CHE CI FACCIO SU FEISBUC

pidocchio

Per adesso mi sto spidocchiando, come minimo ci metterò un paio di giorni e poi rifletterò sul da farsi. Ieri ho gufato contro l’Inter, ma un minimo di comprensione me la merito, era da tre giorni che mi ero fatto la pipì addosso. Mi sono permesso anche di augurare un buon 8 Marzo ai Nuovi Tori che, come si dovrebbe facilmente evincere dal nome, in teoria di femminile hanno poco o nulla.

Ho cincischiato il giusto che basta, ma dopo la vana ricerca di un martelletto di gomma col quale potermi percuotere ritmicamente  lo scroto, inopitamente come il Mago Manco, protagonista della meno nota fiaba di Fernando Couto, mi sono sentito pacatamente e serenamente scoglionato.

Non me ne sono tanto doluto quando sono stato plagiato, anche se qualche bofonchiata me la sono, forse troppo generosamente, concessa. Credendo a torto che una sigaretta durasse anche più di una settimana, non mi sono reso conto che era ora passata di seminare i pomodori cuore di bue, ma tutto questo è poca cosa rispetto a quanto stavo errando prima di allora.

Andavo a slittare, al cinema e a comprare l’albero, e non mi accorgevo che la mia vera vocazione in quei giorni era riflettere sulla episodicità passionalistica della rifrazione magnetocratica non totalmente attinente all’eventuale danno subito o solo accennato.

Per fortuna che su feisbuc racconto anche qualche balla, altrimenti sarebbero già venuti a prendermi…

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

34 Risposte to “CHE CI FACCIO SU FEISBUC”

  1. Nausicaa Says:

    Ho gufato anche io…cmq a furia di dire:”ZERO TITOLI” mi sa che si è gufato da solo il signor Mou 😀

  2. Iso Says:

    Mi fai paura, sembri un “Amokläufer”….

  3. Saamaya Says:

    http://www.prepuzio.com/

    Siete parenti, per caso????
    noto una certa affinità….

  4. Blaine Says:

    tirati su Osky 😉 e dimentica inesorabile episodicità passionalistica della rifrazione magnetocratica. Anche Stielike, come certamente ricorderai, c’è riuscito. Basta ripassare il suo saggio sulla basicità del bi-polarismo intercambiabile trascendentale del futurismo immediato. E poi ho trovato il libro di cui ti ho parlato in italiano! Potrai portartelo in ferie se ne hai il coraggio!

  5. vince Says:

    Oscar, non è che avere un blog deve costringerti a scrivere qualcosa. Come a dire, piuttosto che dir cagate è meglio stare zitti. (So che è difficile: infatti io non ci riesco mai):

  6. wood Says:

    OSCAR..ti stai BAKUNIZZANDO??? la foto sopra è disgustosaaa!!
    buon week endsss

  7. reditugo Says:

    Ci voleva questo contributo chiarificatore. Pensa che da una lettura dei tuoi scritti, superficiale e approfondita al tempo stesso, quantanche sporadica e reiterata, fuorviati dall’assenza del benchè minimo accenno all’opera omnia del grande Fabio Henrique Simplicio, si poteva estrinsecare l’incongrua conclusione che il tuo quotidiano fosse rappresentato pedissequamente dall’alternanza sequenziale potaggiofresistica, mista a interventi lubrificomanuntentivi di natura meccanopneumatica intercalata da intervalli sonoroesibizionistici empaticamente disomogenei.

  8. vince Says:

    Reditugo, dimentichi le sue incursioni pseudoletterali poeticamente vagamente futuriste sia per la metrica che riporta ad una certa velocità auspicata allora, negli anni marinettiani, e presente oggi, sia per una più attuale, appunto, usufruizione odierna delle poetiche in generale, dovuta alla velocizzazione insita nella contemporaneità.
    Reditugo, dimentichi, insomma, tutto il tempo che dedica a dire cazzate sul suo blog.

  9. Oscar Ferrari Says:

    VINCE: i feisbuccofili più incalliti intravederanno in questo post alcune alchimie narrative, messe magari un po’ a mo’ di sasso sotto l’unghia, ma che a ragion veduta possono senz’altro far da degno contorno al corpo letterario principale, che altro non consinte che nella mera elencazione dei vari stati d’animo dichiarati su feisbuc
    REDITUGO: a mio parere il fallo da dietro compare in maniera un po’ troppo autobiografica negli scritti di Simplicio, e non è chiarissimo il contesto in cui esso si colloca…
    WOOD: ma è un semplice ed umile pidocchio, poverino…
    BLAINE: spero di aver la stessa forza morale di Stielike, è che per esercitarmi mi servirebbe uno stinco di Oriali
    SAAMAYA: non lo conoscevo, è stata una bella scoperta, grazie a te
    ISO: è feisbuc che mi ha traviato
    NAUSICAA: il commento immagino fosse per il post precedente, ma va benissimo anche qui, anzi…

  10. reditugo Says:

    Certo, esistono diverse scuole di pensiero in merito, ma io, dopo aver preso le opportune distanze, suggerirei sempre una chiave di lettura “a posteriori”.

  11. popoff Says:

    cazzate per cazzate, che fine ha fatto il post promesso sulla palio weekend?

  12. mangrovie Says:

    Scusate, ma io – donna di strada (metaforicamente parlando…) non posso competere con l’alto livello dell’eloquio qui ampiamente dispiegato e onde non turpiloquare mi scuso e mi ritiro a post più semplicissimus.

  13. il biggo Says:

    Ehm… aiuto! Sotto ALTRI IDIOMI DISPONIBILI non ho trovato “italiano” o_O

  14. Bakunin Says:

    Quand’è che sarai a fare il surf in un mare di birra?

  15. alianorah Says:

    Post comprensibile (si fa per dire) solo a chi ti segue su FB. Quindi io l’ho compreso.

  16. Vita Says:

    Te lo devo proprio dire…stavolta non credo di averci capito molto…feisbuc fa questo effetto?

  17. mangrovie Says:

    Possiamo togliere quella brutta bestia dallo schermo del mio pc?? domani passo a prendere la verdüra, eh! Porta la zucca!

  18. LaJoe Says:

    …ho perso il filo dopo 8 Marzo e nuovi Tori…vabèh sarà che ho perso praticità e agilità di bloggarola.
    Braf Braf.

    (@ Bakinin…domani potrebbe essere un buon giorno…per surfare sulla birra intendo)

    buon saint patrick’s day a tutti!!! :oP

  19. Oscar Ferrari Says:

    JOE: però per me quelli di San Patrizio la birra la fanno meno bene di quelli di Andreas Hofer…
    MANGROVIE: tieni duro ancora un giorno, sono allo stremo dopo giorni di iperattività, comunque con le zucche ormai siamo alla frutta…
    VITA: in effetti il post rappresenta in modo inequivocabile il senso della mia presenza su feisbuc
    ALIANORAH: sapevo di poter contare su di te…
    BAKUNIN: ci manca parecchio, fino ad adesso al massimo mi sarò bevuto una piscina olimpionica…
    BIGGO: porta passiensa…
    POPOFF: arriva, magari di strafugo ma arriva
    REDITUGO: che poi è sempre la chiave migliore…

  20. vince Says:

    Oscar, mi accorgo ora di questo esempio che tu fai per esprimere più che un concetto, una sensazione: “alcune alchimie narrative, messe magari un po’ a mo’ di sasso sotto l’unghia”.
    Un sasso sotto l’unghia? E’ da quando ero piccolino e giocavo in cortile con la terra che non ho più avuto l’occasione che un sassolino si infilasse sotto un’unghia. Tu usi metafore, caro Oscar, a te familiari data la tua professione nel settore primario, ma oramai quasi sconosciute a me ed a tutti coloro che sono impiegati nel terziario.
    Quindi oserei provocarti con la seguente afffermazione: non è che, per questi motivi, le tue poetiche narrative siano naturalmete incomprensibili a chi gravita in ambiti non simili ai tuoi. Ovvero, non è che le nostre esperienze quotidiane allontanino i rispettivi modi di sentire, oltre che di essere? Quindi, è ipotizzabile una narrativa settoriale, comprensibile ad alcuni e non a tutti?
    Cioè, è proprio vero che le diverse esperienze di vita provocano sentimenti tipici e quindi espressioni incomprensibili a chi matura quotidianamente un bagaglio esperienzale diverso?
    Quindi, non è necessario per una reciproca comprensione trovare un terreno comune sul quale confrontarsi, un punto di unione che equilibri le diverse singole esperienze al fine del reciproco scambio di sentimenti e sensazioni, di idee e di progetti?
    Per farla breve, quante birre dobbiamo berci assieme per capirci al volo?

  21. popoff Says:

    è l’ineluttabilità dell’impossibilità comunicativa, vince. giusta, a questo punto, la tua domanda retorica finale: da sbronzi, infatti, si scambiano stati d’animo, non concetti: ovvero, l’empatia su base alcoolica.

  22. zecche Says:

    saluti dalla latitanza
    zzz

  23. reditugo Says:

    Eh son questioni quelle che sollevi ►Vince. Se poi ci aggiungi che ormai non si va più in fuga nè sul Poggio nè sulla Cipressa…

  24. vince Says:

    Reditugo, questa costola del discorso che apri mi interessa. Essendo io uno che passa alcune belle ore della sua vita su un ciclo, puoi ben capire come desti la mia curiosità la tua affermazione. Che succede?

  25. reditugo Says:

    ► Vince, mi dispiace, ma questa è una domanda per cui una risposta proprio non esiste. 😀

  26. Miss Kappa Says:

    Oscar, il martelletto di gomma ce l’ho io. Se vuoi te lo spedisco. Gradirei essere pagata in natura. I ravanelli andranno benissimo.

  27. Artemisia65 Says:

    bella foto
    certo che appena alzato ciai na cera
    un po’ di vita su!

  28. testa bislacca Says:

    Vorrei esssere più assidua, Oscar.
    Comunque sappi che ho gufato anch’io. 🙂

  29. roxana Says:

    ciao…a tt………ke fatte ??

  30. roxana Says:

    di dv siete???….io sn di davoli marina……cz……ce qualcuno di davoli ???

  31. vinsent Says:

    Ciao Diavolina..

  32. aron Says:

    Ciao io sn ricercat…..

  33. franco Says:

    a che cosa vado incontro

  34. arianna Says:

    vorrei iscrivermi a feisbuc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: