UGHI, ALLEVI, JOHNNY ROTTEN

A me di Giovanni Allevi non è che finora me sia fregato più di tanto, è che in questi ultimo giorni l’ho visto da Lilli Gruber, ho letto un’intervista dove Uto Ughi (un altro di cui ho fatto tranquillamente a meno senza danni apparenti) lo demoliva, e non mi son fatto mancare neanche la controreplica dove Allevi bolla Ughi come difensore della casta dei vecchi musicisti.

Allevi, ti ho visto dalla Lilli e mi è ballato l’occhio quando ti sei autodefinito “simpaticamente megalomane“. Allevi, lascia che il “simpaticamente” lo decidano gli altri se aggiungerlo o no, altrimenti fai la figura di quello che quando deve indicare il suo peggior difetto se ne esce con un “sono troppo sincero“, e tutti capiscono che è vero il contrario.

Ughi, fatti i cazzi tuoi. Se Allevi davvero non ti piace, lascialo perdere, uno come te  mica deve perder tempo a parlar male degli altri, che ti frega di uno che reputi neanche degno di passare l’esame al conservatorio?  Ci fai quasi la figura del pensionato che guarda attraverso le assi dei cantieri e sbotta che a suoi tempi sì che si lavorava.

Comunque, c‘era da votare e ho votato Allevi, sono in minoranza ma questo è quasi un buon segno. Comunque, per andare sul sicuro,  meglio Johnny Rotten, anche se non si chiamava più così

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

80 Risposte to “UGHI, ALLEVI, JOHNNY ROTTEN”

  1. vince Says:

    Apro le danze io? Bene, uno dei 10 dischi da portare sulla solita isola deserta è sicuramente Metal Box (Second Edition), dove Johnny dà il meglio di sè. Su Uto Ughi e Giovanni Allevi ho solo una considerazione da fare: non li considero.

  2. brigidafraioli Says:

    e vogliamo parlare dei tuoi tag che sono sempre uno spettacolo?!??

  3. Xeena Says:

    Che tormentone questo Allevi…ma chi é? È uscito dall’ovetto Kinder, é una sorpresa…chi é? Vabbé non voglio manco saperlo 🙂
    Il rosso qui sopra é forte peró.

  4. Xeena Says:

    Dove sono finita…nel bidone. Tirami fuori…subito!

  5. aghost Says:

    oscar, stavolta non sono d’accordo. Ormai la corruzione di significato invade qualsiasi cosa. Ieri ho sentito dire da Berlusconi “non ho mai attaccato i magistrati, semai è il contrario”. Ughi ha ragione, bisogna dire basta a questi equovoci, a questa falsa melassa in cui non si distingue più nulla. Allevi è un pallone gonfiato, qualcuno doveva pur dirlo, e sono contento che l’abbia detto qualcuno che ha ancora credibilità in questo infelice paese.

  6. marco lenzi Says:

    forse non è un caso che ad amare allevi siano soprattutto donne… l’inarrivabile genio marchigiano sembra infatti incarnare perfettamente il modello del nuovo ‘fighetto’; ma sì, basta con i belloni tipo brad pitt, e basta anche con i ‘seriosi’ tipo il vecchio sean connery, oggi alle adolescenti piace da matti il tipo ‘intellettualoide’ con gli occhiali – harry potter? – un po’ ingenuo e impacciato… allevi in realtà è un contesto di cose risibili e patetiche, a cominciare dallo sfoggio del curricolo: si è laureato con lode in filosofia? è che vuol dire???? a parte che a sentirlo parlare – e a vederlo ridere e gesticolare – sembra un troglodita cerebroleso, ma poi conosco una marea di imbecilli laureati in filosofia!!! ma la cosa più sconvolgente è che nel 2008 ci si ostini ancora a confondere i gusti personali con la qualità! un conto è dire, che ne so, “a me il jazz non piace”, un altro è dire “il jazz è una musica di scarso valore”… il valore e la qualità NON SONO SOGGETTIVI, sono bensì universali NEL CONTESTO DI UNA DETERMINATA CULTURA. allevi fa parte della cultura occidentale e in questo contesto la sua arte è OGGETTIVAMENTE di qualità scarsissima. punto e basta! se piace a un milione di persone vuol dire che il livello del senso estetico è BASSISSIMO, non vuol dire che quella musica E’ BELLA. è chiaro questo, una volta per tutte? leopardi sarebbe un grande poeta anche se venisse letto da tre persone, webern è un grande compositore anche se è ascoltato da dieci persone, pupo è un pessimo cantautore, albano è un pessimo cantante, mentre fabrizio de andré è un grande autore, ecc. ecc. è chiaro? fatela finita allora col difendere questo artistucolo da piano bar e cominciate a educare le vostre orecchie e il vostro senso estetico alla luce di grandi musicisti, che purtroppo non sono quelli che i media propongono. vanno cercati con sforzo e fatica, ma alla fine lo sforzo e la fatica premieranno: andate a sentire la musica di morton feldman, di aldo clementi, di steve reich, karlheinz stockhausen, luigi nono, gyorgy ligeti se vi piace la classica, e di aphex twin, bjork, radiohead, autechre se vi piace il pop. scoprirete un universo di emozioni tanto grande e vario e vi renderete conto che le composizioni di allevi sono un nulla emotivo. auguri, signore e signori!

  7. duhangst Says:

    A me Allevi piace, ma siccome io di musica ne capisco proprio poco, non credo che per lui sia un vanto avermi tra i suoi estimatori.

  8. Mavi Says:

    Bo devo ammettre che io di Allevi conosco una canzone soltanto, che mi piace ma alla stregua di una colonna sonora di una pubblicità. Ho ascoltato un album e l’ho trovato noiosino, oltre che ripetitivo. Col pianoforte mi sono fermata al solfeggio, quindi nn posso giudicare.
    De gustibus… 🙂

  9. andrea Says:

    Salve a tutti sono un pianista concertista, diplomato al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro col massimo dei voti e attualmente iscritto all’école normale de musique de Paris, fondata da “A. Cortot”.
    Vorrei esprimere la mia opinione circa la polemica tra il maestro Ughi ed Allevi. Al di là dei gusti personali sui quali non si può discutere, è giusto che, chi interpreta un ruolo, lo faccia con le giuste credenziali. in altre parole ci si aspetta che un chirurgo che opera in sala operatoria abbia non solo la laurea in medicina ma lo faccia anche e soprattutto di mestiere, così come un laureato in giurisprudenza non è automaticamente un avvocato; per diventarlo, deve fare praticantato per almeno due anni e svolgere quotidianamente il lavoro di avvocato. Lo stesso discorso vale per il ruolo e mestiere di pianista classico, ovvero si diventa pianisti classici non soltanto se si è in possesso del diploma in pianoforte, ma se si possiedono delle qualità che sono, per farla breve, un certo livello (alto) di tecnica e un certo numero di brani in repertorio. Allevi è un compositore che suona musiche sue, utilizzando il pianoforte, come fanno tanti altri, come Michael Nyman, Ludovico Einaudi, Richard Claydermann, Steven Slacks eccetera. Tutti i pianisti da me nominati compreso Allevi, non sono pianisti classici. Non lo sono per definizione, ovvero perchè per essere un pianista classico bisogna avere una certa tecnica, che Allevi non ha, e bisogna dimostrare in pubblico di essere in grado di saper suonare certi brani ed Allevi questo non lo ha mai fatto, ovvero dimostrare di saper suonare compositori quali Mozart, Beethoven, Chopin, Rachmaninov eccera. Perchè questi? direte voi…perchè questi compositori, hanno scritto pagine musicali non soltanto di enorme rilevanza, ma perchè anche la loro composizione più semplice è sempre difficilissima per cui è necessario un grado di tecnica e professionalità che non si può improvvisare. Questa è, in breve, la definizione di musica classica detta anche musica colta. Diceva Arturo Benedetti Michelangeli (un grandissimo pianista classico italiano) che suonare la musica classica è uno sforzo pari ad un “sacrificio inimmaginabile”. Sedersi semplicemente al pianoforte e schiacciare dei tasti non significa automaticamente essere un pianista nell’accezione classica del termine e schiacciare dei tasti non significa fare musica classica. Voi capite che se così non fosse, chiunque potrebbe sedersi e suonare ed essere scambiato come pianista classico, però a quel punto anch’io prenderei in mano un bisturi ed inizierei ad operare e sarei anch’io un chirurgo, oppure un bel giorno mi alzo alla mattina, mi metto una tonaca nera, vado in tribunale e faccio l’avvocato. Voi capite che le cose non funzionano così perchè parliamo di mestieri per i quali è richiesto un grado di professionalità che non può essere improvvisato e che è dettato da regole molto precise. Il pianismo non fa eccezioni, ovvero ci sono delle regole (ve le ho esposte prima) e vanno rispettate altrimenti io potrei incazzarmi, così come si incazzerebbe un chirurgo se venisse sostituito da un cialtrone, cosi’ come si incazzerebbe un avvocato se tutti potessero accedere alla professione senza possederne i titoli. E’ per questo motivo che il Maestro Ughi s’è incazzato, perchè Allevi, nell’immaginario comune, si spaccia per pianista classico senza possederne le qualità, andando alla fine ad usurpare il posto a chi invece ha i titoli per esserlo. Credetemi, fare il pianista classico non è cosa facile. Occorre studiare per anni ore e ore al giorno e vedersi confusi con un cialtrone che fa plin plin non è gratificante. Chiunque di voi immagino fa un mestiere. Come reagireste se qualcuno prendesse il vostro posto senza averne i titoli? Come reagirebbe un avvocato, un notaio, un medico, un ingegnere? Insomma c’è un equivoco di fondo. E’ semplicemente una questione di ruoli e di titoli che bisogna avere per accedere a tali ruoli. Ciò non toglie la possibilità che chiunque possa sedersi al piano e magari fare cose interessantissime e degne di nota ma questo non equivale ad essere definiti pianisti classici. Tra l’altro Allevi suona roba composta da lui, che lui stesso definisce classica. In questo modo, complice l’ignoranza generalizzata ed una cattiva conoscenza dell’italiano medio relativamente alla musica colta strumentale, si viene a creare una fastidiosissima usurpazione di ruoli. A tutti coloro che invece amano la musica di Allevi, che io rispetto in quanto “de gustibus non disputandum est”, invito a vedere il video su you tube che mostra la differenza tra un pianista classico e un suonatore di pianoforte. Allevi è un suonatore di pianoforte, il video è questo: http://it.youtube.com/watch?v=U1Fgi8rOY6U
    Buon anno a tutti
    M° Andrea Morico (morik@ymail.com)

  10. Iso Says:

    Xeena my dear…il rosso sopra é Johnny Rotten dei Sex Pistols…grande! 🙂 (non eri ancora nata).

    Viva il post corto!

  11. pietro Says:

    Meglio il maestrro che l’Allevi. Veramente non me ne fotte niente di tutte e due ma era per fare la battuta. 🙂
    Buon Anno

  12. Oscar Ferrari Says:

    PIETRO: allora meglio ancora la maestra…
    ISO: è post punk, non post corto…
    ANDREA: molto interessante ciò che hai scritto riguardo alla definizione di musica classica, traccia una linea netta di demarcazione tra chi pianista classico lo è e chi lo fa. Per Allevi invece la sua è musica classica semplicemente perchè espressa in una partitura su pentagramma. Se, come affermi, Allevi non ha mai eseguito in pubblico della musica colta a lui precedente, qui le cose si fanno oggettivamente sospette
    MAVI: a me non è mai capitato di ascoltarlo senza vederlo, figurati…
    DUHANGST: beh, ma tu sei di bocca buona, ti piacciono anche le mie canzoni
    AGHOST: tieni conto del fatto che la polemica è scaturita per l’esibizione di Allevi in Senato, davanti ad una platea d gente scelta dalle segreterie dei partiti. Ughi poteva uscirsene con un bel “quella è proprio la gente giusta per apprezzare Allevi”
    MARCO: d’accordo su tutto, forse tranne su Albano….
    XEENA: è una specie di bidello dell’Isola che suona il pianoforte
    BRIGIDA: anche ogni tuo commento lo è…
    VINCE: io sull’isola mi porterei piuttosto una radio

  13. vince Says:

    Oscar, te continua con il tuo stile. Il parlar di musica lasciaglielo fare a Ughi, che a leggere chi è intervenuto, pare abbia tutte le ragioni per farsi i cazzi di Allevi. Ughi parla di musica classica, mica del tuo demential rock. Pare dunque che sia più onesto Johnny con le incandescenti ballate di Metal Box. Long life to PIL.

  14. Marin Faliero Says:

    Meglio di tutti e due è Ahmad Jamal.
    Però non riesco a scaricare Perugia, un pezzo bellissimo.

    Neanche gli Ufo Piemontesi scherzavano, ma non sonoil genere di Uto Ughi

  15. enrico Says:

    Niente polemiche di fine anno. Solo il mio augurio, che il 2009 porti tutto ciò di cui senti di avere il bisogno.

  16. a.g. Says:

    madonna, faliero che cita Ahmad Jamal 🙂 Per me allevi, come chiunque altro, può suonare come gli pare. Però non devono scassarmi l’anima sostenendo che è un genio. E’ un Pupo del pianoforte simil-classico. Questo da fastidio, il marketing che pretende di imporre gente che vale poco, e tutti che gli vanno dietro senza saper distinguere una mazza.

    PS: albano è un buon cantante

  17. francesca Says:

    Oscar auguro a te e famiglia uno strepitoso 2009 ricco di tutto ciò che desideri!!!!!
    Un milione di auguri!
    Francesca

  18. Jessica Moh Says:

    Buon fine anno a te e i “Nuovi tori” e che il 2009 possa smentire i “gufi”!
    kisses

  19. nadiaflavio Says:

    Come direbbe Giovanni il mio amico gommista: GOODYEAR!!!!!
    Auguroni Oscar.

  20. Fanky Says:

    La musica di Allevi secondo me è musica “piaciona” un po’ come i vini californiani, i ponti di Calatrava e i romanzi di Dan Brown.
    Uno ascolta/assaggia/guarda/legge, dice: “figaataa” e poi passa ad altro. É la civiltà occidentale degli anni 2000, superficiale.
    E fin qui, tutto male.
    Tuttavia al posto di Andrea ringrazierei comunque Allevi, in quanto probabilmente porterà nuovo pubblico ai concerti per pianoforte, così come Pavarotti, con le sue discusse contaminazioni riuscì a far conoscere la musica operistica al grande pubblico, riavvicinandola al suo ruolo originario di musica popolare.
    Per apprezzare il tocco di un pianista ci vuole un orecchio preparato, e da qualche parte bisogna pur partire, anche Allevi può essere un punto di partenza, secondo me.
    Per quanto riguarda la musica “colta” bisogna ricordare che nemmeno il jazz è nato in ambienti accademici, anzi, era da questi disprezzato, e i primi jazzisti suonavano di fronte ad un pubblico molto diverso da quello attuale.
    Allora, al grido di “la corazzata Potiomkin è una cagata pazzesca” vado al seggio ed annullo la scheda scrivendo il nome del sommo (se non altro per le copertine dei suoi dischi) Fausto Papetti.
    Buon anno.
    😉

  21. Xeena Says:

    Siete folli chi legge commenti cosí lunghi!!! Io odio giá i post lunghi figuriamoci i commenti.
    Auguroni Ferrari scivolate alla grande…

  22. Oscar Ferrari Says:

    XEENA: a volte una certa prolissità è necessaria per esprimere il concetto evitando che venga fuorviato, magari non insistendo con parafrasi assolutamente defenestranti che potrebbero distogliere l’attenzione dal messaggio, facendolo inopinatamente convergere sulla pura e mera autocelebrazione sintassica, ma non è certo questo il punto e non è certo il luogo per lasciarsi andare. In conclusione, direi di non affrontare l’argomento, posticipandolo all’anno nuovo che si sta facendo vieppiù incipiente
    FANKY: resta da vedere se l’avvicinare gente alla musica colta sia in fin dei conti un bel gesto…
    FLAVIO: auguroni a te e al gommista
    JESSICA: i gufi finiranno nella polenta e osei…
    AG: su albano siamo d’accordo, ad Allevi riconosco il merito di aver fatto incazzare un santone della musica colta
    FRANCESCA: grazie, e vedo di impegnarmi coi desideri…
    ENRICO: magari anche qualcosetta di superfluo, non fare il taccagnone…
    MARIN: …perchè non conosci il Maetro tastierista dei Nuovi Tori
    VINCE: però hai visto che bel putiferio? manca solo l’opinione del Padre Mariano

  23. Nausicaa Says:

    buon anno Oscar e viva Giovanni Allevi!!!!!
    Uto Ughi ha prorpio esagerato…uno che nn merita di entrare al conservatorio nn ne esce con il massimo dei voti!!! E non fa il tutto esaurito nelle tappe in tutto il mondo e nemmeno vende milioni di dischi…a me Allevi piace, mi fa sorridere e mi fa star bene cn la sua musica…penso possa bastare no?

  24. evaluna72 Says:

    Io asserisco (visto che tu, Oscar, usi un certo tono quando scrivi, mi adeguo con verbi in via d’estinzione) che ciò che ha reso assai famoso in breve tempo Allevi è l'”effetto scenico”, chiamiamo così l’insieme di muscia, il fatto che si tratti di un personaggio stravagante e piuttosto giovane nella scena, e la capacità di taluni manager a portare dalle stalle alle stelle i loro pupilli con strategie di marketing ecc. con la finalità di fare soldi a palate. Uto Ughi non conosco, Sex Pistols mi piaceva il loro stile di vita, la musica meno…Auguri!

  25. Andreas Perugini Says:

    Non sono un fan sfegatato di Allevi. Non lo ritengo un genio ma ritengo godibile la sua musica e positiva la sua presenza sulla scena. Mi stupisce la presenza di tanta “reazione” sul blog di Oscar. Uto Ughi attacca pesantemente Allevi. Allevi replica denunciando l’esistenza di una casta autoreferenziale e, aggiungo io, fondamentalmente ignorante, che tende a concepire la musica come limitata a quella mitteleuropea dalla seconda metà del Settecento ai primi anni dell’Ottocento. I due non sono paragonabili fra loro. Ughi è un virtuoso violinista classico; Allevi suona il piano e compone un ibrido che va dalla classica al jazz, al pop. Evidentemente Ughi ha investito il tempo a specializzarsi su un genere ed una tecnica, Allevi ha spaziato maggiormente , con i costi ed i benefici conseguenti per entrambi. In un’Italia in mano alle caste gerontocratiche sono convinto ci vorrebbero più Allevi e meno Ughi!

  26. rob Says:

    Allevi non piace neppure a me e amici musicisti non hanno opinioni elevate, però non si parla male della gente per cui mi limito a questo… mi hai portato indietro invece di circa 20 anni, ma forse più ormai non so, Palasport di Torino, creste ovunque e concerto dei PIL per il disco ALBUM… concerto monumentale.
    Ho rivisto i Pistols fra l’altro qualche mese fa per il loro bis del “tour della truffa” alla Pellerina sempre qui a Torino, e allora alla luce di questo mi vien da chiedere… Allevi, Allevi chi????

    Buon anno
    Rob

  27. Alessandro Says:

    d’accordo, lasciamo che si scornino, generazione contro generazione. Chissenefrega, tanto la classica purtroppo è una casta che nemmeno ci vogliono.
    E allora, a dieci anni dalla scomparsa di Fabrizio De André, mi vado a risentire “Bombarolo” e vi dico: attenti ne sto preparando una per fine cenone che vi farà scomparire dalla faccia della terra, meno uno: Bollani che almeno mi fa ridere.
    guten yahre (?)
    Alex

  28. vince Says:

    Oscar, ovviamente è molto più difficile scatenare quello che tu chiami un putiferio parlando di rapanelli, cachi, o anche delle tue performances con i Nuovi Tori. Oddio, volendo si porebbe fare, ma pare difficile. E tu sai quanto io sia un estimatore dei Nuovi Tori, in qualsiasi loro formazione.

    Invidio invece Rob, per quello che ha visto. E quest’anno si è visto pure Tricky, scommetto. Insomma, di fronte a questi artisti mi unisco alla sua domanda. “Allevi chiiii?”.

  29. gadilu Says:

    Urca. Marco Lenzi da Oscar Ferrari. Ecco che finalmente ho capito cosa significa la globalizzazione.

  30. Iso Says:

    @ Alex, no non cosí,
    ein Gutes Neues Jahr euch allen,
    auch den Walschen unter euch!

    Die Iso!

  31. VoxNova Says:

    Non centra una “cippa” con il post, ma vedi di goderti un buon 2009, cara la mia “rockstar lituana” 😉

  32. vince Says:

    Oscar, ieri 3 imbecilli sono andati a pattinare a Monticolo e sono finiti nel lago.

  33. Padre Mariano Says:

    …..noto con piacere che le discussioni in voce tra me e “il fido Paletti”riscontrino interesse e argomento di riflessione. Il post di Andrea l’ho trovato interessante in quanto non conoscevo la definizione di “Pianista classico”. Qualcuno che dica come stanno le cose deve pur esserci e dunque ,se Ughi si è sentito in dovere di difendere la categoria ,faccia pure. Allevi suoni pure la sua musica, ma la smetta di atteggiarsi a “unto del Signore”,…questo paese è pieno di unti ,da apparire sudicio.

  34. vince Says:

    Padre Mariano, le tue parole a volte sarebbero da far incidere sulle porte delle città.

  35. La guressa Says:

    Allevi mi sta enormemente sulle balle – e se non ce le ho, lui me le fa venire- Sto col maestro Ughi, il quale tra l’altro, non è l’unico (tra coloro che considero maestri) a pensarla così su Allevi. Molto meglio Stefano Bollani

  36. demi4jesus Says:

    Oddio non sono riuscita a terminare di leggere il tuo post! Mi stavano aumentando le coliche!
    Comunque passo per lasciarti gli auguri, di buon anno, s’intende! 😉
    Un salutone, Noemi

  37. Iso Says:

    @ Guressa, non sulle …., ma sulle ovaie, e spero che non te le fai venire le….., non ci fanno bene! Auguroni a té e il metallaro!

  38. Antonio Says:

    Non c’e’ nulla di classico nella musica di Allevi, gli “esperti” lo sanno … piuttosto Allevi conosce l’arte di vendere il nulla agli ignoranti: in questo o è un abile venditore oppure è solo fortunato.

  39. vince Says:

    Approfitto della presenza di “musicisti veri” per chiedere loro che ne pensano di Michael Nyman. Questa estate mi è capitata l’occasione di vedere una sua esibizione in un teatro gremito fino all’inverosimile, forse complice la gratuità dell’evento. Nyman lo conosco per le sue colonne sonore, delle quali ne possiedo un paio nella mia collezione di cd. Ho lottato per tutta la sua esibizione contro le crisi di sonno che questa mi provocava continuamente, dalle quali rinvenivo quando il celeberrimo compositore minimalista steccava. Sì perchè lo ha fatto ripetutamente: alla prima non ci ho creduto, ma poi, quando si è ripetuto un paio di volte, ne ho avuto la certezza. Se Andrea o Marco Lenzi, o altri, volessero catalogare anche il signor Nyman, mi chiarirebbero alcuni concetti sui suonatori di piano.

  40. Fabrizio, the wings Says:

    Se vi chiedete se Picasso avesse le capacità tecniche di un pittore “classico” tipo Michelangelo posso rispondere di sì, solo che non gli andava di dipingere in quel modo. Saldor Dalì non era da meno. E Allevi?

  41. Fabrizio, the wings Says:

    L’ho ascoltato ‘sto allevi che non conoscevo. E’ meglio Rotten. D’altronde i best seller si fanno comprando i propri prodotti. La casa investe un tot per comprare libri o dischi finchè non entrano in classifica. Una volta in classifica se ne parla e il gioco è fatto. La mia è un’ipotesi…ci macherebbe

  42. haveadream Says:

    Meglio Rotten, sicuramente. Firmo e sottolineo.
    Allevi è in gamba, ma è di “cassetta”.
    Se tanto mi da tanto, a confronto allora Federico Monti Arduini (Il Guardiano del Faro) chi è? Borodin?

  43. Oscar Ferrari Says:

    HAVEADREAM: però Monti Arduni era più ingegnere del suono che musicista…
    FABRIZIO: mica solo quello, si pagano anche le ospitate in TV. Allevi per me è uno di quelli che adesso passa aggratis, e visto il livello della TV italiana, non è certo un complimento
    VINCE: la musica di Nyman è come il cinema di Fassbinder, serve a darsi un contegno ma dormire è più che lecito…
    ANTONIO: Allevi per me stimola molto il senso materno del pubblico femminile
    ISO: come non ci fanno bene le…..?
    DEMI: allora auguri per le coliche…
    PADRE MARIANO: dipende anche dalla parte corporea nella quale il Signore ti unge. Ho come l’impressione che molto spesso l’unzione si limiti alla semplice e distratta applicazione di vaselina là dove non batte mai il sole
    VOX: le tue sono sempre parole sagge, in qualunque contesto si trovino
    GADILU: secondo me a Bolzano in tanti l’hanno scambiato per quello degli ascensori, altro che globalizzazione
    ALEY: forse posso ritenermi fuori pericolo, son passati due giorni e ancora l’onda d’urto non è arrivata
    ROB: se ha fatto un post sui Pistols o hai del materiale, linkacelo
    ANDREAS: questo si, ma mica solo nella classica. Pensa a tutti quei ventenni che vanno ai concerti di De Gregori, Vasco, Venditti, Dalla….
    EVALUNA: per te gli auguri con una citazione del primo Gaber, “Non asserir…”
    NAUSICAA: brava ad andar controcorrente. È dote rara, specialmente per una juventina….

  44. Andreas Perugini Says:

    @ Vince
    Scusa Vince ma allora sei caduto nel tranello! Non è che adesso per ascoltare la musica devi avere il bene placet dei musicisti classici che ti dicano ciò che “arte” e ciò che non lo è! Mentre non sono un fan di Allevi (ho solo due suoi cd che ascolto saltuariamente, sono molto fan di Nyman: ho molti dei suoi dischi. Lui non è un “pianista classico”. Dal vivo stecca i suoi brani regolarmente. Ma chissenefrega! No? La Michael Nyman Band è un portento per altri motivi. Ed i cd di Nyman (almeno i primi) sono interessanti ed emozionanti non per la tecnica, ma per lo stile ed il concetto che vi sta dietro. Per cambiare esempio neppure i Beatles erano grandi strumentisti: è stato detto allo sfinimento! E con ciò? Vogliamo ridimensionarne per questo il peso nella storia della musica? Vogliamo iniziare a imitare i nostri ascolti solo ai virtuosi dello strumento stile Dream Thetre o Malmesteen… magari ascoltati solo in audiofilia poiché anche l’ascolto (per dio!) deve seguire certi rigorosi parametri?

  45. vince Says:

    @ Andreas Perugini: tranello, quale tranello? Non ho chiesto il placet, dato che l’esperienza l’ho fatta da me e ne ho ricavato delle considerazioni e delle conseguenze. Amo i Pil e i Nuovi Tori, figurati se ascolto ciò che qualcuno di dotto mi dice di ascoltare. Il fatto è che Nyman, nella mia ignoranza, è un compositore che collocavo nell’ambito della musica classica contemporanea. Sapere che uno stecca (regolarmente, addirittura, come tu mi dici) le proprie composizioni, mi lascia perplesso, molto perplesso. Eppoi mi faceva addormentare, altro che brani “interessanti ed emozionanti non per la tecnica, ma per lo stile ed il concetto che vi sta dietro”. Questo è ciò che si ritrova nei suoi cd, è vero, ma dal vivo e da solo … insomma. Che abbia bisogno di uno studio e di una orchestra per mascherare le sue incertezze? Che sia un buon compositore ma un cane come esecutore? Questo chiedo ai dotti, non cosa ascoltare.

  46. Andreas Perugini Says:

    @ Vince.
    Non essendo musica classica quella di Nyman, né “strettamente contemporanea” (dipende da cosa si intende), bensì minimalista (una sorta di sintesi tra la così detta musica classica e la così detta musica rock), ti posso dire: diserta tranquillamente i concerti di “Nyman solo”: sono spesso noiosi e lui un mediocre pianista. Se puoi, vai a vederti quelli della M.N.Band… sono emozionanti: http://www.youtube.com/watch?v=8uLbCk5XlmY&mode=related&search=
    Vedi, per ricollegarci al post di Oscar, pure un concerto al Senato di Nyman avrebbe “scatenato la reazione” pur essendo Nyman sì anche lui caratterialmente ostico, ma mai tanto arrogante e saccente quanto lo stesso Ughi, e proponendo anche lui una musica interessante, ma non già secondo i canoni della classica.

  47. Gianni Says:

    …lo savevo che te votavi allevi…dato che anca ti non ti si bon a sonar e non te capisi n’casso de musica…(scherzo..sai che amo te e i nuovi Tori..altro che allevi ughi e pirlate varie)

  48. Gianni Says:

    …ah me ne son desmentega de citarne n’altro, tale… bollani… che el rompe i cojoni non poco e non se ne puo piu’ de vederlo e sentirlo, sembra che l’esista solo lu..anca se le bon de sonar…el ga rotto i maroni…

  49. Chit Says:

    Ma chi sono?? I tre nuovi acquisti dell’Inter 2009??? 😀

    Tanti Auguri Oscarone, a te e famiglia (anche se in ritardo) 😉

    Si conquista il Togo quest’anno?? 😀

  50. Vita Says:

    Io trovo Allevi gradevole e, grazie alle sue composizioni, molti ragazzini decidono di imparare a suonare il pianoforte, cosa che è senz’altro preferibile allo stare ore ed ore davanti ad una playstation…o no? Te lo dico perchè insegno in una scuola di musica, quindi ben venga…Poi, detesto chi demolisce gli altri a tutti i costi, anche in maniera gratuita. Per il resto, trovo il tuo post intelligente, come sempre, e mi ritrovo d’accordo: la megalomania meglio di no,;gli aggettivi meglio che li assegnamo noialtri; Ughi,infine, appunto, non ha bisogno di accanirsi…
    Quanto alla musica, ognuno sceglie quello che più gli pare…
    Auguri, Oscar!

  51. Miss kappa Says:

    Allevi fa musichetta leggera che si può ascoltare mentre si rammendano i calzini. Uto Ughi è di un antipatico da schiaffi.
    Sentenziato ciò, me ne torno nelle mie stanze 🙂
    Baci Oscar, fai il bravo 🙂

  52. salvatorepiroddi Says:

    Sono tutti e tre passaggi obbligati…compresa l’Estonia…Felicità a tutti di un caldissimo 2009…da Miami Salvatore e spero vivamente in un tuo successo a Tallin non solo da Band di successo, Auguroni Oscar, dai un bacioa Xee, Gure e Mel.
    P.S. avvisami quando andrai in Estonia

  53. Artemisia65 Says:

    Allevi è come la Casa Bianca
    imitazione del classico in versione kitsch
    auguroni Oscar

  54. belphagor Says:

    Ti quoto e godo !

  55. barbie Says:

    ciao oscarino!

  56. Oscar Ferrari Says:

    BARBIE: ok, mi rassegno. Per te sono oscarino
    BELPHAGOR: godere capita anche a me, quotare non so come si fa…
    ARTEMISIA: ma nella kitsch Casa Bianca adesso ci entra Obama mentre nei palazzi di Roma ci rimangono i classici…
    SALVATORE: ok, bacio le sbarbe per conto tuo
    MISS KAPPA: ma quanti calzini rammendi? Ah, scusa, questo è il periodo….
    VITA: questione di interesse personale, insomma….
    CHIT: dici che è ora di smetterla coi nordici?
    GIANNI: a proprio ti te parli male del Bollani, che se te vai a Umbriagess te te lo trovi anca a dir messa?
    ANDREAS E VINCE: andate pure avanti tranquilli…

  57. Gianni Says:

    …a so appena sta’ a umbria gess vinter…visto che jo jo gilberto nol podeva vegnir perche’ a ghe vegnu n’ernia inguinale (come quelle che ghe vien all’oscar quando scolta ‘l gess) …ndovina chi i ga ciama’ …..el bollani bastaaaaaaaa….non se ne puo’ piuuuuuuuuu…(ps comunque almeno lu el sa sonar…)

  58. alianorah Says:

    Non posso che darti ragione, anche se non so chi sia quel Rotten lì.

  59. Signor Ponza Says:

    A me Allevi stava simpatico quando suonava nella band di Jovanotti. Ora più passa il tempo più gli farei ingoiare tutti i tasti del pianoforte, a uno a uno. Però c’è da dire che Ughi è stato simpaticamente stronzo.

  60. La guressa Says:

    @GIAN(N)I: l’è ben vera che el Bollani l’è dapertutt ancoi, ma ‘na volta el me piaseva. Mi gò el cidì che se ciama “Acquario”, e el me par bon…Ma ti, te soni?…El contrabass?
    @ISO: e infatti! Non voglio certo che mi vengano! 😛 Auguri anche a te da parte mia ma soprattutto da parte del Metallaro!
    @Oscar: va in mona! 😉

  61. Gianni Says:

    Ciao Guressa..allora te me conossi…si sono, almeno spero de poder dir de sonar el contrabasssss…el bollani a l’e’ veramente bravo e anca simpatico, anche se a volte spara battute come i bocia mona… ..ma ‘l brutto l’e’ che a l’e’ in giro dappertutto come i schej falsi….allora a l’e’ ovvio che el rompe i maroni…anca perche’ a gavemo in italia altri pianisti gess bravi, miga solo lu…ciauu

  62. giuy Says:

    sostengo andrea! io ci capisco poco di musica, il mio cantante preferito è Oscar, ma il mio degno compare, anche lui diplomato al conservatorio di Pesaro con il max dei voti (in violino), dice la stessa cosa di andrea.

  63. Vita Says:

    Non proprio, forse mi sono espressa male…voglio dire che genera comunque dell’interesse, interesse diverso dalle solite cose che fanno iragazzi molto giovani e li spinge a imparare qualcosa di più…poi chi è portato capisce che bisogna studiare e che lo studio comporta una certa dedizione e, magari, continua, chi no, comunque ci ha provato…più o meno volevo dire questo.

  64. pskij Says:

    odio Allevi

  65. La guressa Says:

    @GIANNI: te me conossi dai tempi en cui l’Oscar el neva ai conzerti de jess (e te sai ben prechè el neva)! Te sonevi anca con quel’oss che sona la tromba! Se te vegni en trasmision a la radio da l’Oscar, vegno anca mi ‘na volta, daiiii!!!

  66. Iso Says:

    Ueh…la guressa, saluti e auguroni a té e il metall!
    @ Ferrari, cambia post…, e porta via i cartoni dalla terrazza domani mattina (ah, e anche la plastica – e compra il pannocarta da 2 rotoli, é finito)!

  67. Gianni Says:

    ..volentieri Guressa..ogni tanto sono de sotto la vostra radio col mitico maestro Marco…ma perche’ el neva ai concerti gess?? mi lo trovavo solo dall’Holler….bravo Iso fa scattare l’omo che el se perde via in monade…

  68. andrea Says:

    Accidenti quanti commenti!!! Allevi sì, allevi no (grazie)…ma non ci sono regole! Ognuno ascolta quello che gli pare…c’è chi ascolta Nino D’angelo, chi ascolta Al Bano..e vaaaaaa, mia nonna ascoltava Nilla Pizzi…eppoi ci sono i Ricchi e Poveri, gli 883, Marco Masini…perchè ti fai?…e… la Pausini? Ma avete idea dei miliardi che ha fatto in america latina? Laura…amore mio…sposami! Tranquilli, ce n’è per tutti. Il problema “Allevi” si pone nel momento in cui il cialtrone stesso si autodefinisce pianista classico senza averne le credenziali, ma credo di averlo spiegato bene nel post precedente di cui mi scuso per la lunghezza. Alla fine è una questione di gusti…certo…chi sbava per un disegnino di un bambino di 3°elementare e non coglie la bellezza di un Leonardo, forse forse non capisce un cazzo, no? Ringrazio vince a cui rispondo dicendo che non esistono musicisti veri o meglio è una questione di gusto o, come dice il buon Jannacci…ci vuole orecchio, bisogna averne tanto, troppo, anzi parecchio. Personalmente ascolto di tutto, da Monteverdi fino alla techno (quella buona). Nyman secondo me è un ottimo musicista, le sue composizioni non sono mai scontate, armonicamente complesse con melodie originali..e…non dirlo alla siae ma a volte faccio lezioni di piano come bis nei miei concerti. (se ti piace Nyman ascolta pure Yann Tiersen…questi sì che fanno buona musica!)

  69. andrea Says:

    dicevo quella buona (di techno). Non dirlo alla siae ma spesso faccio lezioni di piano di Nyman come bis nei miei concerti.
    Vince se ti piace Nyman, ascolta pure Yann Tiersen, questi si che fanno buona musica. ciao

  70. vince Says:

    Grazie del consiglio, Andrea, approfitterò. Dunque, il Nyman è un ottimo musicista ed un buon compositore? Sulla seconda concordo sicuramente, ma poi STECCA in fase live: delusione unica. In questa sede, anche per cercare di rinvigorire questo post in attesa che Oscar ne partorisca un altro, spezzerei una lancia a favore di Tiziano Ferro. Che mi dici/dite, del Tiziano? Anche lui, poi, ne ha fatti di soldi anche in America Latina. Tiziano, sei un grande: altro che quello smidollato di Eros Ramazzotti.

  71. Oscar e il Jazz 1988 Says:

  72. Mr.Alex Says:

    Se volete vedere cosa pensava Oscar del Jazz nel 1988 : http://it.youtube.com/watch?v=bb37uKbWcno&feature=channel_page

  73. Gianni Says:

    ..che bel putin che te eri Alex…anca l’Oscar..invece l’Giorgio a l’e’ sempre uguale…

  74. Marin Faliero Says:

    Oscar, se non scrivi niente ci resto male e ti levo dalla toolbar.
    E’ una minaccia autentica, Brutti ha appena parlato (a Porta a porta) di rinnovamento e stella polare. E tu non sei neanche nelle Top Ten Estoni. Mi ero perfino esposto per te, piratando le Greathest Hits

  75. andrea Says:

    Grande Tiziano Ferro! Grande professionista, originale…credo sarà molto in gamba anche come autore…i brani della Giusi Ferreri non sono suoi?

  76. vince Says:

    Sì, l’ha presa in scuderia.

  77. Gianni Says:

    ..Giusy Ferrero? …nooooo…. ghe mancava solo questa, a mi de Ferrero me piase solo la Nutella…

  78. vince Says:

    Paola e Chiara si sono divise.

  79. foffo59 Says:

    Be’ a dire il vero di questo Allevi se ne puo’ anche fare a meno ,anche perche’ nn mi pare che lasci nulla di nuovo nel suo percorso.Bravo sicuramente ,ma la musica e’ emozione ,immaginazione ,ti deve far andare con la fantasia ,a me personalmente dopo averlo ascoltato per 15 minuti mi annoia,Johnny Rotten? Be’ la classe non e’ acqua,,Sex Pistols,Ian Dury ,Virgin Prunes..ma erano altri tempi.Nostalgia degli anni 90′ perche’ e’da questa data che nn si produce nulla di nuovo..tutta frittata girata e rigirata..Proporrei “The Mad Hatter” di Chick Corea..formazione strepitosa ,provare per credere.

  80. Darnell Says:

    I’m gone to say to my little brother, that he should also visit this webpage on regular basis to get updated from most up-to-date information.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: