PERCHÈ AL V-DAY NON C´ERO?

febbre.jpg

Alla fine non so ancora bene perchè al V-day non ci sono andato. È vero che avevo da piantare quasi un migliaio di piantine tra broccoli, radicchi, cavolfiori, lattughe ed envivie, ma tanto lo avrei fatto dopo le 18.00, come infatti è avvenuto. È vero che andando al V-day non avrei fatto in tempo a finire il lavoro, ma tanto non l´ho finito lo stesso, anzi è proprio il mio lavoro in se stesso che non è mai finito, se stai a guardare quello che dovresti fare non finiresti mai.

E non è stato neanche il casino di dover trovar parcheggio, a quell´ora potevo tranquillamente prendere un autobus (ho la fermata a dieci metri da casa e sarei sceso a dieci metri dal V-day).

E non è stato neanche il fatto che la petizione da firmare non mi convinceva per nulla. Per dirne una secca, con questo ragionamento uno come Nelson Mandela in Italia non potrebbe neanche candidarsi, e se va avanti di questo passo giustizialista anch´io, con la mia fedina penale macchiata da due 0,78 all´etilometro, avrò i miei bei problemi. Ma ci sarei tranquillamente potuto andare senza firmare.

E a trattenermi dal V-day non è stata neanche la certezza che ci sarebbero stati dei politici a caccia di voti, se stai attento a questo non potresti neanche più uscire di casa.

Forse, anzi probabilmente, anzi quasi certamente è stato il ricordo di quattro parole scambiate con Beppe Grillo una quindicina di anni fa ad Ascoli, quando al Festival della satira lui era ospite e io un anonimo concorrente (che però alla fine vinse il premio della critica, un minimo di autostima, Oscar).

Gli chiesi se, con una pistola puntata alla tempia, avrebbe preferito ciaparlo o ciucciarlo, a quei tempi mi divertivo a catalogare la gente in quel modo (solo i maschi, ovvio). E lui mi rispose: ciucciarlo. Brutta risposta, significa: ” pur di non sentire dolore, o di non subire danni, collaboro con chi compie un sopruso

Annunci

Tag: , , , , , , ,

16 Risposte to “PERCHÈ AL V-DAY NON C´ERO?”

  1. sc Says:

    ti capisco.
    diciamo che sono contenta che ci sia qualcuno che sta facendo il lavoro che Grillo sta facendo è per questo mi va bene, ma sarei di lungo più contenta se ci fosse qualcuno altro a farlo.
    Grillo non mi convince del tutto, mi da l’impressione che ciò che dice e fa, lo fa sopratutto perché ha capito che per lui quella è la strada del successo.
    Ecco, non lo vivo autentico fino in fondo.
    Forse per questo preferirei che al posto di Grillo ci fosse qualcuno diverso.
    Ma siccome c’è lui, sono grata che almeno uno c’è. 🙂

  2. Zelig Says:

    Oscar, non ti è venuto in mente che Grillo ha detto “ciucciarlo” per la successiva (e vendicativa) possibilità di staccarlo a morsi al proprietario? Cosa difficilissima – impossibile? – da fare con l’alternativa numero uno….

  3. brigidafraioli Says:

    Beppe Grillo mi diverte, spesso proclama delle sacrosante verità, ma il populismo ha in se qualcosa di troppo prossimo alla brutta politica.

    Boh, la piazza mi piace, mi ci trovo bene, ma la mia piazza non è quella del V-Day

  4. Aleyakke Says:

    Tanti anni fa in piazza Terralba, con Grillo, si giocava a calcio, le panchine erano le porte, c’era un’ala destra della Samp, un esilarante Orlando battutista, e altri genovesi (perché quello che lui caratterizza è il genovese mugugnone e indignato), già allora si era scavato una galleria nella satira e sta per rompere l’ultimo diaframma: direttamente al bancone della bouvette!
    Alex

  5. Aleyakke Says:

    per i genovesi, errata: piazza Terralba, corrige: piazza Martinez.

  6. La JOe Says:

    hmm hmm questione ricorrente in questi giorni.
    A me sembra che il Beppe così,è come uno che “ha sbagliato mestiere”
    cioè lui era/è un comico.
    ora mi sembra un po’ fuori posto e non so che pensare.
    Non so tipo se io mi mettessi a fare la cubista al Rise…. (niente contro il Rise nè le cubiste, era solo un esembio figurativo)
    Inoltre l’atteggiamento del Beppe a volte sembra un po’ “falso”, come ha scritto il Kit sul su un bel post.
    cioè, fa l’amicone di tutti ma alla fine non caga nessuno. Mai vista una sua risposto a un commento sul suo blog, dico almeno una in tutto? (sempre come diceva kit)
    per pigrizia copio-e incollo un mio commento su un altro blog.

    …hmm..
    fa pensare,e x ora non so che pensare, però almeno un merito secondo me ce l’ha il Beppe.
    almeno ci tiene informati.
    grillo o staff di grillo, trovo cmq giusto/utile che la gente possa venire a sapre di cose/fatti/magagne che altrimenti verrebbero tenute nascoste.
    Noialtri, o almeno io, non ho nè il tempo nè i mezzi per informarmi da sola su certe cose.
    Sapere come stanno veramente le cose penso sia importante. e chiunque le tiri fuori x me va bene. da Grillo, al suo staff a mia nonna o al panettiere o al matto del quartiere.
    Uscire dall’ignoranza totale di quel che ci circonda ((..vi giuro sto vedendo della gente che mi lascia veramente allibita da quanto è fuori dal mondo)) , poi ognuno può farne quel che vuole di questa informazione e usarla/esternarla/metterla in pratica nel modo che preferisce. o anche non farci niente.

    Il V-day anche quello boh. Forse sarà anche inutile a livello pratico. A livello “psicologico” seppur in piccolissima imprecettibile parte, ti fa sentire un poco meglio. Almeno hai fatto una minima cosa. Seppur minima, è già inizio. Almeno hai espresso il tuo dissenso ed è scritto nero su bianco.

  7. enrico/babilonia Says:

    ho avuto il piacere qualche anno fa di far parte dell’organizzazione di una sua serata in Versilia. Per il resto..no comment, giusto movimentare, far spettacoli, criticare e far ridere la gente sulle disgrazie che si hanno sulle spalle. Ma poi bisogna cambiare e la vedo dura, anche con lui.
    Bel post comunque, come sempre.

  8. kili Says:

    tesoruccio della mia vita, mi chiedevo quando avresti scritto qualcosa anche tu sul v day!!!
    forse mi sbaglio, ma tra le righe ho sentito una chiamata, e che ci fosse o meno ti rispondo lo stesso.

    Dopo aver letto che non sei venuto a firmare perché 15 anni fa grillo ti ha risposto che “l’avrebbe ciucciato piuttosto che ciaparlo” mi sono detta :
    1. che sono contenta di averti conosciuto più di recente e non 15 anni fa!
    2. che tutto questo non c’entra niente con la proposta di legge.

    per quanto carismatico e scuotimasse, grillo sempre una persona è con pregi, difetti e limiti. Su di lui gli aneddoti si sprecano, c’è chi lo dipinge come un dio, chi come un cialtrone. A me francamente non interessa né l’uno né l’altro “quadro”. Io non condivido tutte le sue esternazioni, ma trovo molto ridicole le persone che liquidano con aggettivi quali populismo e qualunquismo la rabbia della gente contro una situazione unica nella storia della democrazia. E qui non stiamo parlando di Nelson Mandela ma dei vari Cirino Pomicino, Vito e compari.
    Questo disegno di legge non è una dichiarazione di principio universale, al contrario è figlia del nostro tempo e del nostro stato. E’ una reazione, secondo me sana, ad uno stato di cose malato.
    Io preferisco questo atteggiamento, definito qualunquista, piuttosto che l’accettazione di questo stato di cose come se fosse la normalità.
    Avere al più alto organo di governo dello stato 22 condannati in via definitiva (per lo più per tangenti e corruzione, non per aver difeso sacrosanti diritti civili o per aver raggiunto 0,78 all’etilometro ) non può diventare una cosa “normale” da accettare. Lo so, purtroppo agli eccessi si risponde con gli eccessi, e ti dirò di più, secondo me l’eventuale esclusione dei Nelson Mandela (o degli Oscar Ferrari) non è il problema maggiore, anche se importante. Il rischio più grosso è che questo strumento, così congeniato possa diventare un pericoloso mezzo per decimare gli avversari politici, ti denuncio sotto le elezioni e finché si chiarisce se sei colpevole o innocente intanto sei sospeso.
    È un problema simile a quello della democrazia diretta qui in Alto Adige. Per poterla esercitare è indispensabile un alto livello di responsabilità civile individuale. In un mondo ideale si potrebbe avere uno strumento referendario propositivo senza la necessità di definire il quorum di partecipazione. Ma quando a proporre questa condizione è un partito neonazista allora qualche perplessità viene… quindi meglio un moderato quorum al 15/20%.
    Forse la proposta di legge presentata da grillo e sottoscritta da altre 300.000 persone non è la migliore delle possibili, ma stai pur certo che nella migliore delle ipotesi una volta presentata in parlamento verrà abbondantemente modificata (speriamo non vanificata).
    Sempre secondo me la portata maggiore di questa manifestazione è aver indotto alla riflessione su questi argomenti un numero così grande di persone, aver fatto parlare e indignare (non nel modo in cui si è indignato Casini!), aver riportato quello che succede in parlamento, ma non solo, ad un quadro di “anormalità”, perché al peggio non ci si deve necessariamente abituare.

    Vabbè, dopo questo pippone torno alle mie ricette di cucina. Ci vediamo venerdì, e tienimi da parte l’uva per favore.
    Ah, grazie per i fiori tesoruccio, ma la prossima volta non incaricare mio marito di portarmeli!!!

  9. nonsonounacommessa Says:

    Certo che anche tu facevi certe domande Oscar..
    E comunque anch’io avrei detto la stessa cosa.. mmm.. ecco.. ora mi sono sputtanata.. cidenti..
    baci.

  10. Oscar Ferrari Says:

    SC, il v-day senza Grillo non sarebbe stato il v-day. Logico che Grillo ami il successo popolare, come tuti gli istrioni, me compreso purtroppo. Forse la mia è solo invidia
    ZELIG, staccarlo a morsi è ancora di più un gesto da democristiani
    BRIGIDA, io addirittura alle piazze preferisco i vicoli
    ALEY, allora la vedo male per il barbiere di Monteclitorio
    JOE, la cubista è troppo poco per te, dovresti fare la tetraesista
    BABILONIA alla fine c´è sempre il preconcetto che Grillo, essendo genovese voglia sempre venderti qualcosa
    KILI, una chiamata per te nei miei post c´è sempre, sei tu che non sempre la capti. Come sempre hai ragione su certe cose e torto su altre, e per farti un dispetto non ti dico quali. Ok per i fiori, la prossima volta ti manderò Mario il Veneziano

  11. Oscar Ferrari Says:

    SCONNESSA, era una domanda di quelle utili, metti che a qualcuno gli capita una cosa del genere, è meglio pensarci prima piuttosto che dover improvvisare. E comunque per le femminuccie non vale

  12. La guressa Says:

    ah, dipende Oscar, dipende! perché daccordo ciaparlo, ma aristotelicamente parlando, dipende da: dove (e anche in-dove), come e quando…..o no?

  13. La guressa Says:

    P.S. : comunque SMENTISCO IL FATTO CHE TU LO CHIEDEVI SOLO AI MASCHI…NON È VERO!!! 🙂

  14. paola Says:

    Secondo me, il personaggio Beppe_Grillo_demagogo nasconde il lato oscuro di se stesso dietro a tanta rabbia urlata…

  15. Musica » Blog Archive » Ferrari non è stato The Final Frontier Says:

    […] PERCHÈ AL V-DAY NON C´ERO? « Oscar Ferrari. il blog E non è stato neanche il fatto che la petizione da firmare non mi convinceva . (o degli Oscar Ferrari) non è il problema maggiore, anche se importante. […]

  16. PER COLPA SUA, NIENTE V-DAY « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] più interessante e la roba da firmare più sensata di quello scorso, che avevo battezzato come una mezza ciofeca. Pazienza, i referendum sicuramente troverò modo di sottoscriverli e ho ampie giustificazioni per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: