia nero col rubinetto rosso e la gomma di collegamento gialla?
    FLAVIO: però lui aveva una elle sola…
    TISBE: grazie per non esserti espressa sul testo…
    BAKUNIN: ma allora non potremmo escludere neanche Egidio Calloni, e non ne veniamo più fuori. Un altro nome plis
    WOOD: vado a vedere il link, ma penso si tratti di aeroponica, una tecnica di produzione molto interessante, ma poco divertente

  16. Oscar Ferrari Says:

    WOOD: no, non è areoponica, con la fibra di cocco ormai ci fanno il 90% delle fragole che si vendono in giro

  17. nadiaflavio Says:

    Hai ragione…l’ho confuso con Claudia Koll…..il cognome, non te!!!!

  18. Artemisia65 Says:

    vogliamo anche quest’anno la foto dei ravanelli🙂

  19. Iso Says:

    Visto che mi tocca spazzare il nuovo splendido cortile, perché dal fico cascano i piccoli fichi non fecondati, …che ne dite se la chiamiamo “Arbeitsplatz-posto di lavoro”, inoltre devo inaffiare i fiori piantati sulla rotonda, tirare su i mozzoconi del Ferrari che ancora non si é abituato a non buttarle sul cortile piastrato ecc. quindi per voi andrebbe bene?🙂

  20. testa bislacca Says:

    Una foto dove mi piaccio tanto?
    Quella risalente alla nascita va bene?
    Sai, ho una vera passione per le serre: magari prendo lo spunto e mi metto a coltivare e vendere piante, così mollo il blog e non rompo più le balle.

  21. Oscar Ferrari Says:

    BISLACCA: allora una foto dove piaci agli altri. Ma non è che fare l’ortolana precluda l’uso del web…
    ISO: non innaffiare i fiori sulla rotonda, ci ho messo il tubo goccia che va in automatico
    ARTEMISIA: per vedere come sono peggiorato, immagino
    FLAVIO: e neanche lui, spero…

  22. vince Says:

    Iso, non vorrei apparire un conservatore, un antiprogressista, però sottolineo che, anche in questo caso, un progresso comporta nuovi problemi. Per fortuna che l’uomo (e la donna) è adattabile e dunque anche tu ti abituerai a spazzare il cortile, ecc. ecc. Ci siamo abituati (adattati) ai ritmi imposti dalle macchine, ci siamo abituati (adattati) ad abitare in loculi che chiamano mini-appartamenti (non tutti, è per dire) quindi ….. tutto questo, ovviamente, in cambio di una qualità della vita che non ha paragoni con il passato …. dicono. Decidetevi comunque per il nome della piazza, che la si inaugura al più presto con una cerimonia discreta, senza tanti giornali e tv.

  23. mangrovie Says:

    Iso, Arbeitsplatz mi piace molto! Fa molto vecchia Russia staliniana! Oppure – visto l’albero che ci cresce in mezzo: piazza fico – in laivesotto (visto che siete confinanti): Fickn-Platz. Scusate la caduta di stile, mi vergongno da morire, è che me la sto ridendo da sola alla battutaccia infame!

  24. Xeena Says:

    Ma che bella questa foto, adorabile la tua rotonda🙂

  25. wood Says:

    c’e una foto dove mi piaccio tanto perche’ esprimo FELICITA’ allo stato puro,ma è di 2 anni fa, vale uguale?
    Iso, i mozziconi delle marlboro raccoglili e poi buttali via dentro il cassonetto SW a 4 ruote..( sto parlando della palio per i profani..<9

  26. Artemisia65 Says:

    ovvio🙂🙂

  27. barbie Says:

    proprio oggi ho scritto della mia piantina, che purtroppo fiori non ne ha fatti, e forse non ne farà più.😦

  28. mangrovie Says:

    Spiego meglio la mia scivolata di stile sopra: la mia figliola più grande – pur crescendo in ambient plurilingue – mixa le due con fantasia: ecco che a 4 anni, mangiando fichi nell’orto del nonno, davanti alla famiglia al completo – se n’è uscita con un: Guate Feign! Anche alla mamma piace tanto ficken! Io rossa come un peperone, mio padre più imbarazzato di me, na figura!

  29. barbie Says:

    Ciao Oscarino,
    un saluto al volooooooo…..

  30. Oscar Ferrari Says:

    MANGROVIE: è pronta la tua maglietta e quella di Reditugo, passate venerdì?
    BARBIE: d’altronde, adesso ci sono i navigatori satellitari…
    WOOD: va benissimo
    VINCE: parole sante, al più presto provvederemo

  31. alianorah Says:

    Leggo il titolo, vedo la foto e mi vengono pensieri strani🙂

  32. vince Says:

    Stamani, sedutomi sul cesso dopo colazione, mi è venuto in mente il titolo di questo thread (non so mai se si dice veramente così). GIUSTA O SBAGLIATA, L’IMPORTANTE È FARLA! Mi sono trovato proprio d’accordo, pensando che a volte, ritenendo che sia sbagliata, una cosa non la fai e questa poi ti rovina la giornata. Nel caso in oggetto, hai la giornata rovinata se non la fai subito, e non ti senti a tuo agio in nessuna situazione che ti capita finchè non riesci a tornare a casa ed a ricreare le condizioni ottimali per FARLA. Quindi questo è più che un semplice titolo, e difatti è una massima estrapolata da uno dei lavori più importanti usciti negli ultimi anni nel campo della transavanguardia filosofica. Lavori di un autore ancora non completamente capito, forse perchè poco studiato, ma che tu giustamente continui a richiamare. Quindi io allargherei la disquisizione e proporrei a tutti i tuoi ospiti degni fruitori del pensiero stielikano, questi pregni pensatori “da una riga e via”, di portare altri esempi per i quali questa massima lapidaria può essere utilizzata. Come a dire, “larga la foglia, streatta la via, dite la vostra che io ho detto la mia”: (Se Stielike leggesse questa, penso che morirebbe di invidia per non averla pensata lui). E se vi chiedete come uno possa essere così “logorroico” alle 8 del mattino, pensate solo che stamani ho messo in atto in titolo del thread.

    • reditugo Says:

      Certo Vince, tu parli da una posizione privilegiata, avendone appena sperimentato gli effetti positivi, ma più che altri esempi a sostegno di tale affermazione, io avrei invece qualche perplessità sul fatto che sia importante farla sempre e comunque. Non prenderla però come un’espressione di dissenso, piuttosto di….. dissenteria

      • Oscar Ferrari Says:

        la fate facile voi due, tenete conto anche della prima parte del titolo. Il giusta o sbagliata è soggettivo oppure la catalogazione della celeberrima Scala di Stielike in 17 gradi (dall’acqua colorata al piolo di scala) è da considerarsi universalmente valida?

  33. vince Says:

    Un’altra e ultima cosa, questa volta politica. Io francamente non capisco tutto sto casino per il fatto che Berlusconi si goda la vita circondato da giovani ragazzine. Mi pare che sia veramente una strumentalizzazione politica, perchè i signori della sinistra dovrebbero ammettere che anche a loro piace la “figa giovane e profumata”. Il fatto che a Berlusconi piaccia un pò di più che agli altri, non è un reato, né uno scandalo politico: è solo una questione di livelli, di intensità. Quindi chiudiamola qui e lasciamo che il premier spari le sue ultime cartucce senza l’invidia comunista.

  34. nostrovirgolo Says:

    Cavolo, venerdì lavoro! Tienila nel Fiorino che magari riesco a passare martedì! Grazie!

  35. vince Says:

    @ reditugo: la tua “perplessità sul fatto che sia importante farla sempre e comunque” mi stupisce, davvero. Stielike la catalogherebbe come “propensione ermeneutica alla stitichezza” la quale, e ne parlo per pochissime esperienze che però sono bastate, è veramente una revanche del pensiero debole! La tua posizione intellettuale è per me, e credo anche per Stielike (su questo però potrebbe meglio discernene Oscar), inaccettabile. E coerente con questo, stamani ho ripetuto con soddisfazione l’analisi filosofica, e addirittura grammaticale, del titolo: sempre comodamente seduto sul cesso, ovviamente!

    • reditugo Says:

      Effettivamente il concetto andrebbe integrato con l’avverbio “ovunque” (sempre, comunque e ovunque). Come spiega infatti Fabio Henrique Simplicio nella sua celeberrima “Le lotte intestine al tempo di Crasso” esiste una sostanziale differenza di approccio al problema a seconda che lo stimolo prenda corpo, al mattino, tra le mura domestiche anziché si manifesti , con tutta la sua irrefrenabile esuberanza, in centro urbano affollato e privo di qualsivoglia servizio specifico.

  36. vince Says:

    @ Oscar: non posso discutere a fondo con te della massima stielikana, dato che non ho mai approfondito questo autore che però reputo, per le poche cose che grazie a te inizio ad apprendere sul suo pensiero, di notevote peso nel panorama intellettuale contemporaneo. Però credo di poter dire che non mi trovi concorde. Oppure, per meglio comprendersi: credo che gli studi di Habermas, che per un pò ho fatto miei, confuterebbero non Stielike, ma la tua citazione della Scala di Stielike in un caso come questo. Secondo me, e questo mi deriva appunto dalla seppur limitata conoscenza che ho del pensiero francofortese, è fuori luogo.

  37. vince Says:

    Enric Duran! Podem

  38. vince Says:

    Approfitto di te, Oscar, per segnalare il caso di Enric Duran, il catalano che ha truffato circa 500.000 euro a 39 banche, finanziando con questi soldi movimenti antagonisti e due giornali, uno è appunto PODEM. Scappato inizialmente in Sud America, è rientrato in Spagna dove è stato arrestato e dove ora rischia 10 anni di carcere. Comunque solo 4 dei 39 istituti di credito hanno sporto denuncia contro di lui. Dal carcere, Enric Duran invita tutti a ritirare i propri depositi dalle banche nella data del 17 settembre 2009.

  39. vince Says:

    Sempre io. Oscar, stamani ho incontrato Danilo. Gli ho parlato di questa discussione filosofica in atto qui, e lui ovviamente, come tu puoi ben immaginare, si è trovato d’accordo con me. Dice che è talmente ovvio e che “tale ovvietà però non si confonda con la banalità”. Io non l’ho capita, ma con Danilo conviene essere sempre in accordo, come tu ben sai. A proposito, vuoi spiegare tu ai tuoi ospiti chi è Danilo?

  40. Oscar Ferrari Says:

    VINCE: Danilo il discepolo di Pasquale, il primo la fa un chilo, il secondo da un quintale?

  41. vince Says:

    Sì, credo sia lui, anche se non sapevo che fosse discepolo di Pasquale, che tra l’altro non conosco. Sarebbe interessante quindi sentire l’opinione di quest’ultimo, che dalle sue caratteristiche da te indicate dovrebbe essere uno con voce in capitolo in questo paragrafo. Interessante poi il fatto che un uomo come Pasquale faccia proselitismo: molto interessante.

  42. Fabioletterario Says:

    Diciamo che vederti in serra ci rattrista… sei diventato un ortaggio oppure hai necessità di essere nutrito?🙂

  43. wood Says:

    Ciao Oscar!! il salone del Libro di Torino è stato un successo per la casa editrice di Zecche!! tg3 e tg1 l’hanno intervistato ! fantasticoooooo
    vieni a vederci in foto su FB..domani i filmati a cura della zecca !”

  44. Oscar Ferrari Says:

    WOOD: ma non gli avranno mica chiesto della SVP?
    FABIO: e meno male che nessuno ha ancora tirato fuori il paragono col finocchio…
    VINCE: Pasquale, se non altro ci mette tutto se stesso…
    REDITUGO: quando passi a ritirare la magietta che hai meritatamente vinto?
    ALIANORAH: dici che ti sembra una serra alla turca?

  45. ERA GIÀ TUTTO PREVISTO « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] che siete state tra le migliori che abbi mai avuto, avete prodotto con rigogliosa regolarità degli ottimi frutti e  bellissimi fiori di notevole dimensione, ma ora […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: