MR.ALEX CHE ODIA I PINOCCHIETTI

Pinocchietto Cabassa

Ormai lo sapete, per me, ma anche per Cabassa, correntone Rossi e un po´ tutta la banda del Partito per Tutti, Mr.Alex rappresenta l´anello di congiunzione fra l´umanità e quell´essere superiore, di cui solo dopo la nostra dipartita da questo infame mondo terreno, conosceremo o meno l´esistenza. In altre parole, io non so se Dio esista o no, ma se esiste ed ha un vice, costui altro non può essere che Mr.Alex.

Mr.Alex la imbrocca sempre giusta, di lui ci fidiamo, avere la sua benedizione (cosa che raramente accade) per una iniziativa, per una canzone, o semplicemente per un giudizio su quanto una ragazza possa incarnare il solo valore assoluto che tutti i popoli e le etnie riconoscono, è fondamentale. Per ogni cosa insomma, è sempre cosa buona e giusta e fonte di salvezza chiedere un parere a Mr.Alex, sempre ringraziando il cielo per essere fra quelli a cui lui concede udienza.

E quando il germe del dubbio si instaura nelle nostre menti, facendoci dubitare del di lui verbo, è bene scacciarlo  come il segno di un´entità maligna, ed è proprio di questo che vi voglio raccontare.

L´anno scorso, di ritorno da un viaggio insieme a Cabassa, Mr.Alex si scatenò in una crociata contro i pinocchietti (lui li chiama così), quei pantaloni da uomo a tre quarti di gamba che ancora oggi molti portano impunemente. “Puoi suonare bene quanto vuoi, ma se hai i pinocchietti sei comunque una schifezza”, questa fu una delle sue frasi più convincenti. In questa sua crociata, il nostro fu coadiuvato alla grande da Cabassa, fino a quel momento pinocchiettaro convinto (ne aveva un paio simili a quelli della foto) ma che da allora in poi, come tutti gli spretati e gli ex fumatori, si rivelò il più acerrimo nemico del proprio passato.

Non ho ancora capito cosa ci sia di male ad indossarli, ma per non saper nè leggere nè scrivere, mi sono adeguato al verbo di Mr.Alex e i pinocchietti che avevo, o li ho tagliati al ginocchio, oppure li ho semplicemente buttati via, o jeans o pantaloni corti.

Ma perchè Mr.Alex odia così tanto i pinocchietti? guardate come stanno bene addosso alla Brigida

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

86 Risposte to “MR.ALEX CHE ODIA I PINOCCHIETTI”

  1. La guressa Says:

    Mr. Alex e Cabassa odiano i pinocchietti per uomo perché dicono che sono da ricchiuni!

  2. Zelig Says:

    Un giorno Chuck Norris ha spezzato la schiena ad un passante solo perchè gli era parso che con lo sguardo avesse ironizzato sui suoi pinocchietti. Poco dopo, però, ha spezzato la schiena anche ai suoi pinocchietti perchè suo malgrado s’era reso conto di dover condividere l’opinione del passante di prima.

  3. brigidafraioli Says:

    ma a me sta bene tutto… non faccio testo :mrgreen:
    oh, vichingo, sempre in mezzo mi metti eh?!!?

  4. Signor Ponza Says:

    Secondo me bisogna fare un distinguo tra uomo e donna. Alle donne possono stare, soprattutto in versione “andiamo a fare un’escursione per i monti”. Agli uomini no.

  5. JOe Says:

    ahaha!…hmm hmm come diceva il Cabassa quella sera che andavate tutti ad acqua minerale *oh io e caba non si guidava quindi la birra era ok 😛 *
    il fatto è ke i pantaloni o sono corti o sono lunghi. non è ke hai tre quarti di freddo o tre quarti di caldo. o hai freddo o caldo. fine della storia.

    poi già dal nome…pinochietti..!!!…pinocchietti….e allora perchè non ci mettiamo anche un cappello fatto di mollica di pane e una giacchetta di carta e un abbeccedario sotto al braccio….magari così l’omino di burro ci fa un regalo….bah!

    ai miei tempi non si chiamavano pinocchietti ma “pantaloni-acqua-alta-in-casa” o simili
    perchè sembra che ti si è allagata la casa e non hai voglia o tempo o soldi di chiamare un idraulico e allora ti metti quella roba là così puoi camminare beato (con gli infraditi) nella tua bella casa allagata e non bagnarti gli indumenti. …ma che ooooohhhh!!!

    secondo me il partito x tutti dovrebbe mettere tra le proposte una legge anti pinocchietti. vincereste alla stra grande
    ^_________^

    p.s. scusa brigida 😛 in effetti te non fai testo.non badare al mio vice

    ^________^

    😛

  6. Captain's Charisma Says:

    Belli i pinocchietti !!! però lasciamelo dire: un conto son sulla Brigida e un conto son su un ragazzo 😉

  7. hic Says:

    vendo un paio di pinocchietti rosa fucsia, ottimo prezzo …permuto anche con sette chili rapanelli… buon saldo

    ah dimenticavo:

    A sangue Caldo nessun giudizio è saldo…

  8. zia Says:

    ma il termine deriva da pinocchio? quando gli si sono bruciati gambe e pantaloni? io ne avevo un paio con le stringhe come in figura, ma in effetti non mi stavano un granché bene e le stringhe si impigliavano dappertutto. E poi ora che Alex ha lanciato l’anatema (ovvero oggetto esposto alla maledizione) non li userò mai più in vita mia. Grazie Oscar per il servizio.

  9. La JOe Says:

    …hmm… @ zia…hmmm beh a meno che Pinochet non usasse i pantaloni a 3 quarti…pinocchio mi pare l’associazione + logica e immediata… ora mi hai incuriosita…indagherò.
    *ma x la mia mente comunque sia,quando vedrò uno coi pinochietti continuerò a immaginarmelo con le gambe di legno come pinocchio*
    ^____________^

  10. La guressa Says:

    …ed io continueró ad immaginarmelo poco etero…(senza offesa per nessuno e col massimo rispetto per tutte le tendenze, é che oramai mi hanno plagiata)

  11. Oscar Ferrari Says:

    GURESSA, per me c´è dell´altro, avresti dovuto vederli come schiumavano rabbia qualche sabato fa alla Tandem fest, vedendo Sandro il batterista impinocchiettato che intortava alla grande una brunona
    ZELIG, Chuck Norris può giudicare Caterina Caselli
    BRIGIDA, chiedo venia, ma la foto era tentatrice
    SIGNOR PONZA, un´escursione in montagna coi pinocchietti è offire le proprie caviglie alle vipere
    JOE, il PPT non conosce la parola “anti”
    CHARISMA, un giorno a Roma ci sarà il pinocchietto pride, prima o poi

  12. La JOe Says:

    uah uah uah!!!
    ..beh non è che uno con le gambe di legno e due viti nelle ginocchia possa ispirare gli ormoni + di uno un po’ poco etero… 😛
    siamo lì mi sa!

    grande Gura!!!
    ciaùs!

    ^________^

  13. La JOe Says:

    @oscar… ma uffa che pignolo! ce l’avrete un dizionario dei sinonimi! 😛 😛

  14. Zelig Says:

    L’odio si basa sul meccanismo della proiezione: che in questo caso investe l’oggetto “braga a pinocchietto”; dunque la vera domanda è: quali inconfessabili segreti custodisce il subconscio di Mister Alex?

  15. zia Says:

    non sono certo i pantaloni lunghi che ti salvano dalle vipere, altrimenti tutti quelli in lederhosen dovrebbero andare al mare. certo il connubio pinocchietti e pedule fa un po’ schifo.
    comunque colgo l’occasione per comunicare che regalo i miei pinocchietti color verde militare a chiunque fosse interessato.

  16. Zelig Says:

    Da quando Chuck Norris ha spezzato la schiena ad un paio di pinocchietti, è sufficiente il suo passaggio davanti alle vetrine di un negozio per riportare istantaneamente i 3/4 a 4/4.

  17. La guressa Says:

    O.T.:
    Ad una gara per il miglior scooter truccato, Chuck Norris ha stravinto presentandosi in sella a Bruno Vespa pieno di rossetto…

  18. La guressa Says:

    …e coi pinocchietti.

  19. JOe Says:

    zelig ma che c’entra?
    cioè io odio la trippa. ma non è odio è disgusto. ho anke provato a mangiarla ma poi ho sboccato. non credo sia legato a qualke proiezione o cose così. ha semplicemente un gusto ke disgusta le mie papille gustative.
    non può funzionare uguale coi pinokkietti?

  20. CeKO Says:

    Non c’è da chidersi il perchè quando Mr. Alex esprime il suo giudizio;è come con i grandi stilisti o gli oracoli più in generale .La cosa che ti devi chiedere è che cosa ci fai ancora con quei pantaloni, esattamente come hanno fatto cabassa ed Oscar (con la c) stesso.Farei però un distinguo, nel notare che la cosa era riferita se ho ben capito ad una situazione da palco…Mr. Alex -ed io naturalemnte condivido- è una di quella persona che mi pare consideri il salire sul palco come un atto al quale ci si prepara adeguatamente anche con l’abito (che fa sempre il monaco!) un pò come fanno gli attori, per il teatro.Nel suo caso però il personaggio continua anche giù da palco, naturalmente !

  21. Padre Mariano Says:

    …..chiedo un intervento di Mr. Alex,perchè mi pare che negli interventi precedenti ci sia un pò di confusione . Alex,spiega la differenza,tra “pinocchietti” e “pantaloni alla zuava”
    Grazie!

  22. cabassa Says:

    Se uno coi pinocchietti potesse autovedersi da una distanza di 10 metri, capirebbe da solo perchè i pincchietti non si possono mettere.

  23. sc Says:

    diciamo che dipende dal tipo di “pinochietto” 😀
    c’è quello carino e quello orrendo.
    poi dipende decisamente dalla maglietta che abbini.
    e per lo più dipende se indossi i sandali con i calzettini o se ti vesti in modo decente.
    non è mica cosi facile dare un giudizio sui pinochietti!

    😀

    un saluto.

  24. cabassa Says:

    abbiamo trovato uno coi pinocchietti

  25. Oscar Ferrari Says:

    ZIA, non disfarti dei pinocchietti, magari fra un paio d´anni torneranno utili, con due bei generosi spacchi e abbinati a calze con la riga e scarpe antinfotunistiche
    CEKO, da quello che so, Mr.Alex non ammette l´uso dei pinocchietti neppure per le più umili mansioni
    PADRE MARIANO, stiamo appunto aspettando che il Sommo si esprima
    CABASSA, pensa se si rivedesse in video, tranquillo, non è una minaccia
    SC, per le cose su cui è difficile esprimere un giudizio, Dio (o chi per lui) ci ha dato Mr.Alex

  26. Oscar Ferrari Says:

    Cabassa, come fai a chiamare “uno” una con degli occhioni così?

  27. cabassa Says:

    hai ragione però si chiama fabrizio…

  28. Oscar Ferrari Says:

    è italiana, spaesata, e scrive Oskar con la kappa
    http://sclabirinto.fabrizio-rusconi.it/
    clicca dove c´è scritto SC

  29. JOe Says:

    …..ma come si fa a non sapere la differenza tra pinokkietti e pantaloni alla zuava??!
    beh tanto sono tutti e due orrendi
    …almeno i pantaloni alla zuava sono quasi spariti…per ora…sai mai in sto povero mondo…

    ^______^

  30. La guressa Says:

    Oscar, ultimamente mi stai abbastanza snobbando, non ti merito piú?

  31. CeKO Says:

    …ad ogni modo forse qualche eccezione la si potrebbe anche fare, infatti ho visto un concerto dei mr. bungle in cui lo stesso Mike Patton ne indossa egregiamente un paio.

  32. sc Says:

    e se Mr. Alex non sa dare i giudizi?

    poi sai: mai fidarsi! (sopratutto degli uomini)

  33. La guressa Says:

    @SC: …se invece deve essere castano con gli verdi, ecco, c’è l’Oscar ! Sempre quá a BZ eh! :-))

  34. JOe Says:

    …@ Gura…osca snobba tutti…dobbiamo travestirci da rapanelli o altro commestibile xkè ci caghi!
    uah uah!
    ^__________________^

  35. Anche io, contro i pinocchietti « aghost Says:

    […] appreso dal blog di Oscar Ferrari dell’esistenza di un movimento ideologico contro i “pinocchietti”. Che poi sarebbero quei […]

  36. Zelig Says:

    Proviamo un’altra strada: ovvero entriamo nel merito. Qual’è lo scopo dei trequarti già detti “pinocchietti”? Insomma, a quali esigenze si propongono di far fronte?

  37. Oscar Ferrari Says:

    Zelig, un grande aiuto ce lo potrebbe dare la Cabassa, è lui il nostro potenziale pentito da cui estrarre notizie e delazioni utili allo scopo

  38. Oscar Ferrari Says:

    Guressa, Joe e Sc, dai che ci vediamo nel fine settimana ala Fest of the Unity a contare i pinocchietti, ce ne saranno di più tra le fila dei neodemocratici o tra i neosinistri?

  39. La JOe Says:

    @ Oscar vinceranno i fighetti finti alternative.
    cmq dai ci sto…come pallottoliere uso una fila di birre
    ma dove/quando c’è la fest of unity? *alienata*

    @zelig, semplice risposta : sono totalmente inutili(a meno ke non ti si è allagata la casa) , inoltre orrendi. per questo prima o poi tutti se ne pentono, perchè non svolgono neanke la funzione dell’ “inutile ma bello” tipo i quadri i poster o tutte quelle cose di cui la gente è piena a casa

  40. Oscar Ferrari Says:

    Joe, aghost mi ha fatto venire una ottima idea per la nostra linea di abbigliamento demenziale. Dopo i jeans già strappati è il momento delle mutande già sporche, gialle davanti e marroni dietro

  41. Zelig Says:

    LaJOe: tu il congiuntivo manco sotto tortura, eh?

  42. zia Says:

    ma i pantaloni alla zuava non sono nemmeno lontanamente paragonabili ai pinocchietti! intanto si chiudono stretti alle ginocchia e sono di norma di velluto a coste molto resistente e poi li usava sempre mio nonno quando andava a caccia con il mitico spinone di nome ALPI, grande fiuto, grande cane da caccia. dunque Joe, pian con le parole.

  43. zia Says:

    cioè che non si faccia di tutta un erba un fascio. qui si parla di pinocchietti.

  44. zia Says:

    ma é giusto di tutt’un’erba un fascio?

  45. zia Says:

    ciao Oscar

  46. Mr.Alex Says:

    Iniziamo col dire che ogni essere umano può vestirsi come vuole .
    Per quanto riguarda la moda ( che io odio ) dei pinocchietti dice bene Cabassa ” Se uno coi pinocchietti potesse autovedersi da una distanza di 10 metri, capirebbe da solo perchè i pincchietti non si possono mettere ” ( ho dovuto dannare per un mese intero ma alla fine non li ha messi più ).
    La differenza tra uomini e donne :
    gli uomini devono secondo il mio parere eliminarli ( tanto per quel che costano ! )
    le donne invece posso chiudere un occhio per il modello attillato ( abbinato a stivaloni sado maso ).
    Quindi continuate pure a mettervi i pinocchietti ma non venite a dirmi che non velo avevo detto .
    Cordiali saluti dal vostro interista di fiducia

  47. Kijio Says:

    Non capiro’ mai. Non capiro’ mai chi giudica sulla base di fattori esterni. Nel vestire o nell’essere “figo” o “figa”. Sara’ perche’ sono fuori dagli standard, non seguo le regole della moda e mi e’ incomprensibile chi parla di “trendy” e “fashion”.
    Se fossimo nell’antico Giappone la forma era indissolubilmente legata al contenuto et viceversa. Non e’ il caso di questa societa’: incontri persone scalcinate con menti logiche “superiori” di una modestia enorme che fanno da contrasto a “figli di papa’” che hanno successo a dx e manca, solo perche’ sfoggiano il fisico palestrato e l’aggressivita’ di un matto sull’orlo di una crisi di nervi.
    Non posso fare a meno di evitare questi ultimi e gioire della presenza dei primi.
    Vorrei sottolineare che la mia critica non e’ personale verso Mr.Alex, ma al solo pensiero che ha espresso, che pare seguire la frase “fai come ti pare, ma se non segui quello che dico io, non sei trendy”.

    n.b.
    a me non piacciono i pinocchietti solo per il fatto che sono illogici (non sono ne lunghi come i calzoni ne a mezza coscia come i comuni calzoncini) ma non vedo nulla di male se gli altri li trovano comodi!

  48. Oscar Ferrari Says:

    Qui non c´entra la moda, l´essere trendy o meno. Qui si tratta della fede assoluta che ogni persona di buon senso è moralmente quasi obbligata ad avere in Mr.Alex.
    Mr.Alex la imbrocca quasi sempre, è più di vent´anni che ad ogni autunno lo sento dire ” questo è l´anno dell´Inter”

  49. cabassa Says:

    non è questione di trendy figli di papà o persone scalcinate
    caro kijio, sia nell’antico giappone che nella moderna europa, una figura di merda è e sarà sempre una figura di merda da qualsiasi lato la si voglia vedere.
    cmq mi sa che abbiamo trovato un altro coi pinocchietti

  50. La guressa Says:

    no, no, ragazzi, Kijio, credo stesse ironizzando sulla questione, lui é logico e scientifico come Mr. Spok, ma non credo proprio che sia tipo da pinocchietti

  51. La JOe Says:

    @zelig, nelle occaisoni speciali me ne dimentico. lo sai ke al tuo cospetto mi emoziono.

    @zia, in caso scusa, cmq non mi sembra di aver usato parole “forti” tipo insulti o simili. in ogni caso come detto se dovessi averti offesa sorry.

    @ oscar, woow, mi sembra un’ottima idea. super fashion!

    ^_____^

  52. Lo Spulciatore Says:

    Noto che i commenti al post di Langer sono stati superati dai commenti al post dei pinocchietti: dura lex, sed lex.

  53. Oscar Ferrari Says:

    Spulcia, e non sono ancora neanche la metà di quelli di Mario quando è partito

  54. La guressa Says:

    Campagna Pro Jeans Blu normali a prezzi normali (e non astronomici):

    BOICOTTATE I JEANS SCOLORITI SUL DAVANTI DELLE COSCE!

    io li detesto: devono smetterla di venderli

  55. pilota8 Says:

    Il mio vicino di casa c’ha sempre su ‘sti pinocchietti… ho provato ad attendere che fossero stesi per poterli inzuppare con i residui di qualche mia brodaglia culinaria estiva…
    …ho scoperto che chi li ha in genere non li lava neppure… 😆

  56. Zelig Says:

    Aderisco all’istante alla campagna pro jeans blu classic a costo standard. Oramai non li tiene più nemmeno l’UPIM (mio personale fornitore di fiducia).

  57. Oscar Ferrari Says:

    Sfondate porte aperte, io solo jeans normalissimi comprati alla metro a 30 euro il pacco da cinque

  58. Zelig Says:

    Jeans normalissimi sono una cosa, jeans blu classic tutt’altra. Insomma: sarebbero quelli che porta abitualmente Chuck Norris, se non fosse per il fatto che, essendo abitualmente indossati da lui, nessun altro li può mettere.

  59. La JOe Says:

    sìììììììììì!!! viva i jeans NORMALI povero mondo!
    quelli rotti e scoloriti ve li vendo io i miei usurati dalle medie così divento ricca *demential corporation ^____^ *

  60. La JOe Says:

    @ zelig, ma sia normalissimi che blu classic, almeno non te li vendono già scoloriti o bucati…..al mondo d’oggi siamo così pigri che la gente paga i centoni per avere subito una cosa che una volta si otteneva con la semplice usura.

    povero mondo

    *e fu così ke il dio jeans mise tutti d’accordo*

    ^________^

  61. Zelig Says:

    Attenzione, perchè la domanda è pesante: qualcuno di voi lettori ha mai visto un paio di pinocchietti di jeans dal vivo?

  62. Oscar Ferrari Says:

    Zelig, i pinocchietti di jeans non li ho mai visti, ma con un po´ di pazienza potremmo reperire un video trasmesso da reteallmusic dove Cabassa sfoggia i suoi mitici pinocchietti rossi accoppiati ad una maglietta gialla

  63. zia Says:

    io ce li ho i pinocchietti di jeans (ovviamente in regalo anche questi)! sono rosa fuxia leggermente scoloriti sul davanti. guressa mi dispiace tanto.

  64. Oscar Ferrari Says:

    A quanto pare i pinocchietti rosa fucsia erano molto gettonati come regalo, anche Hic ne ha un paio di cui vuole disfarsi

  65. zia Says:

    no. no. io li ho comprati, Oscar e io li regalo assieme a quelli verde militare.

  66. Zelig Says:

    Il problema è, in tutta evidenza, molto più serio di quanto noi tutti avessimo immaginato. Ecco qui una descrizione (ma sarebbe meglio definirlo un “grido d’angoscia”) risalente al lontano 2003, anno dell’esplosione della moda pinocchiettara. Buona lettura:

    Sarà un effetto della “benignite” o una folata di spensieratezza, ma vi assicuro che sempre più 55enni vanno in giro con i “pinocchietti” e conseguenti polpaccini da avventori da bar (questa è per te, Oscar NdR) bene in mostra. Questo pantalone che non è né un pantalone, né il classico bermuda, e neppure uno short da bagni “Lido”, è diventato il “must” di questa estate: anche tra gli over 50, trasformati di fatto in tanti raccoglitori di riso. Passeggiavo ieri per le vie del centro e ho incrociato un canuto baby-pensionato inspiegabilmente fiero del suo abbigliamento: braghe sottoginocchiali con stoffa tipo Rambo, tiscirt attillata con “margheritona” alla Vieri e occhiale avvolgente. Vicino al canuto, la di lui moglie tutta rossa di capelli, scalpicciava a passettini minuscoli traballando sui tacchi e aspirando una sigaretta dall’angolo della bocca: va detto, anche lei inspiegabilmente fiera del suo “lui”. Ma, io dico: passi il giovanottino ambiguamente diafano con capello corto scolpito dal gel, passi il trentenne che spera in abbordaggi etero, ma perchè un uomo – che presumibilmente avrà figli e financo nipoti – deve vestirsi come un calciatore similfinocchione? Ah, dimenticavo. L’over 60 aveva anche il marsupio a tracolla sotto l’ascella. Se uno non c’ha più il borsello – chè fa troppo ragioniere – le sigarette dovrà pur metterle da qualche parte. O no?

  67. La JOe Says:

    @ zelig…sì i pinocchietti di jeans…gh!
    ..qui sui vecchi ci torna il tuo discorso psicologico secondo me….cioè me l’ha detto la mia vicina… Ai loro tempi c’erano ste menate che nùeri poveri e ti tenevi i vestiti a oltranza. così i pantaloni lunghi diventavano pinocchietti o simili. ora ce li hanno così ma se li sono comprati di marca x scelta e sono felici. come i nonni ke ti ingozzano xkè semmai ke arrivvi la guerra ecc

    ^_______^

  68. cabassa Says:

    il massimo credo sia vedere uno coi pinocchietti, il marsupio davanti alla pancia e la maglietta polo infilata dentro ai pinocchietti!!! e potrei fare i nomi ma non li faccio per rispetto della privacy (si dice così mi pare adesso)

  69. Oscar Ferrari Says:

    Cari compari e care comari, orora un dubbio mi sovviene: e se noi tutti stessimo uccidendo un uomo morto? e se l´industria della moda avesse già deciso per noi, riducendo la nostra lotta per la spinocchiettizzazione ad una mera ratificazione di quanto già deciso in altra sede?
    Gli indizi ci sono: per trovare una foto dei pinocchietti ho dovuto cercare la voce “3/4 Hosen”, in quanto pare che in Italia i pinocchietti siano ormai fuori produzione, questo è quanto io suppongo, non avendo prove certe. Nei siti tedeschi li puoi ancora trovare, anzi i pinocchietti rossi cabassiani sono ancora vendibilissimi, a quanto pare.
    Lo stesso Aghost, un signor blogger, che riprendendo il mio post ha usato la stessa mia immagine, può tranquillamente essere che altre non ne abbia trovate.
    Se così fosse, l´uso consapevole del pinocchietto potrebbe rappresentare un gesto di ribellione a quanto impostoci dall´industria della moda, una sorta di pinocchietto pride con un messaggio esplicito ” i pinocchietti fanno schifo, perchè fino ad adesso ce li avete venduti?”
    Confesso che ho ancora un paio di pinocchietti (il 50% di quanti ne abbia mai posseduti), beige con le finiture rosse. Ho pensato che sarebbero stati utili per tagliare l´erba con il decespugliatore, senza dover infilare i pantaloni negli stivali. Se ce la faccio domani mattina li sfoggio al mercato , in Piazza Municipio, ma mi sa tanto che non ce la faccio

  70. Iso Says:

    Non volevo esprimermi in merito, perché sono dell’opinione che ognuno puó mettersi quello che vuole e con quello che si sente a suo agio. Ma non voglio e non posso piú stare zitta! Un uomo con i pantaloni a 3/4i o come gli chiamano gli italiani pinocchietti sono semplicemente mostruosi, distruggono il sex-appeal di qualsiasi uomo. É il classico abbigliamento degli accompagnatori delle mogli neopartorienti al supermercato. Lei con la ciccia postpartum, bimbo in carrozzina, lui pinocchietti calzetti beige e “ciabattones” (quelli imbrobabili sandali da uomo). Sono sempre in 3 e mi fanno paura!

  71. vince Says:

    Possiedo anch’io un paio di pinocchietti, color beige o cappuccino chiaro o una cosa così. Usati pochissimo per un problema di abbinamento con la calzatura, quando sentii il verbo di Mr. Alex direttamente dalla sua bocca, mi dichiarai immediatamente d’accordo con lui. In effetti, quando li mettevo, mi sentivo strano, non direi ridicolo perchè quello mi capita di esserlo anche in altri modi abbigliato, comunque non completamente a mio agio. Diciamo che mi sentivo un ragioniere in vacanza. Leggendo i vostri interventi, ho leggermente modificato la mia opinione, senza per questo voler mancare di rispetto a Mr. Alex, che saluto cordialmente. Credo, dunque, che il pinocchietto non vada demonizzato completamente, e che, coma a qualsiasi cane, come all’ulitimo pezzente, gli si debba dare un’ultima possibilità. Insomma, siamo cattolici o no? Pensavo quindi che, con una calzatura adeguata (e qui per me si colloca il problema), e soprattutto con 2 gambe adeguate (problema questo ancora più importante e che si ripropone in maniera ancor più determinante con qualsiasi short di qualsiasi lunghezza, ricordatelo, che a volte vedo uomini e donne che dovrebbero portare una corazza ed invece sfoggiano parti vomitevoli del loro corpo) il pinocchietto possa venire riconsiderato. A maggior ragione ribadisco questa mia opinione dopo l’intervento di Oscar: la moda ce lo ha dato, ed ora ce lo fa riporre nell’armadio, portando addirittura alcuni di voi ad offrirlo gratuitamente? Io non ci sto. Giungo quindi a lanciare una forma di protesta anti-sistema proponendo una rinascita momentanea e provocatoria, del pinocchietto. Alex non me ne vorrà, perchè voglio ribadire che la mia è solo una forma di protesta e che rimango in sintonia con il suo editto. Quindi ora mi metto a cercare una scarpa, una ciabatta, un qualcosa che mi consenta di riprendere il mio pinocchietto. Oscar, ricordando i tempi della cravatta larga e corta, ti propongo di farci vedere in giro, anche assieme, con i nostri pinocchietti, nella speranza di notare qualche sguardo curioso, pietoso od offensivo nei nostri confronti, in modo da dover così spiegare la nostra scelta consapevole. L’invito è ovviamente esteso a tutti i possessori di un pinocchietto che vogliano contestare l’attuale sistema della moda mordiefuggi.

  72. Zelig Says:

    E’ con un certo qual orgoglio (essendo uno dei contributori al dibattito in corso) che vi annuncio che il motore di ricerca google, alla voce pinocchietti dà questo post al primo posto.

  73. Zelig Says:

    Che cos’è un contributore? Un contribuente afflitto da problemi (si spera passeggeri) d’espressione?

  74. La guressa Says:

    allora grigliatona con tutti in pinocchietto?

  75. La JOe Says:

    gura….nel senso ke mettiamo i pinocchietti sulla griglia? ^_______^
    *me ne vado a comprare due solo x godermi lo spettacolo*

  76. La guressa Says:

    beh, io alla grigliata mi metto i pinocchietti + scarpe sado-maso

  77. Oscar Ferrari Says:

    Allora, come gia vellutamente anticipato dalla Guressa, è in programma una “grigliatina per cervelli da rottamare” da me, alla quale sarebbe bello partecipassero i contributori di questo blog, chi ha bambini non si faccia problemi, grigliamo anche quelli ( i problemi), c´è un´altalena e una piccola piscinetta da 4 metri. è gradito il pinocchietto, ovviamente

  78. Iso Says:

    X la gueressa e tutti gli altri anti o pro pinochiettari, faró il mio mitico “Kartoffelsalat” e la “Bozner Sauce”, peró tutti devono venire coi pinocchietti…rosa, fucsia, beige, verde pisello ecc. é lo stesso. Poi taglieremo il superfluo e lo daremo al rogo.
    Oggi sono andata a fare shopping con la mia amica Claudia… ci sono ancora, sembra che siano diventati classici i p. sia da sisley, bennetton ecc. ci sono ancora soltanto che non sono piú con la gamba larga ma stretta.
    Mi é venuta un’idea ieri coricandomi e addormentandomi con l’idea fissa dei p. Arrottolandoli per 3 volte e fissandoli col ferro da stiro a vapore doc, sarebbero anche da recuperare.

  79. Mr.Alex Says:

    X la grigliata io vengo solo se ho l’onore di poter tagliare i vostri pinocchietti ( io non li porto ) .
    In alternativa vado in casa e tengo compagnia al Morris

  80. La JOe Says:

    wooow

  81. JOe Says:

    @ Iso è vero! sai molti “pentiti” usano i pinocchietti quando vanno a ballare o ai concerti, fanno un risvolto e ci mettono dentro soldi/fazzoletti/ecc. e poi altri 2 risolvti x la tenuta. così borsa zero.

    @Alex onore nostro, ma solo se mi fai pure un autografo su quel resta!!
    hihihi ^_______^

  82. NOO, IL GUARANITO NOO!… « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] alle ortiche anni di studio e di gavetta, sfoggiando senza ritegno un paio di  imperdonabili pinocchietti  blu. Molto meglio se la cava la matrona assessora, che almeno dimostra una certa perizia nel non […]

  83. colLateral Thoughts Says:

    […] nel mondo…. le vie del signore sono proprio infinite. E fu così che dopo il simpatico post sui pinocchietti  messo sul sito di oscar , arrivò la famigerata grigliata “anti pinocchietti” . mica […]

  84. PINOCCHIETTO BURNING « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] sussisteva ancora, quei pinocchietti nei nostri armadi incombevano sulla nostra rettitidune misteralexiana come tanti scheletri di […]

  85. IL PD CE L’ HA MOLLO? « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] con le maniche che le arrivavano a metà strada tra gomito e polso e il segretario, abbandonati gli imperdonabili pinocchietti dell´anno scorso, aveva optato per un sobrio paio di braghette stile […]

  86. A VOLTE RITORNANO (i pinocchietti e Paolo Fresu) « Oscar Ferrari. il blog Says:

    […] (i pinocchietti e Paolo Fresu) By Oscar Ferrari Ebbene si, c’eravamo illusi. I pinocchietti, quegli orribili pantaloni da uomo a tre quarti (e qui il frazionamento si può riferire […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: