E ADESSO?

 lookingduck_sm_wht.gif                E adesso che si fa, amiconi del MURO di RADIO TANDEM? vi ringrazio per esservi trasferiti da me in attesa della sua riapertura (anche se mancano impiastrato, zelig, e altri). Logico che un blog come il mio non sarà mai la stessa cosa del muro, c´è la stessa differenza che passa tra le riunioni al bar del Partito per Tutti, con tutti che parlano insieme saltando di palo in frasca, e gli incontri degli alcolisti anonimi, con l´aggravante che qui uno dice una cosa e gli altri commentano. Ma ci sono anche delle somiglianze, ognuno può usare il nick che vuole, e il fatto di dover indicare l´e.mail è solo una stronzata. Leggetevi gli AVVISI AI NAVIGANTI, ma se volete offro una birra al primo che si firma col nick  “Oscar sei una merda” indicando oscar@seiunamerdapuntoqualcosa

Annunci

13 Risposte to “E ADESSO?”

  1. oscartussiiinamerda Says:

    grazie per la birra

  2. Ramarro Says:

    Ecco l’esempio di un venduto.

  3. http://ilmurobis.splinder.com Says:

    IL MURO E’ MORTO, VIVA IL MURO
    Il muro non è morto, ma solo sospeso. Per gli afflitti da carenza cronica, questo spazio lo simulerà fino al ripristino dell’altro. Ovvio: non potrà mai essere come l’originale, ed infatti non lo è. Qui i posts possono essere lasciati anonimamente e non verranno cancellati.

  4. www.lucamarcon.com Says:

    UN POLITICO PRESTATO ALLA FILOSOFIA
    Sull’attuale presidente del consiglio (provinciale) si è già scritto: fu quando si presentò in sala alla riunione di Lavoro & Salute per offrire appoggio morale, dimenticandosi purtroppo appena fuori dalla porta quello sostanziale. Ovvero, e dalla sua posizione di allora consigliere provinciale verde, una sana e auspicabile battaglia “ambientale” sul tema inceneritore e collegati: che, per dirla in breve, si chiamano diossine, furani, tutta la famiglia delle PM e quant’altro. Il resto è storia di oggi: sull’inceneritore non si è più sentito nulla, mentre il tema verde per eccellenza è diventato il tunnel del Brennero. Che, come ha già detto qualcuno, ricorda il giochino abitualmente praticato da Durnwalder e dalla SVP: vale a dire, separare l’azione di governo dall’azione di partito, che in altre parole significa preservare il consenso (elettorale) dalle scelte impopolari che l’esercizio del potere obbliga a compiere. Nel caso della colomba locale, tra l’elettorato del capoluogo in caduta libera ed i consensi in forte aumento lungo l’asse BBT, si è scelto di privilegiare questi ultimi: sia per la quantità dei voti in gioco, che per l’assenza di ritorsioni svantaggiose dal punto di vista politico. Che i verdi sudtirolesi si candidino a governare con la SVP non è un mistero per nessuno. In tal senso i segnali sono stati già lanciati: dal passaggio alla SVP delle deleghe sull’ambiente in giunta comunale di Bolzano, ad una sostanziale abdicazione sul principio dell’’interetnicità, il messaggio è chiaro. Anzi, cristallino. Resta un rimpianto piuttosto pesante. Alexander Langer, del quale si cita sempre più a sproposito il nome, ma sempre meno le idee a fondamento dei suoi principi e delle sue azioni, sacrificò nel nome di un ideale la sua carriera politica: lo fece opponendo il gran rifiuto alla dichiarazione di appartenenza etnica e ben conscio di ciò che detta scelta avrebbe provocato. Può darsi sia stato dovuto al fatto che, prima di un politico, egli era davvero un filosofo: nel senso di un uomo per cui le idee valevano qualcosa e non erano né disponibili, né tantomeno in vendita; nemmeno per il più prestigioso degli scranni. Altri tempi, verrebbe da dire: no, altri uomini. Perché certe “onorificenze” non basta rifiutarle: bisogna non meritarle.

  5. nonsonounacommessa Says:

    Io arrivo sempre in ritardo…adessso leggo tutto!

  6. vicario Says:

    funziona!!

  7. www.lucamarcon.com Says:

    FIRMIAN E LA CORAZZATA POTËMKIN
    Nel film Il secondo tragico Fantozzi di Luciano Salce, il ragionier Fantozzi – costretto con i suoi colleghi dal mega-direttore ad assistere e poi commentare film noiosissimi rinunciando perfino a imperdibili appuntamenti calcistici – reagisce all’imposizione cinefila con una celebre battuta: «Per me… la corazzata Potëmkin è una cagata pazzesca!». Gli applausi ed incoraggiamenti «per 92 minuti consecutivi» al ragioniere sono seguiti dalla distruzione della copia del film di Ejzenštejn e dalla proiezione dei film «Giovannona Coscialunga disonorata con onore», «L’esorciccio» e un inesistente «La polizia si incazza». Ma la ribellione è presto sedata e gli impiegati sono costretti dal mega-direttore a ripetere fisicamente la nota scena della scalinata di Odessa «tutti i sabato pomeriggio fino all’età pensionabile». Perché non tentare anche noi? Ecco: «Per me… il quartiere Firmian è una cagata pazzesca!». Ahah, che liberazione! Provare per credere.

  8. amesembraunastrinzata Says:

    ve bhe tutto ma chi se ne frega di sta roba dei muri e delle pareti. oscar speravo in qualcosa di più vario, pepato e intelligente dal tuo blog. altro che oscarferrari.ecceteraeccetera, dovevi chiamarlo il muro del pianto

  9. nonsonounacommessa Says:

    Che delirio!!!

  10. nonsonounacommessa Says:

    Buon week-end Oscar!

  11. impiastrato Says:

    non rompere i coglioni diessino o verde ‘amesembraunastrinzata’. fatti i cazzi tuoi e vai in cerca di brillantezza altrove. qui c’è gente pesa che vorrebbe schiacciarvi, appunto

  12. noblessoblige Says:

    sono ammirata

  13. Il Muro Bis Says:

    QUINTO (ED ULTIMO) GIORNO
    Meno male: le copie vengono sempre peggio degli originali. Per non dire che certi originali lo sono così tanto da non renderle possibili. Le copie, intendo. Se tutto va bene, da domani si riparte: sono curioso (ma credo di poter dire che lo siamo tutti) di vedere le mirabilie che il nostro prode wm avrà escogitato. La più grande delle quali sarebbe quella di ripartire esattamente da dove ci si è fermati l’ultima volta. Ora c’è una decisione da prendere. Che facciamo di questo similmuro: l’abbattiamo o lo modifichiamo geneticamente? Si attendono proposte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: