Archive for ottobre 2010

NON RIESCO PIU’ A PENSARE ALLE COSE IMPORTANTI

21 ottobre 2010

Si fa presto a dire che sono sempre i migliori quelli che se ne vanno, per essere credibili bisognerebbe poter dimostrare con accettabile approssimazione (catartica o sofistica non ha importanza, dal momento che di un’approssimazione si tratta, va bene tutto), che non sono mai i peggiori quelli che vengono.

 Da queste poche righe molti sarebbero tentati dal trarne previsioni catasfrofiche per il genere umano, senza tener conto che, casomai,  esse si sarebbero certamente avverate prima della loro comparsa su questo pianeta.

Alla prima brinata, le piante di zucchine fuori serra sono andate in malora, da piante rigogliose e scevre da mal bianco qual erano, si sono trasformate in un ammasso di fogliame vitreo e cadente, il primo passo verso l’inevitabile insecchimento al quale erano comunque destinate, vista la loro natura di piante non perenni.

Niente di grave, era evento ampiamente previsto e a breve termine anche le piante in serra seguiranno sorte medesma, è nell’ordine naturale delle cose. Poi, se unobarraa vuol mangiarsi le zucchine a gennaio che faccia pure, ma non mi chieda di essere suo complice.

Perdonatemi, ma questo mio fiorir di ragionamenti nichiloagricoli mi ha tolto dalla testa quello che più conta in questi giorni. Il sapere chi ha ucciso Sarah Scazzi e se il programma di Fazio e Saviano andrà in onda oppure no

RIATTACCO

2 ottobre 2010

 

La cosa che più assomiglia ad un’aureola, sono le corna. E, per quanto ridondante un teorema possa essere, mai verrà assorbito se non ad una o più condizioni. Non sono citazioni prese a casaccio dall’ Opera Mummia di Stielike, come a qualche anima malevola potrebbe testè venire in mente. Sono i commenti che scrivo in altri blog e su feisbùc e la linkatura, per motivi di brevità e di autostima che sarebbe troppo dannoso spiegare (quando per spiegare la necessità di essere coincisi ci si mette di più coe a non esserlo affatto, non è proprio un buon segno), è limitata alle prime due parole solo per non fare un post troppo colorato.

Detto questo, vado avanti con l’opera e mi auguro che altri seguano il mio esempio, come in una specie di catena siete tutti nominati, anche gli incliccabili.

 Prendendo per buono quel che scrisse Marco Armani, un cuore ce l’hanno tutte, e il valore dell’oro fluttua. Preferisco il punk in un locale di Bellinzona. Ma adesso basta con questo giochino e leggetevi queste parole di Miss Kappa

Sono ancora lontana dall’Aquila. Tornerò a breve. Da qui, la mia città mi appare un incubo al quale, nonostante tutto, desidero tornare. La casa, quella nella quale vivo da qualche mese, mi appare estranea. Nulla mi invita a riaprirla. Né le cose che ho salvato dalla distruzione, né l’idea di un tetto per l’inverno. Sono estranea al mondo che mi circonda. Faccio finta di essere normale, ma non lo sono. Non si può più essere normali, dopo una disgrazia come quella che stiamo patendo. La sensazione è dell’instabilità totale: il sentirsi inadeguato ovunque. Meno che tra quelle montagne. Non fra quelle mura, ma su quella terra che è l’unica cosa che mi dice che i ricordi si possono ancora toccare

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 83 follower