Archive for giugno 2007

CERCATE LA SOCIETÀ CIVILE? AVETE SBAGLIATO NUMERO

28 giugno 2007

                            

  •                                           art8.gif
  • Una volta erano le streghe, bastava il sospetto e andavi dritta al rogo. Poi sono arrivati gli ebrei, i comunisti, i capelloni, gli autonomi, gli indiani metropolitani, i brigatisti rossi,  gli islamici e chiedo scusa se ne dimentico qualcuno.

Qualcuno di che? qualcuno degli untori, dei nemici che ogni società umana deve necessariamente avere per  potersi  permettere una certa quiete e coesione, qualcuno da additare come cattivo esempio, qualcuno da cercare di recuperare.

In questo periodo, i nuovi untori della società sono: i lavoratori autonomi, ladri ed evasori. I fumatori, gente che avvelena il prossimo per un proprio piacere. Chi si mette alla guida di un veicolo con qualche birra di troppo. Gente che non la puoi definire “società civile“.

Sfortunatamente, appartengo a tutte e tre le categorie di nuovi untori, coltivo verdura e la vendo direttamente al consumatore finale, so che fumare fa male, ma con 4 euro e passa  al pacchetto mi  sto finanziando abbondantemente l´inevitabile chemio.

Per quanto riguarda l´alcool e la guida,  sono stato beccato due volte alla guida della mia Fiat Palio Weekend  con un tasso dello 0,78-0,79 %.  ( valore che fino al 2002 ti sarebbe valso una stretta di mano e un invito a guidare piano), per cui dovrò presentarmi fra un anno con delle analisi del sangue più o meno come queste, ed un attestato che certifichi la mia frequentazione ad un corso di riabilitazione alla guida. Poi la Commissione deciderà il da farsi. Speriamo in bene.

Due volte 15 giorni di sospensione della patente, due volte dieci punti,  due volte la sanzione, la fedina penale macchiata, sicuramente tre volte, se non di più,  le analisi del sangue. Vada anche per il corso di riabilitazione, tanto ormai quando esco bevo solo una birra e poi vado di minerale. Non discuto niente di tutto ciò, la legge è questa e io l´ho violata, e mi è andata anche bene, viste le nuove norme in approvazione. E non succederà più che io mi metta alla guida di un qualsiasi veicolo senza essere strasicuro di essere in regola.

Solo una cosa, se lo scopo di tutto questo è ridurre gli incidenti stradali, non posso certo essere d´aiuto alla causa. Non ne ho mai fatto uno in vita mia

STASERA RESTO SPENTO

28 giugno 2007

                                          svogliato.jpg

Ci sono un sacco di cose che vorrei scrivere, su Bolzano, sui miei fatti personali, sulla menata del partito democratico, la novità del secolo che come leader si sceglie uno che militava nella FGCI, ma sinceramente è più forte lo stimolo della fame.

Due spaghettini con pomodoro fresco e basilico, mangiati sul divano coperto da un leggero plaid leopardato, con il gatto (la Tussi) che ti tiene caldi i piedi, guardando un documentario sull´era fascista.

Scriverò domani

Update venti minuti dopo: spaghetti finiti, i pomodori ho dimenticato di portarli su dall´orto, la Tussi se n´è andata giù scendendo lungo il fico, documentario quasi finito.

Fatemi fare qualsiasi cosa, ma non programmare

CUARTA CLASSE, STASERA ULTIMA PUNTATA

25 giugno 2007

                                      3d370.gif

Questa sera cuarta classe, il programma di chi ha perso il treno, in onda su Radio Tandem Popolare 98.4 di Bolzano, chiude (dopo la trasmissione) per la consueta pausa estiva pausa estiva.

È estremamente probabile il suo ritorno alla fine della stagione calda, sempre nella consueta collocazione, alle 22.35 abbondanti di ogni lunedì che Nostro Signore manda in terra.

Da me, da Cabassa, da Stefanella e quest´anno anche dalla Guressa, buon divertimento in nostra assenza

PRECIPITO, GUARDA COME BRILLO

24 giugno 2007

                                             giorgiocanali_2_438.jpg

Ci sono concerti dove la gente arriva ore, a volte anche giorni prima dell´evento, concerti dove si scatena la lotta per accaparrarsi i posti migliori, concerti dove il pubblico arriva con la maglietta dell´idolo, conosce a memoria le canzoni, e a volte ne copre addirittura la voce con i suoi cori.

Niente di grave, per carità, ognuno del suo tempo fa quello che vuole, ma a me queste sono storie che non  mi sono mai piaciute. Io amo i concerti dovi arrivi quasi per caso, robe organizzate alla buona, gruppi che non senti mai alla radio, roba che insomma non sai che fare, dai un´occhiata al giornale e vai.

Anche arrivare in orario non è questo granchè, quando ti becchi gli ultimi due pezzi e il bis è  già abbastanza per farti almeno un´idea di quello che ti sei perso, e non succede spesso di doversi dare randellate nelle parti più intime per non essere arrivato prima.

Non succede spesso ma succede. Per gustarmi al meglio una frittura di calamari mi sono perso i primi pezzi del concerto di Giorgio Canali.

Un po´ però è anche colpa sua. Anni fa, ad un concerto dei C.S.I, dopo la fine, andai a bermi una birra con lui e Sandro Giudici, il mio batterista ( che poi è il vero leader del mio gruppo, io ci metto solo la faccia, la voce, i testi e le melodie,  ma che guida tutto è lui), e non mi fece una grande impressione, come del resto tutta la banda che girava intorno ai dischi del Mulo, una selva di autoreferianzialità della zona di Correggio e dell´appenino toscoemiliano.

Insomma arrivo e mi becco subito dei pezzi che mi incantano, lui sul palco è tostissimo, sembra che non gliene freghi niente della gente che guarda, è bravissimo, dalla sua chitarra escono rumori che mi fanno tremare le vene, ” precipito, guarda come sono telegenico mentre mi schianto”, questo è un grande.

Correntone Rossi, assente. Cabassa, assente, a vedersi Giorgio Canali saranno al massimo una cinquantina di persone. Ma per beccarsi gli ultimi pezzi chi arriva? Mr. Alex, naturalmente in stivaletti di coccodrillo e completino a righe, mica era il nostro candidato sindaco per niente

PUZZA PUZZA PUZZA PUZZA, CHE PUZZA

21 giugno 2007

macropanesthia_rhinoceros_1.jpg

Questo post nasce da un´imbeccata fornitami dalla Guressa e da la Joe, e con questo non voglio assolutamente sottintendere che le due donzelle siano da me considerate alla stregua di pollame da cortile.

Le due suddette, che abitano ambedue nel comune di Bolzano, devono ogni giorno confrontarsi con il problema dei rifiuti umidi (la parte dei rifiuti domestici composta da materiali organici, gusci d´uovo, scorze di banana, avanzi di spaghettate e, se un giorno li inventeranno, i Tampax bio).

 Il bidoncino domestico nel quale devono depositarli in attesa di riversarli in quello condominiale, puzza come una carogna e attira scarrafoni ed ogni altra razza di animali indegni, e ciò provoca a loro un disagio non indifferente, che si sospetta possa prima o poi tramutarsi in un calo della libido.

Bolzano è, a dispetto dell´opinione imperante, una città molto calda in estate, le temperature massime sono tra le più alte d´Italia, ed è situata in una conca dove il ricambio d´aria non è proprio ottimale. Da quest´anno, i cittadini devono appunto raccogliere separatamente i rifiuti umidi, prima nella propria abitazione, e poi nel bidone condominiale, che una ditta specializzata svuota tre volte alla settimana e lava una volta al mese.

Tre volte alla settimana significa lunedì, mercoledì e venerdì mattina. Quando è caldo si mangia volentieri prosciutto e melone, e il venerdì è il giorno tradizionalmente dedicato al consumo del pesce, anche in questo estremo lembo settentrionale della penisola.

  • Nella torrida estate bolzanina, le scorze dei meloni, le lische e le teste di pesce fermenteranno assieme nei bidoni condominiali da venerdì pomeriggio a lunedì mattina, sarà una goduria assaporarne la decomposizione.

Il Partito per Tutti aveva progettato una raccolta dei rifiuti umidi  (date un´occhiata, vale la pena)assai meno invasiva nei confronti dei cittadini. Bolzanini, ci avete premiato solo con lo 0,5%, cazzi vostri

L´INGIUSTA SCHIAVITÙ DEL PESO

20 giugno 2007

bolle-di-sapone.jpg

Quasi tutto quello si mangia in questo mondo malato viene venduto a peso. Avete mai notato che a seconda del peso specifico di un qualsiasi alimento, pagando sempre la stessa cifra per kilogrammo peso ( che poi sarebbe il kilogrammo massa moltiplicato per l´accelerazione di gravità che varia, anche se di poco, a seconda dell´altitudine), vi danno una quantità diversa di prodotto?

Se comprate un kilo di mele Golden, vi danno quasi mezza mela in più di quelle che vi darebbero comprando le Fuji o le Braeburn, le nuove qualità che stanno invadenso il mercato. Lo stesso vale con i pomodori, il vecchio San Marzano non lo trovi neanche più in giro, è stato soppiantato dalle nuove varietà di peretti pesanti come sassi.

Ormai la produzione agricola tende sempre più a privilegiare le cose che pesano molto, ingombrano poco e durano tanto. E per far pesare di più un prodotto, il sistema migliore è aumentarne la percentuale d´acqua, anche se il sapore può risentirne.

Avete per caso un´idea su come finire questo post?

BENTORNATO MARIO

17 giugno 2007

Ed eccolo di nuovo qui, il nostro eroe camminatore è tornato già da qualche giorno e si sta rimettendo in sesto.

Al momento i pensieri gli si frullano in testa in ordine sparso, essendo stato via più di due mesi è stato accolto anche da bollette ed affitti da pagare, ma due cose sono chiare: l´avventura non è ancora finita perchè il carretto è rimasto a Roma, e un libro su questa storia è il minimo che si possa fare

Abbiamo avuto il zio Mario (come lo chiama la Joe) ospite ieri sera in cuartaclasse, il programma di chi ha perso il treno, su RadioTandem Popolare di Bolzano. Tra un consiglio e l´altro su come affrontare un viaggio simile al suo, è venuta fuori una constatazione interessante:

Mario in qualche modo è riuscito a dividere Bolzano fra suoi sostenitori e denigratori, ed è stata una delle pochissime volte dove in questa città si discute su qualcosa in cui la componente etnica è totalmente assente.

Fosse anche solo per questo, bravo Mario

ESTATE

15 giugno 2007

Si può ripostare un post? no che non si potrebbe, ma…

Estate. Donne facili, dissolute

d´estate, si suda forte e viene sete

Estate, pianti senza ragione

e state dietro che vi conviene

Estate. Gelati, soldi a palate

Estate, cremine e succhi di carote

Estate, cuori pieni ferite

e state sopra se ci riuscite

Il cielo d´estate, limpido, a volte terso

sempre così uguale ma sempre così diverso

Estate, cielo limpido, cielo scuro

Estate, cielo unto, cielo duro

cielo durissimo, cielo marmoreo, cielo satanico, cielo sulfureo

cielo vulcanico cielo rugoso, cielo senza limiti, cielo peloso

cielo grigio su, cielo grigio giù, cielo sopra Berlino

rosso, giallo verde…

cielo grigio su, cielo grigio giù, cielo sopra Berlino

piccolino

così piccolino, fa tenerezza, quasi pena

 

clicca sull´immagine o qui per ascoltare il brano

48 VOLTE PIÚ UBRIACO DI PARIS HILTON

14 giugno 2007

                                    uic2_gatto_ubriaco.jpg

Ho sentito al TGR del Trentino Alto Adige ( uno dei Tg più inutili, a quelli di Trento non frega niente di quello che succede a Bolzano e viceversa) questa notizia:

Un uomo di 45 anni di Castelrotto/Kastelruth, già il nome del posto incute timore, è stato fermato da una pattuglia delle forze dell´ordine e gli è stato riscontrato un tasso alcolico del 3,86 %, quasi da record, più o meno come questo simpaticone, che potete aiutare a reggersi in piedi con qualche tocco di mouse.

 Paris Hilton,  col suo misero 0,08 %, può andare a nascondersi, il nuovo testimonial della TRE sarà lui, il quarantacinquenne di Castelrotto, che con una inflessione tipicamente tedesca alla Mister Tschiusto vi dirà:

MEGHLIO KHAMPIARE, NOH…?

la notizia è apparsa anche oggi, in prima pagina, sul quotidiano Alto Adige

MARIO BALDUCCI, MISSIONE COMPIUTA

12 giugno 2007

                             

La lunga odissea di Mario Balducci, partito da Bolzano a piedi  trainando a mano un carretto votivo, si è da qualche minuto conclusa felicemente. È approdato in Piazza San Pietro ed è riuscito a far benedire gli oggetti che gli si erano stati affidati alla sua partenza e durante il viaggio. A compiere il rito è stato l´elemosiniere del Vaticano, ancora non è dato sapere se Mario verrà ricevuto dal Papa, sempre che lo abbia richiesto.

Mario il carrettaro, così ormai lo chiamano a Roma è ospite momentaneo di alcune graziose fanciulle che hanno anche procurato un ricovero per il carretto, giunto anche lui alla meta stremato, al pari del suo conduttore. Tutto sembra procedere al meglio, non sono mancati neppure i Segreti di Montecitorio che hanno tentato di avvelenarlo con una polpetta all´aglio.

Mario fisicamente sta bene, i suoi 58 anni suonati hanno ben retto alla fatica e allo sconforto, ma sulla sua schiena è comparsa una cicatrice a forma di croce, come una specie di fuoco di S.Antonio, che però curiosamente non gli provoca dolore. 

Troppo aglio e troppe croci  in questi ultimi giorni di Mario, ma nessuno di questi esorcismi sembra aver funzionato, al nostro eroe camminatore notturno  si sono inopinamente allungati i denti canini.

Mario è ovviamente al verde che più al verde non si può, per cui ci stiamo organizzando con una colletta per farlo rientrare a Bolzano in treno. Chi volesse, può contribuire all´iniziativa “UN CETRIOLO PER MARIO”, che avrà luogo Venerdì  16 Giugno in Piazza Municipio a Bolzano, presso il mio banchetto.

Donando qualche spicciolo a sua discrezione, riceverà uno (o anche due, sono quelli piccolini che si mangiano senza sbucciare) splendido esemplare appena colto di questa cucurbitacea.

Foto : Alto Adige/Franceschi

PARIS HILTON COME NELSON MANDELA

9 giugno 2007

A Paris Hilton sono stati revocati gli arresti domiciliari, dovrà quindi tornare in cella e scontare 40 giorni di prigione. Ho fatto un giro dei vari  blog e ho notato commenti entusiastici per questa decisione dei giudici americani.

Vabbè che molto di questo tripudio è dovuto al personaggio e che la prigione dove stava non era precisamente lo Spielberg di Silvio Pellico, ma qui si tratta anche di una questione etica mica da ridere.

Paris Hilton era stata arrestata per essere stata sorpresa alla guida di un´automobile nonostante le fosse stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza, con un tasso alcolico di poco superiore allo 0,08 % ( in Italia per esempio il tasso è dello 0,5%, e fino a pochi anni fa si poteva guidare con uno 0,8 che, a mio parere, è quello giusto), roba che ti mangi due Mon Cheri e sei fuori, tanto per intenderci.

Tirate via Paris Hilton e mettete al suo posto un poverocristo qualunque, davvero lo mettereste in galera per una roba del genere? Io ho sempre pensato che la prigione sia un posto per serial killer, assassini, stupratori, gente violenta insomma, mica un posto dove far marcire chi si mette al volante con una birretta in corpo.

E di questo passo, dove andremo a finire? Carcere a vita per chi si accende una sigaretta in pizzeria?

FREEDOM FOR PARIS HILTON, la Nelson Mandela del ventunesimo secolo

  1. p.s. stasera ho visto una trasmissione dedicata al caso di Natasha Kampusch, la ragazza austriaca rapita all´età di 10 anni e tenuta segregata fino all´età di 18 anni.  Mi ha veramente stupito che anche Corrado Augias, di cui nutrivo una certa stima, si sia anche lui lanciato nella rincorsa al trash televisivo più becero e brunovespiano, corredato da psicologi che fanno a gara a chi la sa più lunga.

 Ma il momento peggiore è stato quando hanno inquadrato un posto che in Italia sarebbe un paradiso, descrivendolo come ” la parte più degradata della zona industriale di Vienna“. Detto da gente che abita in posti dove  l´immondizia giace in strada a tonnellate, suona quantomeno fuori luogo

GUNS N´ RADISH

8 giugno 2007

                                          C

Ciliege, amarene, nespole, fragole,rapanelli bianchi e rapanelli rossi, fagiolini e prezzemolo, rucola ed erba cipollina, cetrioli e cetriolini, zucchine, insalata e cicorietta, mazzi di fiori, piantine di basilico rosso e di margherite di Santa Sofia, cavoli cappucci,  piselli,  sedano e mentuccia. Pomodori no, manca ancora una settimana, se avessi piantato anche una varietà più precoce sarebbero già pronti, ma buoni come il Cuore d´Albenga non ce ne sono altri, quindi aspetterò.

Dopo aver raccolto, coadiuvato part-time dalla Iso, tutta questa roba, averla caricata sul furgone, essermi fatto una bella doccia con annesso raffreddamento brutale dei coglioni, provo di nuovo a chiamare Mario il camminatore, e come succede da tre o quattro giorni, mi risponde la Frau Tim, invitandomi a servirmi del servizio di segreteria telefonica, una delle cose più inutili della telefonia mobile, cazzo se non mi trovi mandami un messaggio e ti chiamo io, o no? Ovvio che Mario non risponde neanche ai messaggi, e quindi il pensiero che mi si piazza in testa è “che fine ha fatto Mario?”

Da questo pensiero salto in men che non si dica a Mathias Rust e mi chiedo che fine ha fatto lui. Faccio una ricerca con altavista ( fino a quando google non si accorgerà di me, lo boicotto) e scopre che due giorni fa era il ventesimo anniversario del suo atterraggio sulla Piazza Rossa, davanti al Cremlino.

Strani scherzi fa il cervello, a volte. Da Mathias Rust passo a Gorbaciov, e mi viene da ridere pensando a quando sono con gente che non mi conosce,  e questa mi guarda con aria strana quando sostengo che Gorbaciov è stato il personaggio più stupido della storia dell´umanità. Anche perchè, a suffragare questa mia teoria porto sempre l´esempio del Risiko.

Quando hai quasi tutta l´Asia, almeno mezza Africa, mezza Europa e qualche territorio in America Centrale,  se perdi non può essere solo sfiga, un po´ mona devi esserlo per forza

p.s. non so che immagine mettere su questo post, intanto quella che vedete, se mi ricordo faccio una foto del banchetto al mercato e metto quella, ciao a tutti e grazie di essere arrivati a leggere fin qui

p.s. 2  questo post non ha nemmeno un titolo, sarebbe bello se me ne suggeriste uno voi, potreste fare questo per me?

RIMANETE PURE IGNORANTI, VI SERVIRÀ PER VOTARE

4 giugno 2007

ignorante1.gif

Certo che a vivere a Bolzano, o più generalmente in Sudtirolo, si respira la sensazione di essere in anticipo sull´orologio della storia.

Mentre a Trento perdono il loro tempo con scemenze tipo il festival dell´economia, qui da noi, oltre a celebrare la festa dello speck originale sudtirolese (prodotto rigorosamente con carne suina di certificata provenienza olandese), si discute se sia opportuno ospitare l´adunata nazionale degli alpini in concomitanza con i festeggiamenti per la ricorrenza del bicentenario delle battaglie del Bergisel condotte dall´eroe Andreas Hofer, il quale in un suo editto scriveva:

«Considerando che i beneficj di Dio ci obbligano alla gratitudine verso di Lui, e che le calamità ed i pericoli ci eccitano ad evitare ciò che potrebbe provocare contro di noi la giustizia punitrice di Dio; considerando che anche la società civile può e deve cercare, con tutti i mezzi che sono in suo potere, d’impedire o preveni­re tutto ciò che spinge al vizio, che può e deve togliere gli impedimenti alla virtù ed assicurarne e facilitarne l’esercizio e che in ciò concorda la grande maggioran­za della Nazione tirolese…»

Hofer vietò canti e balli nelle osterie eccetto nei casi di matrimonio, proibendone l’apertura durante gli uffici divini, fosse vissuto ai giorni nostri come sarebbe considerato?

Ma non tutto è rivolto verso il passato, la Südtiroler Volkspartei, il quasi partito unico di quassù, in questi ultimi giorni ha partorito due interessantissime proposte per i giovani.

 La prima è l´abbassamento dell´obbligo scolastico dai sedici ai quattordici (o quindici) anni, per non privare il mondo del turismo e dell´artigianato di preziosi apprendisti. La seconda è il riconoscimento del diritto di voto, ovviamente solo per le elezioni amministrative, ai sedicenni.

Insomma ragazzi, rimanete pure ignoranti, vi servirà per votare

DIFFICILE CHE MI DIMENTICHI

1 giugno 2007

ricordarsi.jpg

Mi manca dannatamente il tempo, ultimamente ho sempre una marea di cose da fare ma piano piano le cose cominciano a mettersi a posto.

Ho anche finito il mio personale ramadam analcoolico, per cui posso tranquillamente partecipare alle bevute mediatiche alle quali mi hanno invitato Daniele, Chissenefrega, e la Nonsonounascommessa. A quest´ultima porterò virtualmente in dono anche il rapanello bianco più grosso della stagione, pesa a occhio 956 grammi,  è praticamente perfetto, volendo proprio cercare il pelo nell´uovo, ha solo il difetto di non vibrare.

Un cicchettone bloggarolo lo organizzo pure io, mi spiace escludere chi mi ha invitato ma questa è la regola, come dice Daniele, altrimenti diventa tutto un circolo chiuso e non gira la storia.

Allora, da me si beve birra chiara, si mangiano rapanelli col sale e mortadella tagliata a daadini (come direbbe Maaldini), chi ha altri gusti si porti la roba da casa, tanto è tutto virtuale. Ecco gli inviti:

– la Brigida Fraioli, sperando che per l´occasione sfoggi le sue bellissime scarpette rosse nuove

– il Pesce fuor d´acqua, perchè ho giusto 5 scatolette di sgombro che scadono fra una settimana

Aleyakke, che è genovese e gli devo affidare un presente per Daniele Piombi che abita vicino a lui

Roselia, che racconta le barzellette

Paolo&chiaro o la Guressa? Paolo&chiaro, la Guressa abita troppo vicino, capace che viene davvero.

Adesso che ci penso, il nodo lo avevo fatto per la catena dei cinque libri, i quattro che mi mancavano li ho quasi letti tutti, sarà per un´altra volta